fbpx
Print Friendly, PDF & Email

Mercatini Montepulciano e Siena Segreta e Pavimento del Duomo

In Breve

Il Villaggio di Babbo Natale prende vita nella parte alta del borgo medievale di Montepulciano, tra la Piazza del Duomo e la Fortezza Medicea. Montepulciano è certamente uno dei un borghi tra i più belli d’Italia, che ha saputo mantenere intatto il suo splendore Cinquecentesco. Visitare Montepulciano significa immergersi con tutti i sensi in una esperienza indimenticabile, ricca di fascino, tra i profumi e i sapori di una regione conosciuta e apprezzata in tutto il mondo per i suoi paesaggi mozzafiato e la sua innata e gentile capacità di accogliere e coccolare i turisti.

La storia, l’arte, il vino e le tradizioni sono gli elementi di una terra unica, dove il viaggio diventa emozione. Chiese, palazzi, monumenti storici, gli edifici più importanti si affacciano su Piazza Grande e lungo il chilometro e mezzo del Corso centrale, si mostra una “galleria” di straordinario valore storico e architettonico.

Il Museo Civico dal 1954 ha sede in Via Ricci, nel trecentesco Palazzo Neri Orselli. Vi si tengono iniziative culturali e mostre e la recente attribuzione a Caravaggio di un ritratto della collezione ha suscitato un nuovo, fortissimo interesse per questo museo.

 In via del tutto eccezionale, per la prima volta nella storia del Complesso  monumentale del Duomo di Siena, sarà possibile ammirare il Pavimento della Cattedrale, interamente scoperto, anche durante la stagione autunnale.

 

 

 

 

whatsapp-image-2020-09-15-at-08-41-10-1

 

Da oggi per due mesi potete vedere a Siena il pavimento più bello del mondo VIDEO - ArtsLife

 

A pochi metri dalle mura del Castello di Babbo Natale, ti aspetta un mercatino natalizio caratteristico, con ottanta casette di legno e addobbi a tema. Il mercatino è ospitato nella magica cornice di Piazza Grande, in via San Donato e nelle vie adiacenti. All’interno del mercatino sarà possibile, naturalmente, anche gustare specialità e cibi caldi tipici dello street food di qualità.

Grande attenzione è stata riservata  all’originalità dei prodotti venduti nel mercatino, con il coinvolgimento delle associazioni degli artigiani e la presenza di diversificate categorie di prodotti: addobbi e decori natalizi, prodotti alimentari, dolciumi, abbigliamento e pelletteria, artigianato locale e tanto altro ancora.

Il mercatino, grazie al vasto spazio pedonale a disposizione, è, inoltre, il luogo ideale per una serie di spettacoli, show e attività di animazione per tutta la famiglia.

 

Vieni a conoscere

Babbo Natale!

Ogni bambino può immaginarlo o sognarlo dove e come vuole… ma anche quest’anno Babbo Natale ha deciso di aspettare i suoi piccoli visitatori a Montepulciano, in provincia di Siena, nella sua fantastica dimora situata all’interno dell’imponente Fortezza Medievale.

 Un Castello da sogno, ricco di luci, addobbi, sorprese, dove tutti i bambini possono incontrare il vero protagonista del Natale, tra giochi, canti, attività didattiche e di intrattenimento, spettacoli interattivi, laboratori creativi.

Spettacoli di magia Anche quest’anno nelle segrete del Castello di Babbo Natale, vi aspetta un incredibile spettacolo di magia sul palco al piano -1, come ultima sorpresa prima di lasciare il Castello.

Lo storico mago di Babbo Natale, Paolo L’Illusionista che vi terrà compagnia per tutto Dicembre.

Al Castello di Babbo Natale il divertimento e la magia non mancano mai. Vi aspettiamo!

Il mini ranch dei pony,docili cavallini da accarezzare e cavalcare per una passeggiata all’interno del giardino della Fortezza, prima di scattare una splendida foto-ricordo.

Spettacolo Centro Equestre Tre Laghi

L’ASD Centro Equestre Tre Laghi, dopo i successi

ottenuti a Verona Fiera Cavalli, partecipa a “Natale a

Montepulciano” per trascorrere con grandi e piccini delle splendide giornate all’insegna dell’arte equestre con spettacoli di volteggio, cavalli in libertà e dimostrazioni di dressage.

Partenza: 11 Dicembre - 13 Dicembre
Durata: 3 giorni 2 notte
Gruppo minimo: 25 massimo 35 persone (il bus ha capienza di 58 posti pertanto distanziamento ampiamente rispettato anche oltre le ordinanze regionali) Nostra assicurazione copre per eventuale pandemia. I Viaggi di Giorgio garantisce l'igienizzazione dei propri autobus nel rispetto di tutte le normative anti-Covid 19. Effettuiamo la misurazione della temperatura di tutti i passeggeri prima di salire a bordo del bus. Garantiamo il distanziamento dei posti a sedere come da direttive governative, I nostri bus sono dotati di prodotti igienizzanti e inoltre vi garantiamo il ricambio di aria grazie a impianti di aerazione costantemente monitorati. A bordo e’ obbligatorio indossare le mascherine.
Costo per persona: Euro 295,00 Sup.singola 50,00
Prenotazioni entro: entro il 30 ottobre versando acconto di euro 90,00 saldo 20 giorni prima della partenza. Essendo inclusa la nostra polizza anti Covid19,contro tutte le pandemie,siete coperti sino al giorno di partenza in caso di ANNULLAMENTO AL TOUR. n.b LA DATA SCADENZA NON DA GARANZIE DI TROVARE POSTO VI CONSIGLIAMO DI PRENOTARE PRIMA POSSIBILE

Il Programma di Viaggio

 In via del tutto eccezionale, per la prima volta nella storia del Compless monumentale del Duomo di Siena, sarà possibile ammirare il Pavimentodella Cattedrale, interamente scoperto, anche durante la stagione autunnale.

 

1°GIORNO: ROMA – SIENA – VISITA GUIDATA DEL CENTRO STORICO

Ritrovo dei partecipanti e partenza per Siena con bus G.T. Arrivo incontro con la guida e inizio del tour.

                              Tour Siena Segreta e complesso del Duomo di Siena

Al mattino andremo alla scoperta di Siena Segreta, le storie, i luoghi    e gli aneddoti meno conosciuti, ma più affascinanti di questa  straordinaria città medievale. Insieme, ci addentreremo in quel   meraviglioso groviglio di vicoli, torri e piazze nascoste che   custodisce la storia più antica e segreta della città.Chiese poco note ma straordinariamente ricche di capolavori, vicoli   rimasti intatti attraverso i secoli, tracce nascoste di antiche arti e
mestieri,la via francigena e i banchieri senesi, ma anche la natura   che entra dentro le mura in un tessuto urbano medievale ancora   palpitante di vita. Misteri, storie dimenticate, curosità, leggende e   personaggi che hanno fatto epoca.
Pranzo libero.
Come in cielo, così in terra. A Siena si scopre il Pavimento del Duomo | Artribune
Al pomeriggio andremo a visitare la cattedrale di Siena e il suo   straordinario pavimento a commessi marmorei, 56 riquadri che hanno   stupito generazioni di viaggiatori e pellegrini. Michelangelo, il   Bernini e Nicola Pisano hanno arricchito con i loro capolavori questo   tempio bellissimo, per concludere con la libreria Piccolomini ed i   suoi abbaglianti colori, splendenti come Il Pinturicchio li dipinse e   come Raffaello li pensò.

 

 

 

Tempo libero per i mercatini di Natale e ammirare le famose luci d’artista le luminarie e gli spettacoli di luci proiettate sui muri dei palazzi.

In serata  trasferimento a Montepulciano. Sistemazione nelle camere.

Cena e conseguente pernottamento in hotel.

whatsapp-image-2020-09-15-at-08-41-09

2°GIORNO: MONTEPULCIANO – VISITA CENTRO STORICO- MERCATINI – ROMA

Prima colazione in hotel. Visita guidata del centro storico di Montepulciano .Il borgo medievale tra la Piazza del Duomo e la Fortezza Medicea. Montepulciano è certamente uno dei un borghi tra i più belli d’Italia, che ha saputo mantenere intatto il suo splendore Cinquecentesco. La storia, l’arte, il vino e le tradizioni sono gli elementi di una terra unica, dove il viaggio diventa emozione. Chiese, palazzi, monumenti storici, gli edifici più importanti si affacciano su Piazza Grande e lungo il chilometro e mezzo del Corso centrale, si mostra una “galleria” di straordinario valore storico e architettonico.

Visiteremo il centro storico, nella prima piazza che si incontra, si può ammirare la Colonna del Marzocco, una possente colonna in marmo con il leone araldico di Firenze, la Chiesa di Sant’ Agostino, progettata da Michelozzo, importante artista che operava per la potente famiglia dei Medici. La chiesa conserva un Crocifisso attribuito a Donatello.

La casa torre, sormontata dalla curiosa figura di Pulcinella, che batte le ore del grande orologio. L’elegante Palazzo Cervini, e poco prima che la strada svolti, ecco la casa del Poliziano, grande umanista e poeta sotto il patrocinio del famoso Lorenzo dè Medici. La bellissima Piazza Grande, il cuore della città. Si consiglia di fermarsi per un minuto al centro della piazza oppure vicino alla bella fontana adornata con un grifone e un leone ad un lato della piazza, per contemplare ed assaporare la sua incredibile atmosfera evocativa; il Duomo, il Palazzo Comunale, Palazzo Tarugi e Palazzo Contucci.

Pranzo libero.

Tardo pomeriggio visita ai mercatini di Natale. E soprattutto alle luminarie,ai suoni e luci e spettacoli che saranno proiettate sui muri dei palazzi uno spettacolo straordinario che non ha eguali in Italia

whatsapp-image-2020-09-15-at-08-41-09-1

                      Christmas Terrace, Emozioni e Calici

Natale a Montepulciano si arricchisce di un nuovo spazio esclusivo… la Christmace Terrace, una terrazza nel cuore del centro storico, a pochi metri dal mercatino di Piazza Grande.

Uno spazio unico e suggestivo, ricavato all’interno di una terrazza naturale che domina la Val d’Orcia, incastonato tra le mura rinascimentali della Perla del ‘500, da cui ammirare uno dei paesaggi più belli della Toscana, degustando un calice di Vino Nobile di Montepulciano DOCG accompagnato da assaggi di eccellenze gastronomiche.

Un luogo sospeso nel tempo, dove stimolare i sensi e godere dell’atmosfera magica di questo magnifico angolo di Toscana.

        
       

In collaborazione con il Consorzio del Vino Nobile di Montepulciano

Cena e pernottamento in hotel.

3° Giorno Montepulciano-Borgo Montefollonico- Roma

Prima colazione in hotel e rilascio delle camere.Trasferimento per la visita guidata del Borgo  Montefollonico.

 

Montefollonico Archivi - Siena News

Montefollonico sorge sulla cima di un colle a pochi chilometri da Torrita di Siena: è un suggestivo borgo in pietra di circa 500 anime ed è facilmente raggiungibile anche da Montepulciano e da Pienza. Come potrete constatare dai cartelloni, Montefollonico può vantare la bandiera arancione, un marchio di qualità turistica e ambientale: il borgo infatti si contraddistingue per un centro storico armonico e ben conservato, con vie strette e contorte che si snodano tra abitazioni ed edifici di epoca medievale..

La storia di Montefollonico è molto antica. Il ritrovamento di alcuni utensili nella località “Il Tondo” permettono di confermare la presenza nella zona degli uomini di Neanderthal, più di 60.000 anni fa. Inoltre, sono presenti tracce di epoca etrusca e romana. Il vero sviluppo del borgo è avvenuto dopo l’anno mille, in epoca medievale, grazie alla fondazione della pieve di San Leonardo da parte dei monaci cistercensi; i monaci si dedicavano alla follatura della lana, da cui il nome latino “fullones”, che poi è rimasto nell’etimologia di Montefollonico.

La posizione strategica del borgo fortificato venne utilizzata nel XIII secolo dalla Repubblica di Siena come avamposto contro Montepulciano, alleato di Firenze. Fu questo un periodo di grande prosperità per il borgo e gran parte degli edifici attualmente presenti risalgono a questa epoca. La sua indipendenza durò fino al 1552, quando si arrese contro l’esercito imperiale spagnolo, fino a passare sotto il dominio fiorentino dei Medici due anni più tardi.

Le mura di Montefollonico sono un segno distintivo del borgo: sono infatti ben conservate e presentano ancora il castello e molte torri. Sono ancora ben visibili le tre porte che danno accesso al centro storico: porta a Follonica, porta del Triano e porta del Pianello. All’interno del borgo sono presenti anche la chiesa di San Leonardo e il monastero di Santa Maria, risalenti al XII secolo, oltre alla chiesa di San Bartolomeo Paleocristiana, risalente al VII secolo. Grande interesse riveste poi il parco naturale “Il Tondo”, situato in cima al colle, nei pressi di Montefollonico, contraddistinto da un bosco di cipressi e lecci disposti in maniera circolare.

Pranzo libero.

Al termine partenza per il rientro a Roma

 

Informazioni generali

La quota comprende :

Bus G.T per la durata del tour,parcheggi e chek-point

2 notti in mezza pensione hotel

Visite guidate a Siena.Montepulciano e Montellonico guide autorizzate Regione Toscana

Assicurazione medica e bagaglio e ANNULLAMENTO AL VIAGGIO

Accompagnatore da Roma dei Viaggi di Giorgio

Non comprende:

Bevande ai pasti.

Eventuali ingressi a siti e monumenti e tassa di soggiorno.

Mance pari a 15,00 euro

Tutto quanto non previsto nella “quota comprende”

“Al vedere la stella” I presepi carattestici nelle chiese del centro storico

I Presepi realizzati in occasione delle festività natalizie hanno un minimo comun denominatore, rappresentato da uno dei tanti simboli di questo tempo liturgico e, nel contempo, caro alla tradizione evangelica: la stella. Il progetto che presentiamo infatti si chiama “Al vedere la stella” con esplicito riferimento al brano del Vangelo secondo Matteo, dove si narra dell’arrivo dei Santi Magi presso la grotta di Betlemme dove, guidati dalla stella, al vedere il Bambino Gesù avvolto in fasce, “provarono una grandissima gioia”.

Non è un caso che sulle facciate delle chiese parrocchiali, San Biagio, Sant’Agostino e il Santissimo Nome di Gesù – la prima alle pendici del colle poliziano, le altre due in pieno centro storico – verrà proprio raffigurata una stella luminosa che vuole invitare i pellegrini e i turisti a contemplare il mistero del Dio fatto uomo che, ancora oggi, affascina e interroga l’uomo del nuovo millennio. Ovviamente non può essere esclusa da questo progetto la chiesa Cattedrale, la quale racchiude tesori d’arte di inestimabile valore, e – per la prima volta – un Presepe esterno che verrà posto sul sagrato della stessa.

Invitiamo dunque ciascuno a visitare le quattro chiese stazionali, partendo da San Biagio per giungere in Cattedrale, seguendo la stella, per provare – come i Santi Magi – quella “grandissima gioia” alla quale aneliamo, come pellegrini in cammino verso la pace cantata dagli angeli la notte di Betlemme.

La chiesa Cattedrale

Luce da Luce…generato, non creato, della stessa sostanza del Padre (Simbolo niceno-costantinopolitano)

Nella maggior Chiesa della città l’intero Presepe, posto in una delle cappelle laterali nella navata destra, è illuminato da luci di vari colori, a ricordo di quell’arcobaleno che comparve, dopo il diluvio universale, a perenne alleanza di pace tra Dio e l’Uomo.

Notizie sulla chiesa Cattedrale

L’attuale duomo, o cattedrale, di Montepulciano fu costruito, con notevole sforzo economico, nel corso di quasi un secolo, dal 1594 al 1680. L’edificio precedente era una chiesa romanica; il campanile, che oggi occupa il lato sinistro, costruito nel XV secolo, era appoggiato all’abside della vecchia chiesa. Il merito della conclusione dei lavori spetta ad Antonio Cervini, vescovo dal 1663 al 1706; l’inaugurazione del duomo ormai completato avvenne nel 1680, ad opera del Cervini stesso. La più importante opera d’arte del duomo è sicuramente il monumento funebre all’umanista e diplomatico pontificio Bartolomeo Aragazzi, che fu smembrato ai primi del Seicento, quando si dovette abbattere la vecchia chiesa; e non fu più ricomposto. La VI cappella è dedicata alla Madonna di S. Martino, pittura parietale qui trasportata nel 1617, mentre si costruiva la prima navata della cattedrale. L’altare maggiore in marmo fu fatto costruire dal vescovo Emilio Giorgi nel 1945, al posto del precedente altare, in finto marmo e risalente al Seicento. La cosa più imponente e di maggior richiamo del duomo è sicuramente il trittico, del senese Taddeo di Bartolo, datata 1401: è la più grande pittura su tavola di tutta la scuola senese.

(scopri di più)

La chiesa di San Biagio

Il popolo che camminava nelle tenebre vide una grande luce (Is 9,1)

Il Presepe è situato nella sabbia, a ricordare la fragilità umana nella quale si innesta il Figlio di Dio. Il nostro è un mondo sabbioso, dove l’unica solidità viene data dalla Santa Famiglia di Nazareth, modello ed esempio di ogni famiglia umana.

Notizie sulla chiesa di San Biagio

Ad un purissimo Rinascimento appartiene l’altra opera grandiosa di Montepulciano, quella che da sola costituirebbe il vanto di una grande città: il tempio della Madonna di san Biagio. E’ il capolavoro di Antonio da Sangallo il Vecchio, un complesso in travertino che ad ogni ora del giorno ha le sue sfumature. Lo si raggiunge in pochi minuti percorrendo la via per Chianciano Terme e volgendo poi a destra, all’altezza del bivio per Pienza. Un dritto, verde viale di cipressi sbocca dinanzi a questo miracolo artistico, sorgente nella solitudine di un prato. Di fianco al tempio, dal quale lo separa una striscia verde, è l’elegante canonica dal portico dorico e dalla loggia ionica: uno snello edificio il cui travertino ha pure preso il colore dell’oro. La costruzione, iniziata nel 1518 da Antonio da Sangallo il Vecchio sui resti dell’antica Pieve di san Biagio, ebbe luogo in seguito a cospicue raccolte grazie ad episodi miracolosi avvenuti intorno ad una Madonna affrescata su una parete della Pieve stessa. L’edificio, nella sua pianta a croce greca con alta cupola impostata su una terrazza con abside semicircolare, riecheggia il progetto del Bramante per san Pietro a Roma.

(scopri di più)

La chiesa del Gesù

Io sono la luce del mondo, chi segue me non cammina nelle tenebre (Gv 8,12)

Viene presentato ad ogni uomo e donna di buona volontà il Salvatore del mondo, fattosi carne la notte di Betlemme nelle sembianze di un neonato indifeso. Questo Presepe, diverso dagli altri, ricorda che i bambini sono il paradigma di ogni vita autenticamente cristiana.

Notizie sulla chiesa del Gesù

Si trova all’interno della città in via di Voltaia nel Corso, accanto all’ex Seminario Vescovile. La costruzione della chiesa risale alla venuta dei Gesuiti a Montepulciano ed ebbe inizio l’anno 1690 su disegno dell’architetto milanese Giovanni Battista Arrigoni. Ma, poichè giunta all’altezza della strada e la costruzione con quel disegno sembrava troppo costosa, i Gesuiti chiesero un nuovo progetto al loro confratello Andrea Pozzo, già noto per le pitture prospettiche come quelle delle volte della chiesa di sant’Ignazio a Roma. La chiesa del Gesù, dove è eretto il Santuario delle “Tre Ave”, è senz’altro del predetto artista gesuita, pittore, scultore e architetto. Il suo elegante interno è di forma ellittica, di stile barocco, con quattro arcate formanti le cappelle laterali, la nicchia d’ingresso e il presbiterio. Le pareti sono ornate di stucchi di Francesco Natari di Siena e le statue sono di Bartolomeo Mazzuoli. L’altare maggiore è consacrato al santissimo nome di Gesù, quello di destra alla Madonna delle “Tre Ave” e quello di sinistra al Sacro Cuore.

(scopri di più)

La chiesa di Sant’Agostino

Veniva nel mondo la luce vera, quella che illumina ogni uomo (Gv 1,9)

Il Presepe pone in rilievo, sulla sinistra della scena, l’immagine dei genitori del Bambino Gesù, Maria e Giuseppe, posti in adorazione del proprio figlio, inatteso ma accolto senza alcuna riserva. Ad adorare, insieme a loro, anche i Magi e i pastori.

Notizie sulla chiesa di Sant’Agostino

Sorge nel centro della città. La bella facciata gotico-rinascimentale, che si eleva su un ampia scalinata, è del secolo XV, eseguita dallo scultore e architetto fiorentino Michelozzo Michelozzi. Il suo interno, a una sola navata, è dominato dall’altare maggiore sul quale è posto un Crocifisso ligneo a grandezza naturale attribuito a Donatello (1396-1466). Sul primo altare, entrando a sinistra, si ammira una pala con l’Annunciazione dipinta da Cesare Nebbia nel 1595. Nel secondo altare, si trova la Madonna della Cintola di Federico Fiori detto il “Barroccio” (1528-1602), mentre sul terzo altare è raffigurata una Crocifissione del fiorentino Lorenzo di Credi (1459-1537). Il centro dell’abside è abbellito da un Crocifisso, pregevole dipinto attribuito al pittore fiorentino Antonio da Sangallo.

torna su