menù

BHUTAN – FESTIVAL DI THIMPHU

Prezzo
4.700,00€ per persona
Data
10/09/2024
Durata
9 giorni - 8 notti
Destinazione
Bhutan
Viaggiatori
10 persone
  • Informazioni
  • Mappa
  • Recensioni
  • Informazioni aggiuntive
  • Tour simili

Cosa è incluso

Destinazione
Bhutan Mappa Bhutan
Informazioni aggiuntive
Saldo entro: 40 giorni prima della partenza. Prenotazioni entro: fino ad esaurimento posti disponibili
Prezzi aggiuntivi
Suppl. Singola: 400,00€ acconto: 1500,00€
Programma del tour

   Bhutan e felicità: un modello per il mondo del futuro

In controtendenza con il resto del mondo, in Bhutan la felicità è al centro della politica nazionale. Felicità significa senso di comunità, spiritualità, tutela dell’ambiente e della tradizione: valori che, piano piano, anche il mondo occidentale comincia a riscoprire

Il Festival di Thimphu

Il Tshechu, festa buddista che significa “decimo giorno”, si tiene ogni anno in vari templi, monasteri e dzongs in tutto il Bhutan. E’ celebrato il decimo giorno del mese del calendario lunare corrispondente al compleanno di Guru Rimpoche, colui che introdusse il buddismo in Bhutan. Gli Tshechus sono grandi eventi dove intere comunità si riuniscono per assistere a danze con maschere religiose, ricevere le benedizioni e socializzare. Ogni danza con le maschere eseguita durante un Tshechu ha un significato speciale o una storia di molto tempo fa. Nei monasteri le danze vengono eseguite da monaci e nei villaggi remoti ad essi si aggiungono le persone comuni. Uno dei Tshechus più popolare del Paese, in termini di partecipazione, è il Thimphu Tshechus. La festa dura quattro giorni; il primo giorno nel cortile del dzong e l’ultimo giorno con l’esposizione del Thanka sacro che è un dipinto sulla seta e vederlo è considerato una benedizione.

Il Festival di Thimphu è un momento straordinario per osservare il dinamismo e l’energia dei monaci danzanti. Un viaggio incredibile per scoprire uno dei centri più vivi nel mondo dove funzioni religiose, trame teatrali mitiche ed evocazioni vicine allo spiritismo sono immerse in un folclore intenso e   toccante.

Il Bhutan, detto anche “terra del Dragone Tonante” (Druk Yul) è una piccola regione buddista, celata tra le piane della catena dell’Himalaya, racchiusa tra la Cina e l’India. Qui i paesaggi sono decisamente mozzafiato: picchi innevati e foreste incontaminate sono gli assoluti protagonisti di un autentico viaggio nel passato. La cultura e le tradizioni tipiche del Bhutan traggono origine dal Buddismo, religione principale che tuttavia sul territorio viene vissuta come una vera e pratica filosofica che influenza ogni genere di attività quotidiana. Tra le celebrazioni tipiche del Buthan, si distingue in particolar modo il Festival di Thimphu, occasione primaverile per celebrare la comunità, attraverso rituali e preghiere volte alla salute e alla felicità.

Nel corso dei secoli, molti sapienti Lama, istituirono la tradizione di eseguire danze propiziatorie con l’intento di invocare gli dei Tantrici in grado di annientare il male attraverso il loro potere e le loro benedizioni, questo per permettere al Buthan di godere della perpetua felicità.

Caratterizzano ad oggi la celebrazione tipica del Buthan, danze in maschera quali la Guru Tshengye ovvero le “8 manifestazioni del Guru” e la Shaw Shachi o “danza dei cervi” particolarmente apprezzate poiché del tutto simili a quelle teatrali. Ad esse si alternando gli Atsaras, che rivalutano la figura del “clown occidentale” attraverso precisi significati tradizionali e storici che evocano e uniscono “sacro e profano”. Sono invece i Dupthob o Acharya, ovvero l’ordine degli insegnanti che solo può permettersi di “burlarsi del credo buddhista” a fornire protezione alla popolazione: si ritiene infatti che le danze e i loro scherzi contribuiscano a impedire l’ingresso alle forze del male per non causare danni durante il Tshechu. Durante la celebrazione essi recitano inoltre brevi scenette volte a diffondere messaggi di salute e sensibilizzazione sociale. Insomma, il Festival di Thimphu, ogni anno rappresenta l’occasione per festeggiare, per ricevere le benedizioni pregando per la salute e la felicità. I suggestivi suoni di cimbali e tamburi, il turbinio di maschere e colori, alimentano in questo modo il tipico aspetto incantevole che echeggia tra le vallate dell’Himalaya, contribuendo a rendere il territorio del Buthan, ancora più suggestivo e imperdibile.

Buthan-Festival-Thimpu

SONO PREVISTI VOLI DI AVVICINAMENTI A ROMA O VOLI DA MILANO E DA ALTRE CITTA’

 

1° giorno: Roma – Delhi

Incontro dei partecipanti presso aereoporto di Roma Fiumicino e operazioni imbarco volo diretto a Delhi con scalo. Arrivo a Delhi, accoglienza e trasferimento in hotel, sistemazione in camera e pernottamento.

2° giorno: Delhi

Colazione in hotel e la visita della vecchia Delhi: antica città murata.

Must explore markets in Old Delhi for ardent shoppers | Times of India Travel

Si visita il Raj Ghat, il sito commemorativo del Mahatma Gandhi.

Raj Ghat è il mausoleo del mahatma Gandhi. E’ tanto semplice quanto il leader del movimento independentista dell’India, una semplice piattaforma di marmo che si trova al posto del corpo cremato di Gandhi, il giorno dopo la sua morte, il 31 Gennaio del 1948. La piattaforma si trova all’aria aperta, in un giardino tranquillo, con una fiamma accesa tutto il tempo in memoria del mahatma. Siamo vicini al fiume Yamuna, a Delhi. Oggi, la maggioranza dei capi di governo dei paesi stranieri, quando va in India, arriva al mausoleo per inchinarsi davanti a Gandhi.

Un luogo magico, pieno di pace, serenità e le risa dei bambini che visitano il sepolcro eretto in memoria a Gandhi, un uomo che visse e morì povero materialmente, ma ricco spiritualmente. Fu capace di ottenere l’indipendenza dagli inglesi senza violenza: un uomo semplice, allegro, tranquillo come pochi. Come illustra la scritta incisa in sanscrito, le sue ultime parole furono “Oh Signore!”

In segno di rispetto verso il posto, bisogna togliersi le scarpe quando ci si avvicina alla piattaforma di marmo. Il posto è molto silenzioso e si sente l’emozione della gente.

Raj Ghat, Delhi City - Timings, History, Best time to visit

Jama Masjid, la più grande moschea dell’India che può ospitare fino a 20.000 fedeli, e il vivace e colorato mercato della parte vecchia della città.

Must see: Amazing picture of empty Jama Masjid on Ramzan's 1st day, first since 1857

L’imponente moschea di Old Delhi è la più grande dell’India, con un piazzale capace di contenere fino a 25.000 fedeli. Costruita nel 1644, fu l’ultima di una serie di opere architettoniche commissionate da Shah Jahan, l’imperatore moghul cui si devono anche la costruzione del Taj Mahal e del Forte Rosso.

Per costruirla ci vollero più di sei anni di lavoro da parte di migliaia di lavoratori, e fu completata nella metà del ‘600. Ha una storia lunga e complessa. Nel 1857, alla vittoria dell’esercito inglese durante la ribellione indiana dello stesso anno, fu occupata dai soldati britannici e rischiò di essere demolita per punire la città. Per fortuna, temendo ritorsioni dal governo e dalla cittadinanza, la moschea si salvò. Il suo fascino è rimasto inalterato nel tempo, ed è tuttora uno dei luoghi più visitati e amati di tutto il paese. È un palazzo molto frequentato, sia dai fedeli che dalla popolazione locale, che spesso ne consiglia la visita a chiunque sia di passaggio in città. è uno dei posti migliori per immergersi nell’atmosfera più autentica di Nuova Delhi. I minareti rossi e bianchi fanno da sfondo a un paesaggio sempre vario, brulicante di vita.

Pranzo in ristorante.

Nel pomeriggio visita del Akshardam e Tempio di Loto. Swaminarayan Akshardham è un tempio indù e un centro spirituale-culturale molto importante in India.

Private Old and New Delhi Full-Day Tour with Akshardham Temple 2023

Inaugurato nel 2005, il tempio di Akhardham combina l’architettura tradizionale indiana con spettacolari fontane e giardini di meditazione. Da non perdere!

Akshardham è un luogo sacro circondato da templi induisti dedicati alla cultura dell’India. Il complesso è formato da oltre 20.000 sculture, tra cui spiccano gli enormi elefanti di pietra che fiancheggiano l’ingresso di uno dei templi. Vale la pena anche osservare le colonne intagliate degli edifici, le cui iscrizioni parlano delle divinità, dei costumi e delle tradizioni più importanti dell’induismo.

Cena e pernottamento in hotel.

3° giorno: Delhi – Paro – Thimphu

Nelle prime ore del mattino, colazione box e trasferimento in aeroporto per l’imbarco sul volo per Paro. Il volo ci porterà nel cuore dell’Himalaya e – se il meteo lo consente – ammireremo dall’alto le più famose vette al Mondo, dall’Everest… in giù!

All’arrivo, incontro in aeroporto con il personale del nostro staff per le presentazioni. Proseguimento per Thimphu, pittoresca ed affascinante capitale del Bhutan, situata nella valle del fiume Wang Chuu. Questa città unica ed atipica è uno dei segreti meglio custoditi dell’Himalaya. Contrariamente a molte altre capitali del mondo, Thimphu è caratterizzata da un’atmosfera rilassata ed un ritmo di vita lento. Qui, tutto respira tradizione e cultura locale. Persino il traffico cittadino è regolato da vigili che indossano abiti tradizionali gho.

Kyichu Lhakhang | Travel to Bhutan | Bhutan Travel & Tour Agency | Druk Asia

Royal Thimphu College - About Thimphu City

Sosta fotografica davanti al tempio Tachogang Lhakhang, del 15° secolo: questo tempio è noto per la sua posizione scenica, situata lungo il fiume Paro Chhu, ed è raggiungibile attraverso un antico ponte di ferro sospeso.

Tachogang Lhakhang | History of Tachogang Lhakhang - Go Bhutan Tours
Il tempio stesso è dedicato al culto di Guru Rinpoche, una figura di grande importanza nella tradizione bhutanese, considerato il “Secondo Buddha” dai buddisti tibetani.

Tachogang Lhakhang, Bhutan - YouTube

Pomeriggio a disposizione per l’acclimatamento all’altitudine.

Cena e pernottamento in hotel.

4° giorno: Thimphu

Eccoci giunti alla giornata più caratteristica del nostro tour, quella dedicata al Thimphu Tsechu, il Festival più conosciuto ed il più frequentato di tutto il Paese. È un evento religioso celebrato nel decimo giorno del mese del calendario lunare corrispondente al compleanno dei Guru Rinpoche (o Guru Padmasambhava).  Si celebra il Prezioso Maestro che si dice “sia nato da un fiore di loto”. Questo santo contribuì enormemente alla diffusione del Buddhismo tantrico nelle regioni Himalayane del Tibet, del Nepal, del Bhutan attorno all’VIII secolo. È considerata una grande attrazione e molte persone dei distretti vicini partecipano alle festività. La cerimonia comprende grandi eventi che riuniscono intere comunità per assistere a danze religiose in maschera, per ricevere le benedizioni e per socializzare. Si svolgono anche esibizioni di vivaci danze Bhutanesi e altre forme di intrattenimento. Si crede che ognuno debba partecipare ad un Tshechu e assistere alle danze in maschera almeno una volta nella vita per poter ricevere le benedizioni e lavare via tutti i propri peccati. Quasi tutte le performance nascondono particolari significati storici e molte sono basate su storie e avvenimenti della vita del Guru Rinpoche. Nei monasteri sono eseguite dai monaci, nei villaggi da monaci e uomini locali. Due dei più famosi Tshechu del paese sono quelli di Paro e Thimphu, in termini di partecipazione e pubblico. Oltre ai locali, tantissimi turisti da tutto il mondo sono attirati da queste uniche, colorate ed emozionanti manifestazioni di cultura tradizionale. Quello di Thimphu si tiene a partire dal decimo giorno dell’ottavo mese del calendario lunare, ogni anno verso settembre.

 

Paro Tshechu Festival in Bhutan 20-24 March 2024 | Bhutan Travel

 

Il Thimphu Tsechu è uno dei festival più antichi del Bhutan e ha una profonda importanza spirituale e culturale: commemora la nascita del santo bhutanese Guru Rinpoche, noto anche come Padmasambhava, che è accreditato per l’introduzione del buddhismo tantrico nel Bhutan.

 

Festival di Paro | viaggi organizzati in Bhutan | Passoinindia Tours

 

Durante il Thimphu Tsechu, i monaci e i lama recitano preghiere e canti sacri, circondati da spettatori e pellegrini. Le danze tradizionali, conosciute come “chaams”, sono uno degli aspetti più spettacolari del festival.

 

Paro Tshechu Festival Tour

 

Queste danze rappresentano storie religiose e miti e sono eseguite dai monaci in costumi elaborati e maschere intricate. Alcune delle danze sono particolarmente note, come la danza della “Tigre Nera” e la danza del “Leone della Neve”.

 

Bhutan Paro Tshechu Festival Tour | Bhutan Adventure Travel | World Expeditions

 

Le maschere utilizzate durante le danze del Thimphu Tsechu sono opere d’arte intricatamente scolpite e dipinte a mano, e ogni maschera rappresenta un personaggio specifico nel contesto delle leggende e delle storie religiose bhutanesi.

 

Paro Tsechu Festival - Snow Leopard Trek

 

I costumi sono altrettanto elaborati e colorati. Partecipare al Thimphu Tsechu è considerato un atto di devozione e si crede che assistere alle danze e alle cerimonie porti benedizioni, buona fortuna e purificazione spirituale.

 

———————————————————————————————————————————————————————————————————————-

 

Colazione e visita del National Memorial Chorten, lo stupa costruito nel 1974 e dedicato al re Jigme dorji Wangchuck, un’iconica struttura religiosa situata nel cuore della città.
La struttura presenta una base quadrata sormontata da una galleria circolare e una cupola dorata a forma di campana. È riccamente decorata con affreschi e dipinti sacri che raffigurano scene della vita di Buddha e divinità buddiste. Questo chorten non è solo un monumento commemorativo, ma anche un importante luogo di preghiera e meditazione per i bhutanesi. I visitatori possono osservare o partecipare alle rituali circumambulazioni intorno alla struttura, ruotando le ruote di preghiera lungo il percorso. L’atmosfera qui è permeata da un senso di spiritualità e devozione.

File:National Memorial Chorten, Thimphu 02.jpg - Wikimedia Commons

Visiteremo poi l’Istituto Nazionale di Zorig Chusum. Il suo nome si riferisce alle tradizionali “Dieci Arti di Abilità Bhutanese”, conosciute appunto come Zorig Chusum, che comprendono le varie forme di artigianato e arti tradizionali del Bhutan. La visita offre l’opportunità di vedere gli studenti al lavoro e di scoprire l’importante ruolo dell’artigianato tradizionale nella cultura e nell’identità bhutanese. È anche possibile acquistare oggetti d’arte e artigianato di alta qualità realizzati dagli studenti dell’istituto.

National Institute for Zorig Chusum | Attractions in Thimphu | BookMyTour

Nel pomeriggio, andremo al Changangkha Lhakhang: si trova su una collina che domina la città di Thimphu, offrendo una vista panoramica spettacolare sulla valle circostante. Questo tempio è uno dei luoghi di culto più antichi e venerati della regione, risalente al 12° secolo. Molti genitori portano i loro bambini qui poco dopo la nascita per ricevere benedizioni e nomi. Il tempio è dedicato a Chenrezig, la manifestazione compassionevole di Buddha, ed è considerato un luogo dove i fedeli possono cercare la sua protezione e guidanza spirituale.

Ci dirigeremo poi all’imponente fortezza e monastero del Trashi Chhoe Dzong, la cui architettura è una magnifica combinazione di legno scuro, pareti bianche e intricati dettagli artistici. La struttura è un esempio eccellente dell’architettura dzong, tipica del Bhutan, che combina funzioni amministrative, religiose e difensive.

Trashi Chho Dzong | Thimphu, Bhutan | Attractions - Lonely Planet

Il Trashi Chhoe Dzong funge da sede del governo centrale e del clero monastico della regione di Thimphu. Dentro sono situate  la sala dell’Assemblea Nazionale, la sala del trono del Re e la sede estiva dell’Abate del Bhutan, capo dei monaci Bhutanesi.

Tashichho Dzong - Bhutan Peaceful Tours & Treks

Cena e pernottamento in Hotel.

5° giorno: Thimpu – Dochula Pass – Punakha

Colazione e nella mattina proseguimento per Punakha lungo una strada panoramica attraverso il famoso valico Dochula Pass: si trova ad un’altitudine di circa 3.100 metri sul livello del mare, rendendolo uno dei principali punti di passaggio attraverso l’Himalaya orientale.  Sul passo, vi attendono 108 stupende Chorten e bandiere di preghiera vi salutano. Ogni chorten è stato costruito per onorare i soldati bhutanesi che hanno perso la vita in un conflitto armato contro gruppi insurrezionali nell’India nord-orientale. Oltre a commemorare i soldati caduti, le 108 Chorten rappresentano anche un omaggio al re del Bhutan per aver vinto la guerra e portato la pace nel paese. Il numero 108 ha una grande importanza simbolica e spirituale in molte tradizioni buddiste e induiste ed è considerato sacro.

Dochula Pass - Enchanting gateway to heaven in Bhutan

In una giornata limpida si ammira una catena infinita di vette himalayane sopra i 6000 metri, offrendo uno dei panorami più spettacolari e magici del mondo.

Dochula Pass, Bhutan (Druk Wangyal Chorten) | life to reset

Proseguiamo poi per quella che è considerata la capitale d’inverno del Bhutan: Punakha. La valle di Punakha è infatti nota per il suo clima temperato, che la rende una destinazione popolare durante l’inverno quando le temperature nelle regioni più alte del Bhutan diventano molto fredde. La valle è caratterizzata da campi di riso terrazzati, agricoltura prospera e paesaggi montani mozzafiato.

Punakha Dzong/Fortress with the beautiful jacaranda trees. #Springtime # Punakha. - Picture of Punakha, Punakha District - Tripadvisor

Uno dei punti focali di Punakha è il Punakha Dzong, noto anche come il “Palazzo della Grande Felicità”: Questo dzong è uno dei più maestosi e antichi del Bhutan ed è situato in una posizione scenografica all’incrocio dei fiumi Pho Chhu (fiume padre) e Mo Chhu (fiume madre). Il dzong è un capolavoro architettonico con pareti bianche e rosse, torri imponenti e interni decorati con affreschi e statue. Il secondo più antico dzong del paese, è stato costruito nel XVII secolo e svolge un ruolo importante nella vita religiosa e amministrativa del Bhutan.

Punakha Dzong - Bhutan Peaceful Tours & Treks

La sera visiteremo il Chimi Lhakhang, tempio dedicato a Drukpa Kunley, un monaco buddista eccentrico e iconoclasta del XV secolo noto come il “Divino Folle”.

Chimi Lhakhang- Why should you visit the fertility temple of Bhutan

Drukpa Kunley è una figura molto colorata nella storia bhutanese ed è famoso per il suo comportamento eccentrico e le sue inusuali pratiche religiose. Si crede che avesse il potere di sconfiggere i demoni e che usasse metodi poco ortodossi per diffondere il buddhismo, spesso utilizzando il sesso come strumento di insegnamento. A causa di queste credenze e pratiche, il tempio di Chimi Lhakhang è diventato un luogo di pellegrinaggio per le coppie desiderose di avere figli.

Chimi Lhakhang: See Why It's Bhutan's Most Visited Temple

La sua posizione è incantevole, situata su una collina tra campi di riso terrazzati e paesaggi verdi.

Cena e pernottamento in Hotel.

6° giorno: Punakha – Paro

Colazione e partenza per Paro, a 2.280 metri di altitudine, in una vallata ricca di risaie, boschi lussureggianti e fiumi sinuosi, ad est della montagna sacra Jhomolhari.

JHOMOLHARI TREK ITINERARY

La colorata città è punteggiata da case e edifici con tetti a punta, facciate decorate e dipinti artistici. E’ inoltre ricca di splendidi dzong.

Bhutan - Rinpung Dzong la "fortezza su un mucchio di gioielli"

Nel pomeriggio visiteremo il tempio di Kyichu Lhakhang, costruito nel 7° secolo, uno dei monasteri più antichi del Bhutan. Si narra che sia stato costruito nel 659 dal re tibetano Songtsen Gampo per immobilizzare una diavolessa che impediva la diffusione del buddismo. Nei pressi del Kyichu Lhakhang c’è anche un grazioso giardino con una varietà di piante ornamentali e un campo di mele. Il campo di mele è noto per essere il luogo in cui il re Songtsen Gampo, secondo la leggenda, avrebbe istituito il suo famoso “Campo delle Stelle” in cui avrebbe piantato un albero per ogni figlio nato dalla sua unione con la principessa bhutanese, Choten-Ingmo.

 

Kyichu Lhakhang – The Holy Gem of Bhutan | North Bengal Tourism

 

Cena e pernottamento in Hotel.

7° giorno: Paro

 

Abbiamo così l’opportunità di visitare il Rinpung  Dzong, uno fra i più massicci e noti del Bhutan, visibile in tutta la valle per i suoi contrafforti imponenti. Eretto nel 1644 sulle fondamenta di un antico monastero, la sua costruzione fu commissionata da Ngawang Namgyal, il fondatore del Bhutan unificato, per difendere la valle di Paro dalle incursioni tibetane.

Paro - Rinpung Dzong (Paro Dzong or Rinchen Pung Dzong) | Flickr

Ennesimo capolavoro dell’architettura dzong, che è caratterizzata da pareti spesse, torri e facciate bianche e rosse e tetti a punta, l’edificio è noto per la sua bellezza e la sua maestosità architettonica. Tanto che, nel 1993, Bertolucci vi girò scene del film “Il piccolo Buddha”.

Paro, Bhutan (Kyichu Lhakhang, Rinpung Dzong) | life to reset

Una parte del Rinpung Dzong ospita il Museo Nazionale del Bhutan, dove sono esposti oggetti d’arte, manufatti culturali e reperti storici che offrono una preziosa panoramica della storia e della cultura del Bhutan. Il museo offre ai visitatori l’opportunità di approfondire la comprensione del Bhutan e delle sue tradizioni.

Bhutan-150102-568 | Rinpung Dzong in Paro valley. Rinpung Dz… | Flickr

Nel pomeriggio escursione al monastero di Taktsang: è uno dei monasteri più famosi al mondo, arroccato sul crinale di una montagna a 900 metri sopra il fondovalle di Paro. Si dice che Guru Rinpoche arrivò qui sulla schiena di una tigre e meditò in una caverna per tre anni, tre mesi, tre settimane e tre giorni, sconfiggendo i demoni e stabilendo il buddhismo tantrico nel Bhutan. Per questo il luogo è noto anche con il nome di “Nido della Tigre”.

viaggio avventuroso in Bhutan, alla volta del monastero di Taktsang

Il monastero di Taktsang è accessibile tramite un trekking: la camminata inizia dalla base della montagna e si estende per circa 4-5 ore, passando attraverso una fitta foresta di pini e querce. Durante il percorso, attraverseremo un ponte di ferro che conduce al crinale stesso. La camminata ci consentirà di ammirare la bellezza naturale della valle di Paro, tra fiumi, cascate e una varietà di flora e fauna.

Visitare il Monastero di Taktsang: 5 consigli dall'esperto Bhutan - Evolution Travel

Il monastero di Taktsang è uno dei luoghi più suggestivi e sacri del Bhutan ed è un simbolo della spiritualità e della cultura del paese. La sua posizione isolata, la leggenda associata e la bellezza architettonica lo rendono una destinazione imperdibile per i visitatori che desiderano immergersi nella profonda identità religiosa e culturale del Bhutan. Davvero un modo speciale per salutare questo Paese suggestivo ed incantato.

Al ritorno a Paro, cena e pernottamento.

8° giorno: Paro – Delhi

Colazione in hotel e trasferimento in aeroporto e partenza per Delhi. All’arrivo visita di Nuova Delhi: appare ai visitatori come un tesoro dell’architettura classica mista di elementi indiani; è fatta di ampi viali e spettacolari edifici governativi, residenze maestose, verdi parchi e giardini.

Si visita il Qutb Minar, imponente torre commemorativa voluta dal primo conquistatore musulmano di Delhi, Qutb al-Din Aibak, il fondatore della dinastia dei Mamelucchi. La torre è adornata con incisioni decorative e iscrizioni in caratteri calligrafici arabi. Le incisioni includono versi del Corano e altri elementi ornamentali. Gli anelli o balconi hanno motivi geometrici e floreali scolpiti, rendendo la torre una testimonianza dell’arte islamica dell’epoca.

Qutb Minar di Nuova Delhi - Fidelity Viaggi

Il Qutb Minar fa parte di un complesso più ampio noto come il “Complesso di Qutb,” dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO, che comprende anche altre strutture storiche e monumenti come la Quwwat-ul-Islam Mosque, la prima moschea in India, l’Alai Darwaza, l’Iron Pillar of Delhi (una colonna di ferro antica famosa per la sua resistenza alla corrosione), e molto altro. Cena e pernottamento in hotel.

9° giorno: Delhi – ITALIA

In nottata, trasferimento in aeroporto e volo di rientro. All’arrivo in Italia, fine dei servizi.

 

 

La quota comprende:

  • Voli di linea Roma Delhi Roma in classe economica con scalo franchigia bagaglio 23 kg
  • Voli di linea Delhi Paro Dehli in classe economica
  • Tutti i trasferimenti
  • Sistemazione in hotel di categoria 5 stelle a Delhi e strutture di categoria A in Buthan;
  • I pasti dettagliati nel programma;
  • Visite ed escursioni come da programma;
  • Ingressi durante le visite guidate;
  • Assistenza di personale locale qualificato e di guida accompagnatore parlante italiano per tutto il viaggio;
  • Visto d’ingresso in Bhutan e tassa di soggiorno pari a USD 100
  • Kit da viaggio
  • Accompagnatore dall’Italia dei Viaggi di Giorgio

 La quota non comprende:

  • Tasse aereoportuali pari a euro 380,00 soggette a riconferma
  • Visto di ingresso in India pari a 80,00
  • Bevande, mance e quant’altro non espressamente indicato.

Scelta del posto a bordo dell’aereo:  

I voli sono previsti in una specifica classe di prenotazione. Nel caso sia consentita una preassegnazione gratuita del posto da parte del vettore aereo, la preassegnazione verrà effettuata automaticamente all’emissione del biglietto.

Eventuali preferenze sull’assegnazione del posto ci devono pervenire al momento della conferma del viaggio.

Ricordiamo che con alcune compagnie, la preassegnazione del posto è a pagamento e che la preassegnazione di posti speciali (es. uscita di sicurezza…) è soggetta a restrizioni.

Eventuali modifiche sui posti preassegnati vanno richieste direttamente al banco di accettazione del volo.

I posti preassegnati possono subire cambi per esigenze aereoportuali e nessuna pretesa, reclamo o rimborso può essere avanzato se non verranno assegnati i posti prescelti; nel caso di cambi di posti precedentemente pagati, potrà essere richiesto il rimborso dell’importo pagato.

L’assegnazione del posto specifico verrà convalidata solo al momento del check-in sulla carta d’imbarco.

Documenti per l’espatrio:

  • Passaporto: necessario, con validità residua di almeno sei (6) mesi al momento dell’arrivo nel Paese.
  • Visto d’ingresso: necessario per il Bhutan – necessario per l’India

 

Di più Bhutan

   Bhutan e felicità: un modello per il mondo del futuro In controtendenza con il resto del mondo, in Bhutan la felicità è al centro della politica nazionale. Felicità significa senso di comunità, spiritualità, tutela dell’ambiente e della tradizione: valori che, piano piano, anche il mondo occidentale comincia a riscoprire Il Festival di Thimphu Il...

Non ci sono ancora commenti.

Scrivi la tua recensione

L’indirizzo email non verrà pubblicato. I campi richiesti sono contrassegnati *

Maggiori informazioni su questo tour

La quota comprende:

  • Voli di linea Roma Delhi Roma in classe economica con scalo franchigia bagaglio 23 kg
  • Voli di linea Delhi Paro Dehli in classe economica
  • Tutti i trasferimenti
  • Sistemazione in hotel di categoria 5 stelle a Delhi e strutture di categoria A in Buthan;
  • I pasti dettagliati nel programma;
  • Visite ed escursioni come da programma;
  • Ingressi durante le visite guidate;
  • Assistenza di personale locale qualificato e di guida accompagnatore parlante italiano per tutto il viaggio;
  • Visto d’ingresso in Bhutan e tassa di soggiorno pari a USD 100
  • Kit da viaggio
  • Accompagnatore dall'Italia dei Viaggi di Giorgio

 La quota non comprende:

  • Tasse aereoportuali pari a euro 380,00 soggette a riconferma
  • Visto di ingresso in India pari a 80,00
  • Bevande, mance e quant’altro non espressamente indicato.

Scelta del posto a bordo dell’aereo:  

I voli sono previsti in una specifica classe di prenotazione. Nel caso sia consentita una preassegnazione gratuita del posto da parte del vettore aereo, la preassegnazione verrà effettuata automaticamente all’emissione del biglietto.

Eventuali preferenze sull’assegnazione del posto ci devono pervenire al momento della conferma del viaggio.

Ricordiamo che con alcune compagnie, la preassegnazione del posto è a pagamento e che la preassegnazione di posti speciali (es. uscita di sicurezza…) è soggetta a restrizioni.

Eventuali modifiche sui posti preassegnati vanno richieste direttamente al banco di accettazione del volo.

I posti preassegnati possono subire cambi per esigenze aereoportuali e nessuna pretesa, reclamo o rimborso può essere avanzato se non verranno assegnati i posti prescelti; nel caso di cambi di posti precedentemente pagati, potrà essere richiesto il rimborso dell’importo pagato.

L’assegnazione del posto specifico verrà convalidata solo al momento del check-in sulla carta d’imbarco.

Documenti per l’espatrio:

  • Passaporto: necessario, con validità residua di almeno sei (6) mesi al momento dell’arrivo nel Paese.
  • Visto d’ingresso: necessario per il Bhutan - necessario per l'India

Bhutan e felicità sono due parole sempre più associate l’una all’altra. Il Bhutan è uno Stato poco più grande della Svizzera, incastonato tra i monti dell’Himalaya e circondato da India e Cina. Felicità è un termine da sempre al centro dell’interesse di tutti, politici, economisti, filosofi, religiosi. Dagli anni ’70 del ‘900 è diventata la parola d’ordine per il monarca bhutanese appena diciottenne, Jigme Singye Wangchuck. Se, infatti, le potenti vicine, India e Cina, sempre più in espansione, aumentano di anno in anno il loro Pil, investendo su economia e produzione, il piccolo Bhutan si interessa al Fil, l’indice per misurare la Felicità Interna Lorda. Questo regno paradisiaco, sospeso tra Medioevo e modernità, ha posto al centro della politica nazionale il benessere dei cittadini. I bhutanesi sono tra i più poveri al mondo, con un Prodotto Interno Lordo tra i più bassi, eppure nel questionario che viene loro sottoposto ogni due anni, solo una piccola percentuale della popolazione dichiara di non essere felice.

Il Bhutan è la dimostrazione tangibile del proverbio: «i soldi non fanno la felicità». Piuttosto che privilegiare uno sviluppo economico che crea divari sociali e spesso distrugge l’ambiente, Jigme Singye Wangchuck si è reso conto della possibilità e della necessità di costruire il benessere della propria nazione su altri standard, in nome di altri principi e valori. Secondo il monarca del Bhutan, la felicità sarebbe racchiusa in un forte senso della comunità, negli stimoli culturali che provengono da una tradizione tutelata e viva, e nella spiritualità, potenziata da un sentimento religioso scelto come principio guida del quotidiano. Nella “terra del drago” si pratica la religione buddhista, la maggior parte del territorio è ricoperto da foreste, di cui un quarto sono aree protette, la biodiversità la fa da padrone, con specie di flora e fauna uniche al mondo. Si conduce una vita semplice e dedita principalmente all’agricoltura. Di recente, poi, il Bhutan si è trasformato da monarchia assoluta a costituzionale, suscitando ancora di più l’attenzione e la curiosità del mondo. L’ONU ha, infatti, assunto il Bhutan come modello propositivo di cambiamento anche per le civiltà occidentali. Non si tratterebbe di un ritorno al “primitivo” che punti a stili di vita del passato, bensì di una prospettiva sul futuro che abbia al centro valori alternativi al consumismo sempre più sfrenato dei nostri giorni.
In questo periodo di crisi, di smarrimento, non solo dal punto di vista economico e sociale, ma anche spirituale, interiore e morale, l’accoppiata Bhutan e felicità sembra davvero aprire uno spiraglio alla possibilità di un mondo diverso e migliore.
Certo, le contraddizioni e le difficoltà esistono anche all’interno di tanta perfezione: il Bhutan è in parte finanziato dall’India e la ricerca di un’omogeneità culturale ha causato problemi etnici con la comunità di origine nepalese, costretta a lasciare il Paese. Neanche in Bhutan la felicità ha ancora una ricetta assoluta e definitiva, ma di sicuro tra i monti dell’Himalaya si è sulla buona strada.
Noi che viviamo nel caos delle nostre città occidentali, rincorrendo successo e denaro, potremmo cominciare a seguire l’esempio del Bhutan coltivando la cosa più importante che spesso dimentichiamo di possedere: il nostro mondo interiore, il nostro spirito, la nostra anima, al di là di qualunque sfumatura religiosa si voglia e si possa dare a questi termini. Un viaggio in questi luoghi sarebbe un primo passo per dare un nuovo assetto alla propria interiorità, ma l’intenzione non è così semplice da attuare.

La felicità non è quel tesoro da scoprire in qualche posto o situazione particolare. Non è neanche frutto di quella ricerca interiore di natura psicologica o meditativo/filosofica. Essa va costruita con la forte e decisa volontà di essere felici, modificando gli atteggiamenti, i comportamenti, scegliendo di rinforzare volontariamente i pensieri positivi dando loro fiducia e campo aperto. Solo facendo voto di essere felici si modificherà il nostro pensiero in modo permanente stabilizzandolo su diversi parametri. ma prima dovremo simulare, recitare la parte della persona felice sino a che tale atteggiamento non diventerà parte integrante del nostro modo di essere.

Fidatevi di questo consiglio. Non vi pentirete.

 

15/03/2024
9 giorni - 8 notti
Bhutan
10 persone
Condividi sui social network

I VIAGGI DI GIORGIO

I viaggi sono come le persone: non ce ne sono due uguali. Reputiamo la trasparenza una forma di correttezza nei riguardi di chi si fida di noi: così il tempo investito in ricerca si trasforma in dettaglio di informazioni fornite a chi parte.

CONTATTI

Viale Cesare Pavese 37, 00144 Roma

I MIEI VIAGGI 2015 SRL

P.IVA e CF: 13326011007

Tel. 0645667875

Cell. 3801252107

WhatsApp 3882412507

iviaggidigiorgio@libero.it

booking1@iviaggidigiorgio.it

imieiviaggi2015srl@pec.it

REA: RM-1439135

Privacy Policy Cookie Policy

GIORNI E ORARI

Aperti dal lunedì al venerdì dalle 9:30/13:30 alle 14:30/18:30

SEGUICI SUI SOCIAL

Facebook

Instagram

NEWSLETTER

    CREDITS

    © I Viaggi di Giorgio | Tutti i diritti riservati

    Powered by Antonio De Lorenzi

    ×