Stranezze della vita e del “tappeto volante”

10/07/2014


Caro Claudio,
Incuriosita dai racconti del poeta e viaggiatore e dalla tua esperienza in Persia, ho partecipato ad una serata in occasione del Festival di Spoleto, lettura delle poesie di Nilou Azam Zanganeh e musica setar e percussioni. La serata è stata struggente perché ci ha raccontato lo strani amento dell’esule e la malinconia della vita perduta dopo la gioventù per via dell’abbandono della patria, e mi ha molto colpita! Ho preso un libro delle poesie che la poetessa ci ha letto con voce rotta dall’emozione e mi sono fatta fare una dedica per te spiegandole il tuo amore per quella terra lacerata e che sei un viaggiatore DOP, che avrò il piacere di donarti.
Un abbraccio
Alessandra

Le voci dei viaggiatori

Carnevale Montemarano

"..."

Ero perso con lo sguardo nell’orizzonte…

"La tomba di Oscar Wilde, sempre al Père-Lachaise, ne ho parlato in una delle mie ultime mail, è costituita da una sfin..."

FURORE 2015

" Caro Claudio,  con ancora i cinque (anzi sei sensi come dice Ferraiuoli) ovattati da quanto vissuto nella vacanza a F..."

torna su