fbpx
Print Friendly, PDF & Email

TRANSIBERIANA D’ITALIA 28 novembre

In Breve

                                           Un Grande Viaggio

Il Treno Storico della Transiberiana d’Italia, un’escursione nel cuore dell’Abruzzo e del Molise tra Parchi Nazionali e Riserve Naturali che attraversa montagne e strette gole. Un tracciato spettacolare, quello della Transiberiana d’Italia, che da solo vale un viaggio lento alla scoperta dei piccoli borghi e grandi centri dove la storia e le tradizioni locali sono custodite dalle comunità locali…

Un viaggio che unisce il massiccio della Majella con le sue ragguardevoli cime e i suoi grandiosi altipiani carsici con monumenti, opere d’arte e lavoro dell’uomo di queste magnifiche terre.

“È un po’ come vedere un documentario dal vivo con le immagini che scorrono dai finestrini del treno.”

«Chissà, forse tra qualche anno, la Soprintendenza per i Beni Architettonici e Ambientali metterà sotto tutela anche le linee ferroviarie locali. Non più rami secchi bensì musei viaggianti a “bassa velocità” alla scoperta della geografia, cultura e storia d’Italia. Gli stranieri le scoprono, le usano e ce le invidiano, noi le snobbiamo e preferiamo l’automobile».

Inizia così Giuseppe Furno nella sua guida In treno alla scoperta dell’Abruzzo, nel presentare la linea ferroviaria Sulmona-Carpinone.

In autunno il paesaggio che scorre dal finestrino del treno storico è un vero e proprio dipinto dai mille colori, grazie alla ricchezza di specie vegetali che caratterizzano la montagna attraversata dagli antichi binari e che rendono il viaggio un autentico spettacolo da vivere con intensità a bordo .

Partenza: 28 Novembre - 29 Novembre
Durata: 2 giorni 1 notte
Gruppo minimo: 16 massimo 24 persone Viene rispettato obbligo del distanziamento sul bus e nei luoghi comuni,obbligatoria la mascherina. Il bus è da 54 posti.
Costo per persona: Euro 229,00 Sup.singola 20,00 limitate e su disponibilità
Prenotazioni entro: entro 30 settembre ,sino esaurimento dei posti disponibili,versando acconto di euro 100,00 saldo entro 20 giorni dalla partenza. Essendo inclusa la polizza contro annullamento al viaggio,siete coperti da eventuali Vostri annullamenti o rinunce.

Il Programma di Viaggio

 Sabato 21 novembre Roma-Bominaco-Sulmona

Ritrovo dei partecipanti in luogo e orario da definire e partenza per l’Abruzzo in bus privato,prima tappa Bominaco.

La Cappella Sistina d'Abruzzo a Bominaco di Caporciano 2020

 

Visita di  Bominaco, piccolo centro dell’Abruzzo Aquilano,  importante  per l’Abbaziale di S. Maria Assunta e l’oratorio di S. Pellegrino uno dei maggiori complessi artistici dell’Abruzzo. La cappella è stata definita :la Cappella Sistina d’Abruzzo.

LA CAPPELLA SISTINA D'ABRUZZO: L'ORATORIO DI SAN PELLEGRINO A BOMINACO

 

l’Abbaziale di S. Maria Assunta massima espressione  dell’architettura romanica abruzzese risalente al XII sec. All’interno la chiesa custodisce arredi liturgici di notevole importanza: L’ambone in pietra del 1180 nella tipica forma a cassa quadrilatera poggiato su quattro colonne dai ricchissimi capitelli ,l’altare e il ciborio datati 1223 il cero pasquale sorretto dal leoncino stiloforo.

BOMINACO E LA CAPPELLA SISTINA D'ABRUZZO – Civitarese

 

L’Oratorio di San Pellegrino, ricostruito nel 1263 per iniziativa dell’Abate Teodino che ne fa risalire la costruzione a Carlo Magno secondo quando si legge in due iscrizioni. L’interno con volta ogivale è completamente rivestito da affreschi che costituiscono uno dei più importanti cicli della pittura italiana . Furono eseguiti da tre pittori ancora legati ai modi bizantini ma aggiornati ai nuovi modi provenienti d’oltralpe che raccontano scene della vita di Gesù: Importante il Calendario Bominacense con i dodici mesi dell’anno, i segni zodiacali e gli influssi lunari utilizzato dai monaci Benedettini per il lavoro e la preghiera.

 

Gli affreschi furono concepiti come emanazione della stessa liturgia che i monaci celebravano nel coro conventuale. Per questo si ritiene plausibile che gli autori dei vari affreschi furono gli stessi monaci. “L’insieme pittorico esprime una simbiosi culturale che soltanto la comune educazione teologica e la medesima sensibilità monastica potevano produrre.(1) I cicli pittorici furono  quindi dipinti da maestri differenti e precisamente: Il Maestro dell’Infanzia, il Maestro della Passione, il Maestro Miniaturista, il Calendario Bominacense
Ci guardammo intorno, senza proferire parole, quei dipinti meritavano un religioso silenzio, mentre lasciammo che l’energia del luogo “ci parlasse”. Ad una prima lettura della serie di affreschi osservammo un ciclo sull’infanzia di Cristo e uno sulla Passione, scene tratte dal Giudizio Universale, storie di San Pellegrino e di altri santi ed una serie sui mesi del Calendario.

Trasferimento presso il Borgo di Fumari per il pranzo a base di antipasti e pasta fatta in casa.

Al termine della visita,trasferimento a Sulmona per la visita guidata.

Sulmona….un tassello da non perdere nell’Italia da scoprire, quella dal volto semplice ma affascinante delle piccole realtà di provincia, in cui borghi e città si incastonano in contesti paesaggistici di eccezionale valore.

Famosa in particolare per la bontà dei suoi confetti, vicina alle mete turistiche più conosciute del centro Italia, luogo ideale per una vacanza tranquilla, fatta di gusti e sapori genuini propri dell’Abruzzo interno, dove ancora forti sono i legami con la tradizione che mirabilmente si fonde con storia, arte e cultura.

Autentica città d’arte, celata dai monti più alti della catena appenninica, Sulmona vanta un consistente numero di monumenti, frutto della sua storia, da abitato italico a municipio romano e fiorente borgo dal medioevo in poi.

 

Sulmona, cosa rende speciale l'Acquedotto Svevo

 

 

Confetti di Sulmona: una bontà tutta abruzzese | Visitare Abruzzo

 

Cena e pernottamento in hotel.

Domenica 22 novembre Sulmona-  Roccaraso – Campo di Giove – Sulmona –Roma

Prima colazione in hotel e trasferimento in stazione per imbarco sulla “Transiberiana d’Italia.

Assegnazione dei posti riservati e inizio del percorso  da Sulmona

La Transiberiana D'italia Estate

PROGRAMMA TRANSIBERIANA

ritrovo presso la stazione di Sulmona, binario 1.

 partenza da Sulmona,  itinerario panoramico risalendo la Valle Peligna e il Colle Mitra superando Pettorano sul Gizio, Cansano e Campo di Giove, entrando nel territorio del Parco Nazionale della Majella. Si valica la montagna oltrepassando la stazione di Palena per scorrere in quota massima a quasi 1300 metri di quota sugli Altipiani Maggiori Maggiori d’Abruzzo..

Week-end 10 /11 ottobre ” I colori dell'autunno al Parco Nazionale d'Abruzzo “ – Musa Travel

arrivo a Roccaraso. Prima sosta di giornata: discesa dei viaggiatori per raggiungere il centro del paese, a pochi passi dalla stazione, lungo il vialetto del “Pratone”, area verde dove sono allestiti i mercatini di Natale che proseguono fino alla centrale piazza Leone.

Incontro con la guida e visita guidata di Roccaraso circa 1,30

Pranzo in ristorante.

ripartenza del treno storico dalla stazione di Roccaraso.

arrivo a Campo di Giove, incrociando l’altro treno storico in partenza per Roccaraso. Seconda sosta di giornata: discesa dei viaggiatori per raggiungere in pochi minuti il centro del paese con Piazza Duval e Palazzo Nanni dove sono allestiti i mercatini di Natale.

Una vacanza a Campo Giove, in Abruzzo

Tempo libero a disposizione prima di ritrovarsi in stazione per la partenza del treno prevista alle ore

ripartenza del treno storico dalla stazione di Campo di Giove.

 

La Transiberiana D'italia Autunno

rientro finale a Sulmona. Trasferimento in bus diretto a Roma, arrivo e fine dei servizi.

 

 

 

 

 

 

Informazioni generali

La quota comprende :

Bus per la durata del tour

Biglietto Transiberiana 2°Classe come da itinerario

1 pernottamento in hotel 4**** in mezza pensione a  Sulmona (piatto rustico ingresso,primo, secondo contorno dessert,bevande)

Pranzo del sabato presso Borgo dei Fumari  (antipasti misti, primo della casa, caffè, no bevande)

Pranzo della domenica bevande incluse(primo, secondo, contorno, acqua vino e caffè)

Visita guidata a Bominaco e Roccaraso.

Assicurazione medica e bagaglio e annullamento al viaggio

Accompagnatore da Roma dei Viaggi di Giorgio

Non comprende:

Mance 4 euro da versare giorno di partenza

Bevande al pranzo del sabato

Eventuali biglietti di ingresso ai siti e monumenti da pagare in loco.

Tutto quanto non espressamente previsto nella ” quota comprende”

 

Al  momento non c’è nessuna tassa di soggiorno da pagare.

 

 

 

 

Sulmona-Carpinone. Quasi come una previsione, una premonizione che oggi è diventata realtà. Non per opera della Soprindendeza ma della Fondazione FS Italiane che sensibile alla tematica, ha tutelato la “nostra ferrovia” all’interno del proprio progetto denominato Binari senza tempo: quattro spettacolari linee ferroviarie, che diventano un vero e proprio “museo dinamico” che la Fondazione stessa intende preservare e valorizzare

Oggi è possibile viaggiare ancora su quella che sicuramente è la linea ferroviaria più bella d’Italia e forse va anche oltre. L’associazione LeRotaie, già protagonista con un treno storico il 4 marzo 2012, dal novembre 2014 ha iniziato una stretta collaborazione con la Fondazione FS Italiane per far sì che questa linea rimanga ancora viva.

A bordo di un convoglio storico con carrozze “centoporte” e “terrazzini” realizzate tra il 1920 e 1930, trainate dal locomotore diesel D445.1145 per l’occasione colorato con la classica livrea FS verde e marrone, si può rivivere tutta l’atmosfera di quasi un secolo fa, di quando i viaggiatori seduti su quelle stesse panche di legno avevano mete diverse da quelle che oggi noi vi proponiamo.

Durante il viaggio sono presenti guide di bordo dello staff che descrivono la storia della ferrovia e la geografia del territorio attraversato e musica popolare itinerante tra le carrozze per tutta la giornata. A terra, invece, oltre alla musica che fa sempre da cornice, stands gastronomici per assaporare la locale tradizione culinaria e visite guidate alla scoperta di musei, borghi antichi e tradizioni.Purtroppo tutto questo non basta a salvare una delle linee più belle d’Europa, noi de LeRotaie-Molise (ma non solo) siamo convinti, e lo abbiamo sempre espresso chiaramente, che la salvezza per la Sulmona-Carpinone sta nel ripristino del collegamento Pescara-Napoli.

Il termine “Transiberiana” associato alla ferrovia Sulmona-Carpinone lo troviamo per la prima volta sulla rivista Gente Viaggi del novembre 1980 dove il giornalista Luciano Zeppegno, descrivendo quasta ferrovia appenninica la apostrofò come “la piccola Transiberiana” a causa delle abbondandi nevicate nel periodo invernale che la fanno somigliare alla vera Transiberiana che da Mosca raggiunge Vladivostok. Da allora, per tutti noi, è diventata la Transiberiana d’Italia. E con questo appellativo preferiamo presentarla e farla conoscere a tutti.

MISURE IGIENICO-SANITARIE
Recependo la recente normativa nazionale in merito e le disposizioni del Gruppo FS, sono previste specifiche misure, di seguito elencate:

✦ Il treno storico ha una disponibilità del 50% dei posti totali con disposizione “a scacchiera”, al fine di garantire la distanza interpersonale prevista.

 

✦ I posti non utilizzabili saranno contrassegnati da appositi avvisi ed è fatto divieto assoluto di occuparli. Il personale a bordo è incaricato della verifica del rispetto di tale misura.

 

✦ Il convoglio storico, prima di ogni partenza, è oggetto sia di specifica pulizia già di consueto prevista, sia di una apposita sanificazione secondo i nuovi protocolli stabiliti per i mezzi di circolazione ferroviaria.
✦ L’uso della mascherina a bordo è obbligatorio, fino a diversa e nuova disposizione nazionale.
✦ A bordo treno sono disponibili dispenser di gel igienizzante.
✦ Sono individuati percorsi specifici di salita e discesa dal treno storico.

 

 

torna su