fbpx
Print Friendly, PDF & Email

ROCCASINIBALDA…la magia del Natale a RIETI

In Breve

ROCCASINIBALDA…la magia del Natale a RIETI…passeggiata guidata alla scoperta di monumentali  presepi

Nel Lazio antico la natura era abitata da geni, gli dei, che rendevano sacro uno spazio. Di quel tempo mitologico è rimasta nella Valle del Turano una natura selvaggia che ricopre monti ripidi e antiche città scomparse.

 

La splendida cittadina di Rieti, ubicata nel bel mezzo di una spettacolare valle, ricca di storia e dove il paesaggio è incantevole, affonda le sue radici in tempi lontani. La storia di Rieti è ricca di eventi, che hanno contribuito a far crescere a dismisura il ruolo di questo importante centro urbano in quella che è la Valle Reatina

Partenza: 05 Dicembre - 06 Dicembre
Durata: 2 giorni 1 notte
Gruppo minimo:
Costo per persona: quota in aggiornamento
Prenotazioni entro:

Il Programma di Viaggio

1°Giorno: Roma – Roccasinibalda – Ascrea – Colle di Tora- Rieti

Ritrovo dei partecipanti in luogo e orario da definire e partenza per Roccasinibalda in località Ponte Salario, sulla via Salaria. Incontro con la guida turistica. Proseguimento per il lago del Turano. Lungo il percorso sosta nel paese di Roccasinibalda.

Passeggiata per le vie  del borgo per osservare lo spettacolare maniero, dalla caratteristica forma ad aquila con le ali aperte, progettato dall’architetto Baldassare Peruzzi da Siena.

Proseguimento in bus fino al bivio di Ascrea per ammirare le insenature più belle dominate dai resti del castello del Drago sulla cima di Monte Antuni.

Pranzo a Colle di Tora. Passeggiata nel paesino fino alla punta della penisola che si protende tra le acque del lago.

Nel pomeriggio partenza per Rieti. Visita guidata della Rieti Sotterranea che custodisce i resti del viadotto romano fatto costruire per evitare l’impaludamento della via Salaria, l’antica via del sale.

Questo poderoso manufatto permetteva alla consolare di entrare in città, assumendo così un ruolo d’estrema importanza per la Reate romana che necessitava di un diretto collegamento con L’Urbe. La struttura rintracciabile nei sotterranei di alcune nobili dimore è formata da grandiosi fornici di calcare a sostegno del piano stradale. Proseguimento della passeggiata nel portico del palazzo papale, dove potranno essere ammirati presepi monumentali realizzati dai massimi esponenti dell’arte presepiale italiana, tra questi 2 del maestro Artese, riproducente gli angoli più significativi della città di Rieti e del borgo di Greccio. Visiterà l’ oratorio di San Pietro martire all’interno della caserma Verdirosi dove potrà essere ammirato il giudizio universale dei fratelli Torresani ed una monumentale Natività.

Visita della chiesa di San Domenico custode di un monumento unico al mondo, l’organo Dom Bedos Roubo, definito “l’apoteosi dell’organo classico francese” felice risultato delle regole di costruzione contenute in due trattati del 1700 e mai costruito prima di quello reatino, realizzato nel 2000. La passeggiata continua alla scoperta di altri presepi e tante curiosità.

2°Giorno: Rieti – Amatrice – Cotilia – Roma

Prima colazione in hotel e partenza per Amatrice centro montano colpito dal terremoto del 24 agosto 2016 e nota per la ricetta degli spaghetti all’amatriciana. Passeggiata nel centro storico alla scoperta del passato di questa cittadina e visita del centro commerciale.

Pranzo in ristorante nella nuova Area Food, dove saranno degustate le specialità locali della gastronomia locale. Nel pomeriggio partenza per Cotilia.

Visita delle Terme di Vespasiano l’imperatore sabino che non dimenticò mai la sua terra dove tornava in occasione delle vacanze. In loco fece costruire un imponente palazzo con impianto termale. L’area è ricca di acque e da fonti ricche di zolfo che emanano vapori di anidride solforosa.

Proprio queste sorgenti, citate da Strabone nel I sec. a.C. e ricordate da Plinio il Vecchio e Vitruvio, erano ben conosciute nell’antichità per le loro qualità terapeutiche. La struttura delle Terme si articola diversi terrazzamenti e in una grande vasca con scalette laterali e in uno sfondo scenografico costituito da ambienti voltati. Al termine della visita partenza per i luoghi d’origine.

torna su