Ritorno in Nepal

patan-durbar-square-lmanakamana7bhaktapurpashupatinathmt-fishtail-phewa-lake-and-pokhara-form-sarangkotpokhara-nepal-8-800x600???????????????????????????????mayphewa-800x600chronological-buddhist-circuits-lumbini800-x-600-lumbini-1-1tilaurakot2tilaurakotlumbini-buddhist-circuit-tour32elechisapanikelaniya-riveryak_nepalrana-tharudangaura-tharukathmandu1kathmandu2kathmandu3kathmandu4kathmandu5

In Breve

Disteso ai piedi delle spettacolari vette dell’Himalaya, il regno del Nepal è una terra di paesaggi straordinari e antichi templi, percorsa dai sentieri più belli del mondo.

È un paese povero, ma ricco di bellezze naturali, di storia e di cultura. Il Nepal ha sempre esercitato un certo fascino nell’immaginario degli Occidentali, ma se ci andate non riuscirete più a dimenticarlo.

Molti viaggiatori, infatti, ci tornano, armati di voglia di conoscere e apprezzare ancor di più la complessità della sua bellezza, della sua arte e della sua cultura.

Un ritorno in Nepal che in questo viaggio vede protagonista il Terai, la stretta pianura alluvionale che funge da confine naturale tra il Nepal e l’India. In tutta la regione vivono diverse etnie Tharu e noi ne visiteremo i tipici villaggi nella parte più occidentale, il cosiddetto Far West.

Partenza: 22 aprile - 05 maggio
Durata: 14 giorni 13 notti
Gruppo minimo: 10
Costo per persona: in aggiornamento
Prenotazioni entro: Entro 20 gennaio,sino ad esaurimento dei posti disponibili,versando acconto di euro 900,00 saldo entro 25 giorni dalla partenza

Il Programma di Viaggio

1° giorno: ROMA(o Milano) - KATHMANDU

Partenza  con voli di linea per Kathmandu. Pasti e pernottamento a bordo.

2° giorno: ARRIVO KATHMANDU

kathmandu3

Mezza Pensione: Arrivo a Kathmandu (1.500 metri sul l.m.) alle h. 11:00. Disbrigo delle formalità di ingresso in Nepal, incontro con l a guida e proceede visita dei principali luoghi di interesse della capitale. Sosta sulla centrale Durbar Square e visita del tempio della Royal Kumari (la dea bambina che incarna la dea Taleju). Sosta quindi presso l’Hanuman Dhoka ed il Kastmandap, un tempio in legno ricavato da un solo albero. Nel Pomeriggio visita per lo stupa di Swayambhunath, uno dei templi buddisti che più rappresentano il Nepal. E’ noto anche come “tempio delle scimmie, e si trova su un’altura che domina la capitale. In realtà è un complesso di costruzioni, piazzali e stupa, statue e ruote preghier a, le cui origini risalgono al V secolo d.C. Vi si accede salendo una scalinata. Rientro in hotel.
Cena e Pernottamento.

3° giorno KATHMANDU – DHANGHADI ( VOLO INTERNO)

rana-tharu

yak_nepal

Pensione Completa: Dopo la colazione, trasferimento in aeroporto in tempo utile per prendere il volo Della Buddha Air per Dhangadhi ore 07:30. In arrivo a Dhangadhi ore 08:30. Proceede a visitare villaggio di Mudkatti abitato dall’etnia dei Rana Tharu per ammirare le loro case tradizionali, il loro stile di vita. Al termine delle visite, rientro a Danghadhi per la cena e il pernottamento.

4° giorno DHANGHADI

dangaura-tharu

Pensione Completa: La giornata è dedicata alla scoperta della vita e della cultura dei Dangaura Tharu. Ci dirigiamo verso il villaggio di Rampur. I dangaura tharu si distinguono maggiormente dal resto della popolazione: si vestono in modo diverso, mangiano cibi diversi e pregano in modo diverso e i loro villaggi non sono multietnici come quelli dei tharu che abitano la parte est del paese. Diversi indizi suggeriscono che i tharu di questa regione abbiano un’origine etnicamente mista sviluppata attraverso l’integrazione di persone di altri gruppi. Molti dei tharu di questa regione sono stati ampiamente sfruttati da cinici zemindar, proprietari terrieri. Poiché molti dei tharu non possiedono la terra, sono alla completa mercé di queste persone senza scrupoli. In ogni villaggio c’è un funzionario chiamato mahato il cui compito è quello di mantenere la legge e l’ordine. E’ a tutti gli effetti il capo del villaggio. Nel villaggio che visiteremo, avremo modo di osservare le loro abitazioni costruite in fango. I muri esterni sono decorati a rilievo con immagini di animali e fiori. I cavallini d’argilla rappresentano la loro divinità e sono posti in capanne separate di fronte alla loro abitazione. Prodotti della foresta e degli orti sono appe si a seccare sotto i tetti delle case. Nel villaggio sono presenti circa sessanta abitazioni. Nei pressi del villaggio, si trovano due laghi naturali, dove fioriscono i fiori di loto e dove avremo modo di osservare da vicino il loro sistema tradizionale di pesca. Accanto ai laghi sorge il Tempio di Behedabada, visitato da molti pellegrini provenienti dalla regione, ma anche da Kathmandu e dall’India del nord. Rampur è sicuramente il villaggio Dangaura più tradizionale dell’area. Ci sarà la possibilità di assistere al loro tipico stile di vita. Al termine delle visite, rientro in hotel a Dangadhi per la cena e il pernottamento.

5° giorno DHANGHADI – CHISAPANI – BARDIA

chisapani

Pensione Completa: Dopo la prima colazione partenza per Bardia, sosta a visitare chisapani vilaggio. Pranzo in corso d’ escursione.

kelaniya-river

Visita dei dintorni con particolare attenzione alla vita lungo il kelani River, il fiume più lungo del Nepal. Pomeriggio tardi proceede a Bardia parco nazionale e check-in Lodge. Cena e pernottamento.

6° giorno BARDIA

ele

Pensione Completa: Dopo la prima colazione mattina si visita il villaggio a piedi. Pranzo in corso d’escursione. Nel Pomeriggio escursione a dorso d’elefante nella jungla alla ricerca della tigre e del rinoceronte “corazzato”. tempo a disposizione. Cena e pernottamento nel parco.

7° giorno BARDIA – Tilaurakot – LUMBINI

tilaurakot2

Pensione Completa: Dopo la prima colazione partenza per Lumbini, luogo di nascita di Buddha. Sosta a Tilaurakot, luogo dove il Buddha visse i suoi primi 29 anni, per visitare le rovine del 6° sec a.C. della dinastia Sakya. Successivamente ripartenza e arrivo a Lumbini. Pranzo Sacco. Cena e pernottamento in hotel.

8° giorno LUMBINI

may

Pensione Completa: Giornata dedicata alla visita del sito di Lumbini, città natale di Gautama Siddharta Buddha e quindi uno dei siti religiosi più importanti del mondo. Sembra proprio che Siddahrta sia nato in questa città, ai piedi di un albero di sal, nel mese di maggio del 563 a.C. Dal 1997 il sito è stato iscritto nel Patrimonio dell’umanità dell’Unesco. Sebbene sia un’importante meta di pellegrinaggio, Lumbini non ha nulla in comune con Haridwar, la Mecca o Lourdes. Qui i pellegrini arrivano in un flusso lento e rispettoso e molti si fermano a meditare nei monasteri che sorgono nei pressi del sito. Il centro di Lumbini coincide con il tempio di Maya Devi che segna il punto esatto in cui la regina Maya Devi di Kapilavastu diede alla luce Gautama Siddharta. Intorno al tempio si estende un giardino sacro in cui si trovano la colonna di Ashoka e i resti delle fondamenta di decine di stupa e monasteri. Dopo essersi tolti le scarpe, si può camminare tra i resti archeologici passando su una passerella di legno sopraelevata. L’interesse dei pellegrini è rivolto soprattutto verso una scultura in arenaria, raffigurante la nascita del Buddha che si dice sia stata collocata qui per volontà del re Ripu Me alla nel XIV secolo, quando Maya Devi era venerata come l’incarnazione della d a madre hindu.

chronological-buddhist-circuits-lumbini

La scultura è stata quasi completamente erosa da secoli di ado razioni, ma si riesce ancora a distinguere la sagoma di Maya Devi aggrappata a un ramo di sal, mentre dà alla luce il Buddha sotto lo sguardo di Indra e Brahma. Si dice che il laghetto accanto al tempio sai quello in cui la regina s’immerse prima di partorire Buddha. Intorno al giardino si estende per chilometri un vastissimo parco, chiamato Lumbini Development Zone, progettato nel 1978 dall’architetto Kenzo Tange. Di fronte al tempio di Maya Devi, sorgono due piccoli monasteri: il Dharma Swami Maharaj Buddha Vihar, costruito dai pellegrini del Mustang e il Nepal Buddha Vihara eretto dai monaci indiani di Bihar. L’imperatore indiano Ashoka visitò Lumbini intorno al 249 a.C., lasciando dietro di sé una colonna di arenaria recante alcune iscrizioni celebrative dell’avvenimento. Riscoperta dal governatore di Palpa nel 1896, la colonna, alta 6 m è stata ricollocata nel proprio sito originario, di fronte al tempio di Maya Devi. Fin dalla creazione, nel 1978, della Lumbini Development Zone, i paesi buddhisti di tutto il mondo commissionano la costruzione di sontuosi monasteri intorno al luogo natale del Buddha: ciascun edificio riflette l’interpretazione del buddhismo propria del paese che rappresenta e sicuramente costituiscono un’affascinante mappa architettonica delle varie scuole della filosofia buddhista nel mondo.

???????????????????????????????

Pomeriggio tardi si visita Shanti Stupa. Rientro in hotel. Cena e pernottamento.

9° giorno LUMBINI – TANSEN – POKHARA

pokhara-nepal-8-800x600

Intera giornata trasferimenti e visite. Pensione Completa: Dopo colazione ore 07:00 trasferimento a Pokhara, situata ad un’altitudine di 900 mt. Sosta a visitare una breve deviazione che porta prima a Tansen (Palpa), antica capitale del regno Sen, dove vi fermerete per il pranzo facoltativo e la possibilità di visitare brevemente la cittadina, i suoi templi e il bazar. Con il bel tempo il panorama dalla città sull’Himalaya si dice sia spettacolare. Arrivo dopo circa sette ore di viaggio. Arrivo dopo circa sette ore di viaggio, sistemazione in hotel. Cena e pernottamento in Pokhara.

kathmandu2

10° giorno POKHARA

mt-fishtail-phewa-lake-and-pokhara-form-sarangkot

Pensione Completa: di prima mattina partenza per vedere l’alba a Sarangkot con la splendida vista dell’Annapurna Himalayano. Rientro in hotel per colazione. Visita di Pokhara, e giro in barca sul lago Phewa. Pomeriggio a disposizione per relax o per passeggiate guidate nella zona collinare. Cena e Pernottamento.

11° giorno POKHARA – MANAKAMNA – KATHMANDU

kathmandu5

Pensione Completa: Dopo la prima colazione partenza per Kathmandu. Lungo il tragitto visita del Manakamana Temple, che si raggiungerà in funicolare. Pranzo in corso d’escursione. Successivamente ripartenza e nel pomeriggio arrivo a Kathmandu. Cena e pernottamento in HOTEL.

12° giorno KATHMANDU

pashupatinath

Pensione Completa: Dopo la prima colazione mattina. Visita guidata di Pashupatinath, il tempio più venerato del Paese. Il luogo è immerso nel verde, è attraversato dal fiume sacro Bagmati con “ghat”, scalinate che arrivano al fiume, in cui la gente del posto e pellegrini effettuano abluzioni e riti funerari di cremazione.

kathmandu4
Proseguimento per Bodhnath, dove si ammira il maestoso stupa (monumento buddhista la cui funzione principale è quella di conservare reliquie), considerato il più grande al mondo. Attorno a questo monumento, che si dice contenga un frammento osseo del Buddha, è raccolta una comunità di tibetani che espongono nei loro negozi tappeti e altri articoli tipici di artigianato.

bhaktapur

manakamana7

Nel pomeriggio visita di Bhaktapur (o Bhadgaon) probabilmente la più interessante delle tre città della Valle di Khatmandu. Il centro storico conserva il fascino e l’aspetto di un tipico villaggio medievale, con gli stessi ritmi ed attività di un tempo. Fu capitale dal XIV al XVI secolo. E’ quasi priva di traffico e le sue strade acciottolate si percorrono piacevolmente a piedi tra monasteri, cortili, piazze, santuari, vasche, templi. Pernottamento.

13° giorno KATHMANDU

patan-durbar-square-l

Pensione Completa. Mattina dedicata alla visita di Patan, seconda città della valle, che sorge oltre il fiume Bagmati che la divide da Kathmandu. Il periodo di maggior incremento delle opere architettoniche risale al XVI secolo. Possiede una concentrazione territoriale di edifici ed opere artistiche superiore ad ogni altro centro nepalese. Anche qui il cuore della città è Durbar Square, da cui dipartono le vie che percorriamo a piedi per incontrare le tante costruzioni, monasteri, templi, vasche, luoghi sacri e negozi della città. Presso Patan sorge inoltre un centro per rifugiati tibetani e sarà possibile visitare questa comunità. Nel pomeriggio visita di Thamel e del mercato. Cena in ristorante locale Nepalese con Musica e Danza Tradizionale. Dopo la cena rientro in albergo. Pernottamento.

14° giorno KATHMANDU – ISTANBUL – MILANO/ROMA

Trasferimento al’aeroporto internazionale e check-in volo per Milano/Roma con Turkish Airlines.

Itinerario di Viaggio

Informazioni generali

Da sapere
Per l’ingresso in Nepal è necessario essere in possesso del passaporto valido e del visto. Il passaporto è necessario che abbia validità residua di almeno sei mesi e comunque superiore al periodo di permanenza nel Paese più due pagine libere. Per quel che riguarda il visto d’ingresso, che è obbligatorio, è bene sapere che si ottiene direttamente all’ingresso nel Paese presso l’aeroporto di Kathmandu presentando il passaporto (con validità residua di almeno sei mesi al momento dell’arrivo) e due foto tessera. Il costo è di Euro 25.

torna su