RIETI CUORE PICCANTE

PEPERONCINI-PICCANTICOLLEZIONEtrebula3soffitto-abbaziaCottanellocasperia.scalinisantuario di Poggio Bustonesantuario della Forestapano_ingressoesterno-del-santuariodel fiume Salto

In Breve

RIETI CUORE  PICCANTE

 

 

 

 

Partenza: 25 aprile - 29 aprile
Durata: 4 giorni 3 notti
Gruppo minimo: 25 persone
Costo per persona: Euro 360,00 a persona in camera doppia Euro 54,00 suppl.to camera singola
Prenotazioni entro:

Il Programma di Viaggio

1° giorno, Roma-Piediluco-Rieti

Ritrovo dei partecipanti in zona e luogo da concordare e partenza in bus privato .Arrivo a Piediluco (TR) in tarda mattinata ed incontro con la guida turistica. Pranzo in loco.

santuario della Foresta

Nel pomeriggio visita del santuario della Foresta dove San Francesco scrisse il “Cantico delle Creature” e dove realizzò il miracolo della vigna.

santuario di Poggio Bustone

Proseguimento per il santuario di Poggio Bustone, il paesino della buona gente. San Francesco arrivando in loco per la prima volta nel 1208 salutò gli abitanti con il famoso “Buongiorno buona gente”. Più tardi presso la chiesina di San Giacomo gli apparve il Signore comunicandogli che i suoi frati novelli apostoli si sarebbero moltiplicati e nella contemplazione divina gli vennero rimessi tutti i peccati. Arrivo Rieti. Sistemazione in hotel. Cena e pernottamento.

2° giorno, venerdì

del fiume Salto

Dopo la prima colazione partenza per Borgo San Pietro alla scoperta della Valle Sommersa. Sosta sulla diga del Salto per ammirare il lago artificiale formatosi dopo la sbarramento del fiume Salto. L’invaso creato nell’ambito della politica di sufficienza idroelettrica portata avanti dal regime negli anni Trenta, costituisce uno dei laghi artificiali più estesi della nostra penisola, una riserva d’acqua significativa capace di produrre un’enorme quantità di energia e di attrarre un numero sempre maggiore di visitatori.

esterno-del-santuario

Proseguimento per il santuario di santa Filippa Mareri, prima Santa del secondo ordine francescano che ebbe l’opportunità di accogliere, presso il vecchio monastero, San Francesco che percorreva la valle nei suoi viaggi verso Subiaco. Visita della cappella duecentesca che conserva le spoglie della baronessa Santa. Salvata dalle acque del lago, la cappella è stata ricostruita  all’interno del nuovo edificio. La visita proseguirà presso il Museo del monastero che conserva interessanti reperti dell’antica struttura salvati dalle monache prima della formazione del lago. Tra questi: architravi, grate, comunichini in pietra, portali in legno, ed alcuni dipinti del maestro De Chirico. Passeggiata a Petrella Salto borgo di grande interesse che conserva i ruderi della rocca dei Cenci dove si consumò l’assassinio di Francesco padre di Beatrice eroina romantica divenuta dopo la decollazione simbolo d’innocenza offesa, violata dal potere paterno e politico. Pranzo in loco.

pano_ingresso

Nel pomeriggio partenza per Pescorocchiano per la visita delle grotte di val de’ Varri un ambiente naturalistico di grande suggestione con le sue volte a “pelle di leopardo” ed il sentiero che improvvisamente sbuca ai piedi di un dirupo maestoso e selvaggio dove si apre la voragine e si sente il brontolio sotterraneo del torrente. Rientro in hotel. Cena e pernottamento.

In serata visita della Rieti Sotterranea che custodisce i resti di un antico viadotto fatto costruire dai romani per evitare l’impaludamento della via Salaria, l’antica via del sale. La struttura rintracciabile nei sotterranei di alcune nobili dimore è formata da grandiosi fornici di travertino a sostegno del piano stradale.

3° giorno, sabato

casperia.scalini

Dopo la prima colazione partenza per Cottanello che deve il suo nome al console Aurelio Cotta, artefice della costruzione della via Aurelia. Sosta presso la chiesa rupestre di San Cataldo dove il vescovo di Taranto si rifugiava nel silenzio e nella preghiera. In questa piccola chiesa, secondo la tradizione, San Francesco di Assisi si fermava sovente durante i suoi viaggi verso Roma. Passeggiata tra i resti  della villa romana della famiglia Cotta.

Proseguimento per Casperia, l’antica Aspra dei romani. Fece parte di domini farfensi e nel secolo XV venne concessa in feudo prima ai Savelli e poi agli Orsini. Il borgo ha l’aspetto medievale con tortuose cordonate ben selciate convergenti alla sommità del colle dove è situata la chiesa parrocchiale di San Giovanni Battista affiancata da una bella torre campanaria romanica. All’interno è possibile ammirare l’”Artistico  Presepe” che ripropone gli angoli più significativi del borgo.

Cottanello

soffitto-abbazia

Partenza per Vescovio. Pranzo in loco. Nel primo pomeriggio visita della  chiesa romanica di Santa Maria, prima cattedrale dei Sabini. Affrescata nelle pareti interne presenta scene del nuovo e vecchio testamento ed il Giudizio Universale attribuito al maestro Pietro Cavallini o alla sua scuola. Passeggiata tra gli scavi archeologici di Forum Novum. Rientro in hotel e cena in ristorante tipico a base di formaggi e salumi della zona e arrosticini di pecora, pollo e fegato.

4° giorno, domenica

trebula3

Dopo la prima colazione partenza per Monteleone in Sabina per ammirare i resti archeologici della città  sabino-romana di Trebula Mutuesca. Il borgo di Monteleone deve il suo nome a numerosi leoni di età repubblicana che in origine decoravano l’anfiteatro e le tombe della necropoli trebulana. Ma è fuori l’abitato che l’ambiente diventa estremamente suggestivo. Un naturale parco archeologico caratterizzato da antichi uliveti si sviluppa tutt’intorno in un affascinante gioco di prati e colline che lasciano vedere resti di mura, blocchi squadrati di pietra , blocchi di colonne e lo spettacolare anfiteatro di Pantano che occupa la valle omonima. Trattasi di testimonianze archeologiche che attestano l’importanza dell’antico centro che nel I secolo a.C. divenne municipium e che in seguito trovò un sistemazione urbanistica voluta dalla potente famiglia dei Bruttii Praesentes, ricchi proprietari terrieri. Visita della chiesa romanica di Santa Vittoria, nobile romana martirizzata nel 253 sotto l’imperatore Decio, che sorge su una piccola catacomba dove si conserva un sarcofago che, secondo la tradizione, custodiva le spoglie di Santa Vittoria. Visita del museo archeologico. Pranzo in loco. Nel pomeriggio partenza per i luoghi di origine.

Itinerario di Viaggio

Informazioni generali

La quota comprende:

  • 3 pernotti hotel 4 stelle con prima colazione e cene
  • Trasferimenti in bus dal 1° al 4° giorno
  • Guida locale dal 1° al 4° giorno
  • Accompagnatore de I Viaggi di Giorgio
  • 2 pranzi
  • Assicurazione assistenza medica
  • Kit di viaggio

 

La quota non comprende:

  • Gli ingressi
  • I pasti non menzionati nel programma
  • Supplemento camera singola euro 53,00
  • Eventuali mance
  • Tutto quanto non menzionato ne “La quota comprende”.
torna su