IRAN – PERSIA FAVOLOSA

tehran-skylinetagh e bostanQYazd-1KONICA MINOLTA DIGITAL CAMERAkhaju-bridge-day-2Karim Khan-e-ZandIsfahan-03Isfahan-2iran-yazdIran 2 2IMG_2320bazaarbassi-rilievi-persepoliAvicenna_Mausoleum__Museum_Hamadan_IMG_2967_30574813320110106_Vank_Cathedral_Isfahan_Iran_Panoramic_View-800x600persepoli

In Breve

 Iran Persia favolosa

DAL GOLFO PERSICO AL MAR CASPIO

Un viaggio attraverso Elamiti Achemenidi Sasanidi e Safavidi, da Zoroastro a Shaphur, da Dario a Alessandro Magno, dalla Via della Seta alle torri del silenzio, da Scià Abbas agli Armeni, dalla mitica Susa alla fiabesca Isfahan. Accanto al profilo di alcune tra le più belle moschee del mondo, i templi del fuoco, la poesia di Oman Khayyam.

…..un viaggio da sogno su un  tappeto tribale….

L’attuale Iran con i suoi mille colori della natura e soprattutto dei monumenti e la popolazione vi aspetta per darvi un ‘emozione unica e irripetibile che pochi altri Paesi al mondo possono trasmettervi.

                          Un tour per veri viaggiatori…assetati di conoscenza….di sapere….

Visitare l’Iran è un esperienza unica e straordinaria: ci si trova proiettati all’interno di una civiltà e di una cultura che da più di 2500 anni influenza il mondo. Un Paese sicuro dove scoprirete ciò che i mass media non dicono, dove è stato fondato l’impero più grande e duraturo del mondo, Ciro

“Abu Said, re della Persia, aveva solo dodici anni quando salì al trono. È la più splendida creatura di Dio per la figura e i lineamenti del viso e non ha barba sulle guance. Tollerante e devoto è anche un uomo illustre e coraggioso, generoso e di carattere allegro. Durante le cerimonie ogni Amir si fa avanti, saluta il re e torna al proprio posto; poi ciambellani e cerimonieri si mettono davanti al re, seguiti dai suonatori. Sono circa cento uomini, che indossano ricche tuniche, e dietro di loro si fa avanti lentamente il corteo del sultano.”

Fino al 1971 con i luoghi santi di Israele, l’Egitto e Roma,  la Persia era considerata davvero tra le mete più importanti del turismo internazionale. Fu quello l’anno in cui lo Scià Reza Pahlavi, pensò di festeggiare il 2500° anniversario della fondazione dell’Impero persiano spendendo solo per una tendopoli reale oltre 100 milioni di dollari e cifre ancor più esorbitanti per modernizzare l’esercito del Paese senza averne peraltro una reale necessità. Questo depauperamento spropositato fu la scintilla che provocò la ribellione del popolo e la rivoluzione che ne seguì fu terribile e ancor più terribile fu la guerra d’aggressione contro l’Iraq, incoraggiata dalle potenze occidentali e durata fino al 1988. Finalmente dal 1989 l’Iran vive un periodo di stabilità e consente nuovamente la visita di splendidi siti che testimoniano la potenza elamita, achemenide e successivamente islamica. accolti da un popolo ospitale e curioso con i turisti. Un viaggio in assoluta sicurezza. Si incontra una natura mutevole, altipiani con magnifici panorami, rocce luminose e grandiose, steppe, deserti e improvvisamente appaiono acqua corrente e giardini colmi di alberi. La luce, lo spazio e i colori scorrono ad ondate. Lo standard degli alberghi è di ottimo livello .          

Partenza: 19 aprile - 30 aprile
Durata: 12 giorni 11 notti
Gruppo minimo: 20 persone
Costo per persona: euro 2450,00 a persona in camera doppia euro 320,00 suppl.to camera singola
Prenotazioni entro: il 15 gennaio secondo acconto euro 900,00 . Saldo entro un mese dalla partenza.

Il Programma di Viaggio

1° giorno 19/4: ROMA– TEHRAN

Ritrovo dei partecipanti presso aereoporto e operazioni imbarco volo Alitalia diretto a Tehran. Arrivo all’aereoporto Iman Khomeini, incontro con la guida e trasferimento in albergo. Pernottamento.

2° giorno 20/4: TEHRAN – AHVAZ

museo-vetri-teheran

Nella mattinata visita alla città di Tehran (altitudine 1150m.), l’attuale capitale politica-amministrativa. La città ha una storia recente, solo nel XVIII secolo diviene capitale: è una metropoli caotica e moderna (15 milioni di abitanti), gli interventi urbanistici maestosi (piazza della Rivoluzione) le larghe strade di comunicazione sono l’emblema di una megalopoli in continua crescita. I musei da visitare sono: Il Museo Archeologico, ricco di reperti che tracciano la storia del paese, straordinaria la collezione di manufatti fittili.Il museo dei gioielli e dell ‘oro.Nel  tardo pomeriggio trasferimento in aeroporto e partenza per Ahvaz (durata volo un’ora). Arrivo, trasferimento in albergo, cena e pernottamento.

3° giorno 21/4: AHVAZ – SUSA – CHOGHAZAMBIL – AHVAZ

3

L’escursione archeologica all’antica Susa, città elamita per grandezza paragonabile a Persepoli, scomparve dopo il IV secolo e fu riscoperta dagli archeologi inglesi nella seconda metà dell’ottocento. Oltre ai resti del palazzo di Dario, interessante il piccolo museo sito in un verdeggiande giardino. Nelle vicinanze anche la  mitica tomba di Daniele. Procedendo la visita per il sito Chogha Zambil si esplora la  Zigurat e il tempio dei Elamiti dell’ antica civiltà mesopotamica. Chogha Zanbil è un antico complesso elamita nella provincia del Khuzestan dell’Iran . Si tratta di una delle poche esistenti al di fuori ziggurat della Mesopotamia. Si trova a circa 42 km ( 26 miglia) a sud – est di Dezful , a 30 km ( 19 miglia) a sud – est di Susa ed a 80 km ( 50 miglia) a nord di Ahvaz .

Sosta nella città di  Shushtar con passeggiata al complesso dei mulini ad acqua: un arco di cascate, alimentate da  corsi d’acqua artificiali con 14 pale che fanno girare altrettante macine. Shushtar (il cui nome significa “maggiore di Shush”) era un’antica cittadella fortificata. In periodo elamita era conosciuta con il nome di Adamdun e in periodo achemenide si chiamava Šurkutir. In era sasanide era un’isola sul fiume Karun, scelta come capitale estiva dell’Impero. Il fiume fu canalizzato per formare un fosso intorno alla città mentre si costruirono ponti in corrispondenza delle porte principali.

Rientro in serata in albergo, cena e pernottamento.

4° giorno 22/4: AHWAZ – SHIRAZ

4

Al mattino trasferimento in pulman per la città di Shiraz, durante il percorso sosta e visita all’antica Bishapur e del sito di  Tangh-e Chogan, città sasanide ricostruita dai legionari romani prigionieri ed esilio di Valeriano, sulle rive del fiume Shapur, in una ripida gola si trovano sei enormi bassorilievi che commemorano la vittoria sui Romani.Fu costruita dal re Shapur dopo la sua vittoria sull’imperatore Valeriano. Shapur costruì un grande centro urbano, circondato da mura costellate ovunque da grandi torri circolari, e capace di ospitare, sembra, 80.000 persone. I recenti scavi hanno messo in luce una serie di edifici sontuosi, che comprendono una struttura palaziale, dotata di una massiccia Sala delle Udienze a pianta cruciforme, e di grandi sale accessorie abbellite da splendidi mosaici policromi e pitture murali. Una città modernissima, per il tempo, quindi, in cui, ad es., sono tornati alla luce addirittura impianti fognari e canali per l’acqua, di un’efficienza straordinaria.

Arrivo  in hotel a Shiraz cena e pernottamento.

5° giorno 23/4: SHIRAZ – PERSEPOLIS – SHIRAZ

5

La giornata e’ dedicata all’escursione a Persepoli, è stata la capitale Achemenide, città di rappresentanza, venne concepita nello sfarzo e nella grandiosità per glorificare i monarchi e intimorire i popoli assoggettati.  Il Palazzo Primavera fatto costruire da Dario I nel 518 a.c. per celebrare  le feste di inizio anno è costruito su un enorme piattaforma ed è ricoperto di bassorilievi raffigurati tutte le popolazioni che facevano parte del Impero Persiano; prima Dario e poi Serse avevano fatto affluire in Persia i migliori artigiani del mondo per edificare un palazzo che doveva essere la summa dell’ architettura e della scultura delle regioni mesopotamiche. Nel pomeriggio rientro e visita della città di Shiraz, nota per i suoi giardini e per mitezza del suo clima è stata capitale sotto diverse dinastie, patria d’illustri poeti  come Saadi e Hafez, possiede importanti monumenti come il Complesso di Vakil, la fortezza di Karim Khan (moschea,  hammam, bazar), il caravanserraglio di Moshir.

La moschea di Vakil si estende su una superficie di 8.660 metri quadrati . Ha solo due iwan invece dei soliti quattro , sui lati nord e sud di una grande corte aperta . Le iwan della corte sono decorati con le tipiche piastrelle Rangi Shirazi Haft , una caratteristica dell’arte e dell’industria di Shiraz durante la seconda metà del 18 ° secolo . La sua sala di preghiera notturna ( Shabestan ) , con una superficie di circa 2.700 metri quadrati , contiene 48 colonne monolitiche scolpite in spirali, ognuna con un capitale di foglie di acanto . Il minbar in questa sala è tagliata da un unico blocco di marmo verde , con un volo di 14 gradini ed è considerato uno dei capolavori del periodo Zand . Le esuberanti decorazioni floreali in gran parte risalgono al periodo Qajar.Cena e pernottamento.

6° giorno 24/4: SHIRAZ – PASARGAD – YAZD

Al mattino partenza per Yazd sulla rotta descritta da Marco Polo ,via Rafsanjan, arrivo all’ antica Yazd tra i piu’ importanti centri carovanieri medioevali che accolse per i secoli  i mercanti e i viaggiatori. Nel percorso visita a Pasargade, è la prima capitale del regno archemenide, voluta e concepita da Ciro il Grande, in una vasta pianura le poche costruzioni messe in luce ci indicano il Palazzo delle udienze, l’Entrata monumentale, il Palazzo privato del monarca. Isolata, troneggia l’imponente e sobria tomba del grande sovrano. Nel pomeriggio inizio della visita della citta  di Yadz con le “Torri di Silenzio” due colline brulle, dove i zoroastriani lasciavano i propri defunti agli avvoltoi perché ne spolpassero le ossa, nelle vicinanze un cimitero moderno dell’antica religione.Cena e pernottamento.

7° giorno 25/4: YAZD

6

Visita alla città di Yazd, il capoluogo dell’omonima regione iraniana e un centro importante dello Zoroastrismo. In seguito ad un adattamento secolare al deserto circostante, Yazd presenta un’architettura unica. È nota in Iran per l’artigianato di prima qualità, che produce soprattutto tessuti di seta e prodotti dolciari e ospita la più nutrita comunità di seguaci di Zoroastro, ci offre la visita al  “Fuoco Sacro”  il tempio dove si conserva una fiamma che brucia dal 470 d.C., poi passeggiate nella quartiere di Fahadan , protetto dall Unesco come partimonio dell Umanita’, infine la moschea Jamé che presenta un portale rivestito di maioliche tra i più alti dell’Iran,  e il complesso di Mirciakhmaq con bellissima piazza  e fornitissimo bazar.

Cena e pernottamento.

8° giorno 26/4: YAZD – MEIBOD – NAIN – ESFAHAN

8

Mattina partenza per Esfahan nel percorso visita alla cittadella di Narin Qaleh dell antica citta’ di Meibod , la sua costruzione riguarda a piu’ di 3000 anni fa , molto simile a Bam .Le origini della città risalgono al periodo pre-islamico e durante la dinastia dei Muzaffaridi è stata anche capitale della Persia. Vanta molti monumenti storici, tra cui la fortezza di Narin , una delle più antiche dell’Iran. Proseguimento del viaggio con visita all’antica citta di Nain, con la sua moschea di Jame’ di 1000 anni fa decorata da stucchi mirabilmente conservati.

L’arte decorativa raggiunge gli apici, e la tecnica costruttiva è raffinatissima, come testimoniato dall’acustica eccellente. E’ la sintesi di tutta l’architettura islamica. Viene visitata da studiosi e architetti da tutto il mondo perché ciascuna dinastia ha aggiunto una parte secondo il proprio stile. Mirabile il portico dell’Iwan settentrionale del periodo selgiuchide. La sera arrivo nella città di Esfahan: la città del deserto.Cena e pernottamento.

9° giorno 27/4: ESFAHAN

9

Visita della città di Esfahan tra le più suggestive del mondo. Un vecchio detto persiano dice “Esfahan é “la metà del mondo” numerosi viaggiatori hanno lasciato una descrizione entusiasta ammaliati da tanta bellezza. Intera giornata dedicata alla visita della grande oasi del deserto dove regna intatta l’atmosfera delle “Mille e una notte”.  A partire dal 1587, con Abbas I “il Grande” e la dinastia safavide,  la citta acquista la straordinaria bellezza che la caratterizza ancora oggi. Nella grande piazza centrale Naghsh-e Jahan si affacciano due teorie di archi, nella parte bassa occupati da botteghe di artigiani (interessanti i negozi di preziosi: miniature, turchesi, stoffe),  si vedono alle estremità della piazza i pali che servivano a delimitare il campo da Polo realizzato 400 anni fa. Tra i porticati si incastonano la Masjed-e Emam (moschea dello Shah), in assoluto una delle più belle dell’intero mondo islamico per la raffinatezza della decorazione di piastrelle azzurre e gialle e l’armonia della cupola e degli spazi interni,  il piccolo gioiello della moschea di Masjed-e Sheikh Lotfollah, il Palazzo reale safavide Ali Ghapu e l’ingresso al bazar centrale coperto da piccole cupole sormontate da una apertura da dove filtra tutta la luce che serve per illuminare le merci esposte.Cena e pernottamento

10° giorno 28/4: ESFAHAN

Bagh e Chechel Sotun general view

Mattino proseguimento e completamento della visita: la Grande Moschea del Venerdi, il padiglione e parco di Chehel Sotun, costruito da Abbas I. Questo palazzo detto delle quaranta colonne , che in realtà sono venti perchè diventano quaranta riflesse nell’acqua. E’ un giardino molto bello con fiori alberi e un laghetto. Notevoli sono gli interni , bella la sala del trono impreziosita da una seri di affreschi. Si entra passando sotto la terrazza sostenuta dalle 20 colonne che sostengono il decorato soffitto , e poi l’interno e tutto un ‘insieme di pitture che raffigurano la vita di corte. Molto belle le varie scene dipinte con colori vivaci. in genere si visita dopo aver visto le varie moschee sulla pazza in modo da poter visitare quest palazzo anche per rilassarsi un po’ dalla visite precedenti. Finita la visita interna e compiendo il giro all’esterno si vedono anche qui alcune pitture e decorazioni.

La giornata prosegue con i minareti vibranti Monar Jomban, la chiesa armena di Jolfa con l’annesso museo, il ponte Khaju del 1600, i resti del tempio di Fuoco dedicato al culto di Zaratustra.Cena e pernottamento

11° giorno 29/4: ESFAHAN – KASHAN – QOM – TEHERAN 

11

Partenza per Qom e, lungo il percorso visita a Kashan e alle costruzioni del ottocento Iraniano, famoso per le case bioclimatiche Giardino di Fin e collina di Sialk. Il giardino di Fin o Bagh-e Fin, sito a Kashan in Iran, è uno storico giardino persiano. Contiene il Kashan’s Fin Bath, dove venne assassinato Amir Kabir, il primo ministro della dinastia Qajar, ucciso da un sicario inviato dallo Scià Nasser al-Din Shah Qajar nel 1852. Il giardino fu completato nel 1590 ed è il più antico giardino oggi esistente in Iran. Il giardino copre una superficie di 2.3 ettari con un cortile centrale circondato da mura con quattro torri circolari. In linea con molti dei giardini persiani di questa epoca, il giardino di Fin ha un gran numero di giochi d’acqua. Questi sono alimentati da una sorgente ubicata sulla collina dietro il giardino, e la pressione dell’acqua è tale da poter alimentare un gran numero di piscine e fontane senza bisogno di pompe meccaniche. Il giardino contiene numerosi cipressi e combina caratteristiche architettoniche della dinastia safavide, della dinastia Zand e della dinastia Qajar. Nel pomeriggio arrivo a Teheran e visita presso il Museo Nazionale dei gioielli. Cena e pernottamento.

12° giorno: TEHERAN – ROMA

Al mattina presto trasferimento in aeroporto partenza con il volo di linea da Tehran per Roma Fine dei servizi. 

 

Itinerario di Viaggio

Informazioni generali

LA QUOTA COMPRENDE:

  • Voli di linea  Roma Tehran Roma Alitalia in classe economica franchigia bagaglio 20 kg
  • 1 volo interno
  • Sistemazione come previsto dall’itinerario in alberghi da noi accuratamente selezionati per la miglior ospitalità 4****
  • Colazione a buffet in albergo, pranzi e cene in caratteristici ristoranti iraniani in tutte le località visitate oltre a caffè, tè, frutta di stagione, dolci locali e datteri sempre presenti nei nostri mezzi di traporto.
  • Occasionalmente potrà essere effettuato un simpatico pic-nic all’iraniana, qualora le esigenze di viaggio lo rendessero necessario;
  • Bus per intera durata del tour,
  • Guida professionale specializzata in lingua italiana che curerà personalmente l’interazione con tutto il personale di servizio locale.Espertissimo della storia della Persia.
  • Tutti gli ingressi ai siti archeologici ed ai musei.
  • Assicurazione medica(massimale 10.000) bagaglio (massimale 5000)
  • 2 bottiglie al giorno di acqua minerale
  • Kit da Viaggio(borsa e guida sull’Iran)

LA QUOTA NON COMPRENDE:

  • le spese consolari per il visto di ingresso 80,00
  • tasse aeroportuali pari a euro 280.00 soggette a riconferma
  • mance alla guida e all’autista facchini e camerieri
  • tutto quanto non espressamente indicato alla voce “La quota comprende”.
torna su