PASQUA IN BULGARIA DA TUTTA ITALIA

monastero-di-rilasofia3OLYMPUS DIGITAL CAMERAetara-2veliko-tarnovo-12-06-2012-06-20-46pastra-trapeza_800x600arbanasi-41-800x600gallery_237sofiauova-2

In Breve

Essendo un paese prevalentemente ortodosso, in Bulgaria la popolazione attribuisce grande importanza alla preparazione della celebrazione pasquale. Secondo il calendario ortodosso, Pasqua cade la prima domenica dopo la luna piena dell’equinozio di primavera.

Per purificarsi in vista della Pasqua, la popolazione osserva un periodo di penitenza, definito “grande digiuno“: i credenti decidono di vivere con moderazione, per purificare il corpo e lo spirito, giungendo al giorno della celebrazione con mente aperta e gratitudine.

Durante la Settimana Santa, i fedeli intensificano le attività di preparazione: si svolgono messe e cortei per commemorare le varie fasi della Passione e della morte di Cristo e ci si dedica a compiti prettamente domestici, come la pulizia della casa e la preparazione dei cibi che si gusteranno la domenica di Pasqua, dopo aver assistito alla Santa Messa di mezzanotte, che sancisce la resurrezione di Cristo. Il pane di Pasqua– chiamato “kozunak“- viene portato in chiesa durante la giornata di sabato, affinché venga benedetto dal sacerdote.

Partenza: 18 aprile - 22 aprile
Durata: 5 giorni 4 notti
Gruppo minimo: 20
Costo per persona: Euro 860,00€
Prenotazioni entro: Sino ad esaurimento dei posti disponibili,saldo entro un mese dalla partenza

Il Programma di Viaggio

1° giorno: ROMA-SOFIA o altri aereoporti italiani

sofia

Partenza con volo di linea diretto a Sofia. Arrivo , transfer  e sistemazione in Hotel cena  pernottamento. Secondo orario di arrivo, primo approccio personale con la città.

2° giorno: SOFIA – VELIKO TURNOVO – ARBANASSI – SCUOLA CUCINA – VELIKO TURNOVO

arbanasi-41-800x600

Dopo colazione partenza per il  villaggio di Arbanassi. Il paese è famoso per le sue antiche, chiese riccamente decorate e la magnifica architettura. E’ stata la residenza estiva dei re bulgari.

gallery_237

pastra-trapeza_800x600
Qui assisterete alla preparazione dei due pasti più importanti della cucina bulgara – banitsa e yogurt. Il primo (banitsa) è un tipo di pasta filo, un alimento tradizionale, che è un simbolo della cucina bulgara e delle sue tradizioni. Il secondo – lo yogurt, è ampiamente utilizzato dai locali nella cucina quotidiana, ed il bacillo si produce in Bulgaria. Alcune persone, anche nelle città più grandi, ancora fare a casa da soli.

veliko-tarnovo-12-06-2012-06-20-46
Seguirà pranzo con prodotti tipici. Dopo pranzo visita a Veliko Turnovo capitale del secondo regno bulgaro con la storica collina di Tsarevets e la sua fortezza, la chiesa Patriarcale, il Palazzo Reale e la torre dell’imperatore Bolduin. E’ una delle più antiche città della Bulgaria , considerato che i primi segni lasciati dall’uomo in queste terre risalgono a 3000 anni a.C. Giro panoramico della città, passeggiate lungo la antica via dei commerci – “Samovodska charshia”. Visita al nuovisssimo museo delle cere.
Sistemazione in Hotel  e  pernottamento.

3° giorno: VELIKO TURNOVO – ETARA – PLOVDIV – SOFIA 

etara-2

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Dopo colazione partenza per Etara originale museo all’aria aperta che ricrea il modo di vivere del popolo bulgaro nel IXX secolo. Si tratta di una delle più visitate attrazioni turistiche del paese. Si trovano ovunque artigiani mentre lavorano oro, argento, rame, cuoio e articoli di legno tra le strade contornate da case dall ‘architettura unica.
Il complesso è stato inaugurato il 7 settembre 1964 e proclamato un parco nazionale nel 1967, così come un monumento della cultura nel 1971
Trasferimento a Plovdiv, Capitale Cultura 2019,  città Luciano il greco definì Plovdiv “la più grande e bella città” in Tracia, attualmente si potrebbe dire in Bulgaria, quanto meno per la bellezza. In realtà è oggi la seconda in ordine di grandezza e conserva un patrimonio storico e culturale di primaria importanza; qui vissero e si combatterono Traci, Macedoni, Greci, Romani, Bizantini e Ottomani, per arrivare all’epoca del rinascimento bulgaro, la quale anch’essa ha lasciato molti ed evidenti segni Plovdiv, che un tempo si chiamava Philipopolis, è una delle città più antiche d’Europa; i popoli che la abitarono sono molti: i Traci, i Romani, i Goti, gli Slavi e gli Ottomani. Le tracce lasciate da ognuno di questi popoli ha reso Plovidv un vero e proprio museo a cielo aperto! Si trovano quindi esempi di edifici che ripercorrono quasi l’intera storia d’Europa e passeggiare tra le rovine ed i monumenti è un vero e proprio viaggio nel tempo  . Arrivo a Sofia e sistemazione in Hotel

4° giorno: SOFIA – MONASTERO DI RILA – SOFIA

sofia3

Dopo colazione visita di Sofia, una città con una storia di 8500 anni chiamata ” La mia Roma” dall’Imperatore Costantino il Grande partendo da siti storici a partire da Piazza San Nedelya dove si trovano La Chiesa ortodossa di S. Nedelya, la Moschea e la Sinagoga che formano il “Triangolo della Tolleranza“ a simboleggiare la pace tra le diverse religioni in Bulgaria, la piazza Alessandro I in cui si trovano il Palazzo Reale e il Teatro Nazionale, “Tzar Osvoboditel” boulevard, il Parlamento, la Chiesa di “San Sofia “(il nome significa saggezza), da cui deriva il nome della città, l’Università di Sofia e la cattedrale Alexander Nevski (il più grande tempio ortodosso della penisola balcanica).

monastero-di-rila
Trasferimento al Monastero di Rila. Questo monastero, fondato nel X secolo da San Giovanni di Rila, è decisamente il luogo spirituale di maggiore importanza per il popolo bulgaro, simbolo e rifugio durante i periodi più bui della storia di questo popolo oggi meta di pellegrinaggio da tutta la nazione; ogni uomo o donna di Bulgaria deve recarsi qui almeno una volta nella vita ed è realmente palpabile la loro emozione nell’entrare in questo luogo. Il monastero è un vero gioiello, perfettamente conservato ed incastonato in una cornice di montagne che lo rendono ancora più affascinante e suggestivo; la visita include la chiesa interna al monastero ed il museo, dove meglio comprendere la sua lunga storia.  Il monastero di Rila è molto probabilmente la più alta espressione architettonica ed artistica di questo tipo di edifici in tutta la Bulgaria, inserito inoltre in un paesaggio veramente affascinante. In questa escursione si può vedere la splendida e ritenuta miracolosa Icona della Vergine Maria, la cucina del monastero, il suo museo che ne racconta la lunghissima ed eroica storia, la Torre di Hrelyu, la sua particolare architettura ed i suoi unici quanto bellissimi affreschi; inoltre si ha la possibilità di far spaziare lo sguardo da alcuni punti di vista privilegiati sul panorama circostante.
Rientro, e sistemazione in Hotel

5° giorno: PARTENZA

Dopo colazione trasferimento in areoporto e partenza. Fine dei servizi

La quota comprende:

  • Voli di linea in classe economica franchigia bagaglio 20 kg
  • Pernottamenti in hotel
  • Pranzi e cene come da programma
  • Bus privato e guida in linga italiana per la durata del tour
  • Assistenza in loco di personale qualificato
  • ingressi previsti dal programma
  • Assicurazione medica  (massimal 10.000,00) e bagaglio (massimale 1.500,00)

La quota non comprende:

  • Tasse aereoportuali soggette a riconferma sino emissione dei biglietti aerei pari a euro 150,00
  • Bevande ai pasti;
  • mance per autisti  guide e facchini e camerieri pari  a euro 5 al giorno a persona totale 25,00 da versare al capogruppo il giorno di partenza.

FACOLTATIVO: Assicurazione contro annullamento al viaggio euro da emettere stesso giorno di prenotazione

Itinerario di Viaggio

Informazioni generali

Anche le uova sono un elemento importante della tavola pasquale che, in seguito al periodo di penitenza e digiuno, è riccamente imbandita. Tradizionalmente, in Bulgaria, come in Russia e in Romania, le uova sono decorate a mano e dipinte con colori vivaci, secondo un codice colori che esiste da secoli: il rosso, ad esempio, è il colore dell’amore e viene associato a Cristo e al suo sacrificio per salvare gli uomini.

uova-2

Proprio perché giunge al termine di un intenso percorso di cammino spirituale, la celebrazione della Pasqua è anche un’occasione di gioia, una giornata da passare in famiglia. I bambini si divertono a giocare con le uova, correndo e urtandosi l’un l’altro, con le uova in mano: il vincitore sarà il bambino che uscirà dal gioco con almeno un uovo intero ancora in mano!

torna su