Mercatini di Natale in Baviera

castello-nymphenburg1castello-nymphenburgtorre-orologio-marienplatzmecatino-di-natalemecatino-di-natale2cosa-vedere-a-monaco-di-bavieranatale-in-germania001castello-di-hohenschwangaucastello-di-hohenschwangau2

In Breve

Mercatini di Natale in Baviera

Da secoli i mercatini costituiscono un appuntamento cui è davvero difficile sottrarsi. Una possibilità impedibile per fare i tradizionali regali natalizi per piccoli e grandi, per le caratteristiche decorazioni per l’albero di Natale, i calendari dell’Avvento e oggetti per la casa. Da non dimenticare le specialità culinarie: panpepato, dolci di Natale, salcicce arrostite e vin brulé, i cui deliziosi profumi rendono ancora più piacevole questa festa dei sensi.

Monaco di Baviera è la città più importante della Germania meridionale, grazie alle residenze reali, agli immensi parchi, ai suoi musei, alle sue chiese barocche e rococò, al folclore bavarese ancora molto vissuto, alla vicinanza delle Prealpi e delle Alpi e naturalmente grazie alla birra ed alla sua manifestazione più famosa, l’Oktoberfest. Il santo patrono della città è San Benno di Meißen. Nel 2015, uno studio della società di consulenza globale Mercer, ha classificato Monaco di Baviera al quarto posto, tra le 20 città del mondo con la miglior qualità della vita.

Partenza: 13 dicembre - 16 dicembre
Durata: 4 giorni 3 notti
Gruppo minimo: 20 persone
Costo per persona: €695,00 Suppl. camera singola € 90,00
Prenotazioni entro: 15 ottobre versando acconto di € 300,00 a persona

Il Programma di Viaggio

1° giorno: Monaco di Baviera

Ritrovo dei partecipanti in aeroporto e partenza con volo di linea per Monaco. Arrivo all’ aeroporto di Monaco e visita panoramica in lingua italiana.

mecatino-di-natale2

cosa-vedere-a-monaco-di-baviera

torre-orologio-marienplatz

L’architettura cittadina è caratterizzata dalla presenza di numerosi edifici storici, molti mantenutisi intatti nei secoli, altri ricostruiti dopo la seconda guerra mondiale, e di alcuni esempi di architettura moderna. Un sondaggio, condotto per il National Geographic Traveler, ha scelto oltre 100 luoghi storici in tutto il mondo e ha classificato Monaco di Baviera come la trentesima migliore destinazione Pranzo in ristorante e nel pomeriggio tempo libero per i mercatini. Cena e pernottamento in hotel.

natale-in-germania

 

 

2° giorno: Schwangau

castello-di-hohenschwangau2

castello-di-hohenschwangau

001
Prima colazione a buffet in hotel. Partenza per Schwangau, un comune bavarese nei pressi di Füssen, nell’Allgäu orientale. Il nome è costituito dall’unione tra le parole tedesche “Schwan” (Cigno) e “Gau” (contea, territorio, zona), di modo da poter essere tradotto come “contea del cigno”. La città è famosa per la morte del generale Heinz Guderian. Punto d’inizio della Romantische Straße, si trova al centro di più gruppi montuosi: le Alpi bavaresi, le Alpi della Lechtal e le Alpi dell’Allgäu; numerosi sono anche i laghi che caratterizzano questa zona. Il centro abitato, situato nei pressi del lago Alpsee, è costituito principalmente da alberghi e dipende esclusivamente dal turismo, che conta circa 2 milioni di turisti all’anno.

Principale attrazione di Schwangau sono i castelli di Hohenschwangau e di Neuschwanstein, che visiteremo.

Il castello di Neuschwanstein (Schloss Neuschwanstein, in tedesco) è un castello costruito alla fine del XIX secolo e situato nel sud-ovest della Baviera nei pressi di Füssen, nella località di Schwangau, di fronte al castello di Hohenschwangau.

Il nome tedesco Neuschwanstein può essere tradotto in italiano come Nuova pietra del Cigno, con possibile richiamo all’idea di Nuova roccaforte del Cigno; tale nome è collegato infatti alla sua costruzione nel territorio di Schwangau – Contea del Cigno – avvenuta successivamente rispetto ad altri castelli più antichi.

Commissionato dal re Ludovico II di Baviera come ritiro personale ed omaggio al genio del musicista Richard Wagner da lui particolarmente amato, Ludovico pagò per la costruzione del palazzo coi propri fondi senza accedere al tesoro di Stato. Il re amava rimanere isolato dal mondo e questo luogo era divenuto per lui un rifugio personale, ma dopo la sua morte nel 1886 esso fu aperto subito al pubblico, desideroso di visitare quello che veniva decantato come un progetto fantasioso.

Può essere annoverato fra i castelli e le fortezze più visitati in Europa: circa 1,4 milioni di visitatori all’anno, di cui 6000 al giorno solo in estate. È aperto al pubblico dal 1886 e da allora è stato visitato da 60 milioni di persone; è stato proposto per le sette meraviglie del mondo moderno. Nel 2013 ne è stato completato il restauro dopo 13 anni dall’inizio dei lavori.

Ha ispirato i castelli delle fiabe della Walt Disney, che lo prese a modello per alcuni tra i suoi più celebri film d’animazione, tra cui Biancaneve e i sette nani, Cenerentola, La bella addormentata nel bosco e Rapunzel. Ha ispirato il castello di Pandora della serie anime I Cavalieri dello zodiaco. Nel castello sono stati ambientati innumerevoli film, ad esempio era il “palazzo di Vulgaria” nel film Chitty Chitty Bang Bang. Il castello appare anche nel videogioco arcade Super Pang.

Il castello di Hohenschwangau, in tedesco Schloss Hohenschwangau (castello di “Contea del Cigno” alta), è un castello che si trova nella frazione Hohenschwangau del comune di Schwangau, nei pressi di Füssen, in Baviera, Germania.

Originalmente il castello di Hohenshwangau era una fortezza medievale, già nominata nel XII secolo; con il passare dei secoli, cambiò più volte proprietario fino all’abbandono ed alla rovina.

Nel 1829 Massimiliano II, padre di Ludwig II lo riscoprì, ne acquistò la proprietà e lo fece restaurare; grazie a lui, il maniero fu trasformato in un palazzo divenendo un luogo oggi molto frequentato da turisti. Nelle vicinanze, in linea d’aria di fronte, è sito anche il castello di Neuschwanstein, dinasticamente discendente.

Rientro nel pomeriggio e tempo libero per poter visitare i mercatini. Cena e pernottamento in hotel.

3° giorno: Monaco di Baviera

castello-nymphenburg

Prima colazione a buffet in hotel. Incontro con la guida per la visita della città di Monaco e del castello Nymphenburg. Durata ca. 4 ore.

castello-nymphenburg1

Il progetto del castello – palazzo venne commissionato dalla coppia di principi elettori Ferdinando Maria di Baviera ed Enrichetta Adelaide di Savoia all’architetto italiano Agostino Barelli nel 1664, in seguito alla nascita del loro figlio Massimiliano Emanuele. Il padiglione centrale fu completato nel 1675. A partire dal 1701, Massimiliano Emanuele, l’erede di Baviera, condusse una sistematica estensione del palazzo. Furono aggiunti due padiglioni, nell’ala sud e nell’ala nord del palazzo di Barelli, dagli architetti Enrico Zuccalli e Giovanni Antonio Viscardi. In seguito, la parte sud del palazzo fu ulteriormente estesa a formare le stalle di corte. Per bilanciare, fu aggiunta l’Orangerie nella parte nord. Infine, un grande cerchio (Schlossrondell) con palazzi barocchi (il cosiddetto Kavaliershäuschen – le logge del cavaliere), fu eretto dal figlio di Massimiliano Emanuele il futuro imperatore del Sacro Romano Impero Carlo VII. Joseph Effner ridisegnò la facciata del padiglione centrale in stile barocco francese nel 1716. Nel 1726 Leo von Klenze rimosse i suoi frontoni con lo stemma dell’elettorato e creò al loro posto un attico direttamente sotto il tetto.

Per lungo tempo, il palazzo fu la residenza estiva preferita dei sovrani di Baviera. Il re Massimiliano I Giuseppe di Baviera vi morì nel 1825, e il suo pronipote re Ludovico II nacque qui nel 1845.

Oggi, Nymphenburg è aperto al pubblico, ma continua anche ad essere una casa e cancelleria per il capo della casa di Wittelsbach, attualmente Francesco duca di Baviera.Cena e pernottamento in hotel.

4° giorno: Monaco di Baviera-Italia

Prima colazione in hotel e intera giornata a disposizione per attività individuali,escursioni facoltative,ultimi acquisti nei mercatini ecc.ecc..Trasferimento in aereoporto  per le operazioni di imbarco e volo di rientro e fine dei servizi.

Itinerario di Viaggio

Informazioni generali

La quota include:

  • Volo di linea Monaco/Roma/Monaco tasse escluse; possibilità di avvicinamento da altre città italiane
  • Trasferimenti e visite  guidate in lingua italiana con pullman G.T.
  • 3 pernottamenti in hotel 3*** a Monaco con colazione a buffet;
  • 3 cene in hotel con menu a tre portate, acqua in caraffa e pane;
  • Assicurazione  medica e bagaglio.

La quota non include

  • Tasse aeroportuali € 109,00 soggette a variazione;
  • Biglietti ingressi con audioguida Castelli di Neuschwastein e Hohenscwangau € 23,50 a persona;
  • Biglietto ingresso Nyphenburg € 5,50 a persona;
  • Tutto quanto non indicato  nella quote include;
torna su