India, speciale Kalachakra Bodhgaya 2017

Shanti_Stupa_in_Rajgir,_Bihar,_Indias210107245118834526_p188_i4_w800origin_741206048Kalachakrakalachakra-bodhgaya-2017ghat-aarti-varanasibodhgayaAkshardham-temple792921_Wallpaper200022_dia7_varanasi214

In Breve

INDIA: SS il XIV Dalai Lama, insegnamenti e iniziazione di Kalachakra

Estensione: “La vita del Buddha”, rientro il 22/1/2017

Il programma si svolge a Bodhgaya per gli insegnamenti e la trasmissione del Kalachakra conferiti da SS il XIV Dalai Lama, seguendo in mondo completo l’evento che inizia il 3/1 e si chiude il 14/1/2017 con la cerimonia di lunga vita; al termine è prevista un’estensione ai luoghi della vita del Buddha.

“ L’iniziazione di Kalachakra è uno dei più importanti … perché prende tutto in considerazione: il corpo e la mente umana, e l’intero aspetto esteriore – cosmico e astrologico. Crediamo fortemente nel suo potere per ridurre i conflitti e crediamo che sia in grado di creare … la pace dello spirito e quindi la pace nel mondo “-. Sua Santità il 14 ° Dalai Lama.

Partenza: 01 gennaio - 17 gennaio
Durata: 17 giorni 16 notti
Gruppo minimo: 10 persone
Costo per persona: 1990€ sup.singola 950€
Prenotazioni entro: sino ad esaurimento posti disponibili, versando acconto di euro 950,00 saldo entro un mese prima della partenza

Il Programma di Viaggio

1°giorno: Partenza da tutta Italia con volo aereo per Delhi

Ritrovo dei partecipanti presso aereoporto di appartenenza e volo per Delhi.Pasti e pernottamento a bordo.

2°giorno: Arrivo a Delhi

Akshardham-temple

Arrivo a New Delhi – aeroporto internazionale Indira Gandhi – Un rappresentante dei Viaggi di Giorgio  vi aspetterà fuori dal cancello dogana per le assistenze e trasferimento. All’arrivo in albergo, gli ospiti verranno accolti da un caloroso ed ospitale ‘Benvenuto’ indiano: una cerimonia ‘aarti’, dove la fronte viene cosparsa con il tipico rosso Tika di buon auspicio. Un drink di benvenuto sara’ servito agli ospiti.

Delhi la capitale dell’India - una delle città in più rapida crescita dell’India. Questa città si compone in due parti: Vecchia Delhi e Nuova Delhi. La prima fu la  capitale dell’ India musulmana tra il XVII e il XIX sec. e conserva ancora oggi numerose moschee, monumenti e fortificazioni legati alla storia islamica indiana. Nuova Delhi, invece, è la città imperiale , quella che gli inglesi elessero capitale dell’India nel 1931, oggi sede di diverse ambasciate e degli uffici governativi.

Pasti inclusi: nessuno
Pernottamento in hotel

3°giorno: Delhi – Varanasi (Volo 9W-2423: 1030 – 1155 Hrs)

ghat-aarti-varanasi

Colazione all’hotel. Oggi sarete trasferiti all’aeroporto di Delhi per imbarcare il volo di Varanasi.

Partenza: Delhi                         alle ore: 10.30                                 Con: 9W-2423:

Arrivo:  Varanasi                       alle ore: 11.55

Incontro e assistenza da perte di un rappresentante  dei Viaggi di Giorgio che vi accompagnera fino al vostro hotel a Varanasi.

Varanasi -  Questa città, dedicata al Dio Shiva, è uno dei principali luoghi sacri dell’India. I pellegrini hindu vengono a bagnarsi nelle acque del Gange per purificarsi da tutti i peccati. Varanasi è anche considerata un luogo propizio in cui trascorrere gli ultimi giorni, dal momento che esalando qui l’ultimo respiro si beneficia della moksha , ossia la liberazione dal ciclo delle rinascite e si accede in paradiso. La città è il cuore pulsante dell’induismo e il Gange è considerato il fiume della salvezza, un simbolo di speranza per tutti i credenti.

La sera visitate i ghat (gradini di balneazione) del Gange con le barche decorate e assistete alla intrigante cerimonia Aarti’ (preghiera collettiva).

Arathi (Aarti) è un rituale durante il quale la luce emessa da una fiamma di canfora viene offerta alla Divinità, o ad uno dei Suoi aspetti, attraverso le murti. L’Arathi viene eseguito solitamente al mattino e alla sera, e come conclusione di una puja

Opportunita’ di fare fantastiche foto!

Pasti inclusi:colazione

Pernottamento

4°giorno: Varanasi – Bodhgaya Via Terra  (260 Km / Circa 6 ore)

s210107245118834526_p188_i4_w800

Questa mattina dopo la colazione partenza per la visita a Sarnath, un importante centro buddista del mondo. Dopo aver raggiunto l’illuminazione a Bodhgaya, Buddha, l’Illuminato, pronunciò il suo primo sermone proprio qui. Allora Sarnath era uno dei più importanti luoghi di cultura dell’India antica, visitata dai viaggiatori cinesi Fa-Hsien e Hiuen Tsang che scrissero dei suoi prosperi monasteri.Il monumento più importante del complesso è il Dhamekh Stupa (V° sec. d.C.), costruito nel luogo dove si crede che Buddha abbia predicato il suo primo sermone a cinque discepoli. E’ una struttura a forma cilindrica dell’età gupta alta 43,5 m. A ovest vi è il Dharmarajika Stupa, costruito dall’imperatore maurya Ashoka per conservare le reliquie del Buddha. Nel complesso ci sono anche monasteri e templi più piccoli, un Albero della Illuminazione piantato nel 1931 e la statua di Anagarika Dharmapala, il fondatore della società che mantenne Sarnath e Bodhgaya.

Piu’ tardi partenza alla volta di Bodhgaya

Arrivo a Bodhgaya e trasferimento all’hotel.

Pasti inclusi:colazione

Pernottamento

5°giorno: Bodhgaya

bodhgaya

Colazione all’hotel.

Kalachakra - Oggi partite per il processo di registrazione per la partecipazione a Kalachakra

Kalachakra - Kalachakra si riferisce sia a un mecenate divinità tantrica del buddhismo Vajrayana e alle filosofie e pratiche di meditazione contenuti all’interno del Tantra Kalachakra e dei suoi molti commenti. Il Kalachakra Tantra è più propriamente chiamato il Kalachakra Laghutantra, e si dice che sia una forma abbreviata di un testo originale, il Kalachakra Moolatantra che non è più esistente. Alcuni maestri buddhisti affermano che Kalachakra è la forma più avanzata di pratica Vajrayana; è certamente uno dei sistemi più complessi all’interno del Buddismo tantrico.

Proseguite per la visita al Tempio sacro - Mahabodhi, dove il principe Siddharta ha meditato sotto l’albero della Bodhi e raggiunto il nirvana più di 2.500 anni fa, diventando così il Buddha. Imparate a recitare il Sutra del Cuore e unite centinaia di pellegrini in preghiera per la compassione e la pace nel mondo.

Pasti inclusi:colazione

Pernottamento

6°giorno: Bodhgaya (Escursione a Rajgir)

Shanti_Stupa_in_Rajgir,_Bihar,_India

Questa mattina partenza verso Rajgir. Visita a Rajgir dove prendete la seggiovia per visitare la Stupa giapponese, Avvoltoi Peak, l’universita di Nalanda e tornate a Bodhgaya durante la serata.

Pasti inclusi:colazione

Pernottamento

da 6° al 10° giorno: Bodhgaya (Insegnamenti preliminari)

2

Insegnamenti preliminari di Kalachakra

(0800 – 1130 Ore)

Il Dalai Lama considera gli insegnamenti preliminari più importante dell’iniziazione di Kalachakra. Il tema degli insegnamenti sara’ dichiarata presto.

Ogni sera, la vostra guida vi ricapitola e discutera’ i concetti raccontati da “ Sua Santità Dalai Lama “ nella prima parte della giornata.

Pasti inclusi:colazione

Pernottamento

11°giorno: Bodhgaya (Iniziazioni di Kalachakra)

1

Nel corso dei prossimi giorni, si partecipa all’iniziazione del Kalachakra – una esperienza che e’ ricca profondamente dove la danza, la preghiera monastica e sacre reliquie si intrecciano nel sviluppo di una delle più alte cerimonie buddiste.

L’iniziazione è un rito di passaggio per tutti i monaci, monache, e pellegrini. Gli insegnamenti svelerà il mandala Kalachakra e il regno di Shambala – la fonte di compassione, di purificazione e di pace. Il Dalai Lama offrirà istruzioni per far attirare tutte le persone sul sentiero della saggezza.

L’iniziazione sarà in tre parti,

Prima Parte: Rinascita

L’esperienza di ‘rinascita’ tra migliaia di devoti buddisti.

Prima che il Dalai Lama comincia l’iniziazione di Kalachakra, il maestro di Vajra Master deve richiedere il permesso degli dei, dee, e spiriti locali per usare la loro casa – il mandala Kalachakra.

Nel corso di questo primo rituale, si potrà osservare i monaci vestiti in tiare tantrici Brocade e gioielli facendo le danze sacre per il collegamento con l’energia delle divinità Kalachakra.

kalachakra-bodhgaya-2017

Seconda Parte: Entrata –  Essere con la Mandala

Potete partecipare in un impegno di liberare tutti gli esseri dal ciclo della dualità. I monaci distribuiranno fasce rosse per i devoti, che li sistema attraverso la loro fronte.

La rimozione delle fasce rappresenta la purificazione delle nostre negatività e la nostra entrata al mandala. Dotato di trasparenza, la motivazione compassionevole, sarete pronti a ricevere l’iniziazione di Kalachakra.

Successivamente partecipate ad una meditazione sul tema della natura del ‘vuoto’, con uno specchio che simboleggia la purificazione della coscienza.

La terza parte: Sette iniziazioni di Kalachakra

Il Dalai Lama effetuera’ sette iniziazioni simboliche, fornendo un commento completo su ciascuno dei suoi movimenti e gesti.

Pasti inclusi:colazione

Pernottamento

792921_Wallpaper2

15°giorno: Bodhgaya (Potere per tutta la vita e le preghiere)

La cerimonia di preghiere.

Una cerimonia di preghiera di tutta la vita sarà dedicata al Dalai Lama. I devoti credono che quando un maestro spirituale muore, è perché molti esseri di un altro regno hanno pregato che egli possa venire a insegnare loro. Per posticipare questo momento, un fantoccio che rappresenta il Dalai Lama sarà offerto come un maestro sostituto ed insegnante. Il Dalai Lama sarà poi presentato con le offerte, preghiere e danze dalle comunità Tibetane e locali.

Pasti inclusi:colazione

Pernottamento

16°giorno: Bodhgaya – Patna via terra. (125 Km / 3 ½ Ore)

Patna – Delhi Volo: G8-150: 1730 – 1915 Ore

Prima colazione in hotel e tempo libero per attività individuali.Nel pomeriggio  partenza alla volta di Patna, e trasferimento all’aeroporto di Patna per prendere il volo per Delhi .

Partenza: Patna             alle ore: 17.30                                 Con: G8-150

Arrivo:  Delhi                alle ore: 19.15

Pasti inclusi:colazione

Pernottamento

17°giorno: Partenza da Delhi

Trasferimento in tempo all’aeroporto per prendere il volo di ritorno.

-

Itinerario di Viaggio

Informazioni generali

I Punti Salienti del programma:

• Partecipazione agli insegnamenti di HH Dalai Lama e ricevete un introduzione di cuore al buddismo.

• Partecipazione all’iniziazione di Kalachakra nel luogo più sacro del buddismo.

• Visite ai pellegrinaggio e siti sacri buddisti come  Sarnath, Rajgir e Bodhgaya.

• Visita ai ghat (gradini di balneazione) del Gange con le barche decorate e assistete alla intrigante cerimonia ‘Aarti’ (preghiera collettiva).

• Guida parlante italiano per tutto il tour!

• Le opportunità di scattare bellissime foto!

La quota comprende:

  • Voli di linea internazionali franchigia bagaglio 20 kg Italia Delhi e ritorno.
  • Sistemazione 16 notti  in hotel elencati sopra, tranne Bodhgaya vi forniremo tenda di lusso con annesso bagno e acqua corrente calda e fredda.
  • Assistenza all’arrivo / partenza in tutti gli aereoporti.
  • Benvenuto indiano tradizionale con bevanda analcolica
  • Prima colazione a buffet presso gli hotel, tranne a Bodhgaya, pensione completa.
  • Tutti i trasferimenti, visite ed escursioni come da itinerario
  • Servizi di lingua italiana
  • L’ingresso ai monumenti come indicato nell’itinerario
  • Testimoni Evening Ganges Aarti Rituali
  • Visita a Sarnath
  • Escursione di un giorno a Rajgir
  • Visita guidata al tempio di Mahabodhi
  • Assicurazione medica e bagaglio,Kit da Viaggio.

ESCLUSO:

  • Visto di ingresso euro 90,00
  • Tasse aeroportuali (euro 390,00 da riconfermare all’atto dell’iscrizione)
  • cose di natura personale come lavanderia, telefono, spa, bevande, servizio in camera ecc;mance.
CITY ACCOMMODATIONS (STAR) NIGHTS
Delhi Crown Plaza Okhla (5*) 01
Varanasi Hotel Hindustan International  (4*) 01
Bodhgaya * Deluxe Tent 12
Delhi Radisson Dwarka (4*) 01

Bodhgaya

Bodhgaya è un villaggio situato nel cuore dell’antico regno di Magadah, la terra santa del buddismo, cosparso di templi e monasteri di tutte le tradizioni buddiste (tibetani, birmani, bhutanesi, giapponesi, tailandesi, ecc.), dove sembra non essersi mai spento l’eco delle gesta di Buddha. Dopo sei anni di ricerca spirituale e di stretta ascesi, Gautama interruppe l’austera disciplina a cui s’era sottoposto e s’incamminò lungo le rive del fiume Nairanjana che incornicia Bodhgaya, l’antica Uruvela. Qui si sedette sotto l’albero della bodhi (un ficus religiosa o pipal) ottenendo l’illuminazione completa e realizzando la mente dell’onniscienza. Accanto all’albero venne eretto dall’imperatore Ashoka, illustre pellegrino del II sec. a.C., un tempio (il bodhigara – da cui il nome di Bodhgaya) che esiste tuttora: il grande stupa, chiamato Mahabodhi, si trova al centro di un magnifico parco disseminato di stupa e di stele con sculture del Buddha. Questo è il cuore del mondo buddista, meta di pellegrinaggio ininterrottamente da 2500 anni; qui anche la terra sembra risuonare delle preghiere accumulate in millenni di devozione e spesso tra gli stupa del giardino s’incontrano praticanti impegnati nell’esecuzione delle prostrazioni. L’albero che vi è custodito non è lo stesso di venticinque secoli or sono, poiché la pianta originale fu sradicata dai musulmani, ma un discendente diretto nato da un pollone del pipal originario che era stato portato anticamente a Sri Lanka.

Ricevere qui gli insegnamenti e l’iniziazione di Kalachakra da SS il XIV Dalai Lama, la massima autorità del buddismo tibetano, è un’opportunità di ottimo auspicio.

Insegnamenti

Il Dalai Lama inizierà la costruzione del Mandala e condurrà i complessi rituali a contorno dal 3 al 5 gennaio. Tra il 6 e l’8 gennaio terrà l’esposizione di due testi fondamentali della tradizione buddista: “Stadi di meditazione” di Kamalashila, una eccelsa sintesi del percorso di sviluppo interiore con la pratica di meditazione, e  la “Guida allo stile di vita del Bodhisattva” (Bodhisattvacharyavatara) di Shantideva, un’opera che delinea molto precisamente i contenuti delle sei saggezze (Paramita) sia dal punto di vista comportamentale che del loro fondamento nella più profonda visione filosofica della vacuità. Pur entrando nel merito anche dei temi più raffinati d’interpretazione filosofica, il percorso delineato da Shantideva mantiene però sempre un riferimento con ciò che in fondo più conta, l’indicazione di come inserire queste visioni di saggezza in una pratica personale (Il testo è disponibile in un’ottima versione in italiano di Chiara Luce edizioni, “Bodhisattvacharyavatara” di Geshe Yeshe Tobden). Seguire le spiegazioni che SS il XIV Dalai Lama darà di questi temi, rese ancor più limpide e forti dalla sua entusiastica e cristallina esposizione, consente  di avvicinarne il significato più vivo e profondo.

Dopo questa potente introduzione alla pratica buddista Sua Santità darà il conferimento dell’iniziazione di Kalachakra, e concluderà con un Jenang (trasmissione) per un auspicio di lunga vita.

Il Kalachakra: un’introduzione di SS il XIV Dalai Lama

Il tantra di Kalachakra è una pratica di meditazione buddista che appartiene alla classe dei tantra dello yoga supremo, i più profondi insegnamenti del veicolo del bodhisattva. Secondo la tradizione, Buddha Shakyamuni si manifestò come Kalachakra nel sud dell’India ed espose questo tantra su richiesta di Suchandra, re di Shambala. In seguito, il re Suchandra diffuse gli insegnamenti di Kalachakra tra gli abitanti di Shambala. E’ detto che questi insegnamenti e la loro pratica ricomparvero in India soltanto nell’XI secolo, poco prima di essere introdotti in Tibet. Da allora, fino agli sconvolgimenti del secolo attuale, si sono propagati non solo fra i tibetani, ma anche nelle zone mongole a nord, così come nel Sikkim, nel Bhutan, nel Nepal e nelle regioni a sud e a ovest dell’Himalaia. Il Kalachakra è stato uno degli ultimi e più complessi sistemi tantrici introdotti in Tibet dall’India. A differenza di quanto accade negli altri tantra, che non consentono di iniziare più di venticinque persone alla volta,  al rito di Kalachakra partecipano, per tradizione, più vaste moltitudini. Le iniziazioni di Kalachakra vengono conferite sulla base di un mandala, la sacra dimora con le sue divinità residenti, di solito raffigurato in forma grafica. La tradizione che seguo utilizza un mandala formato da sabbie colorate, costruito con estrema accuratezza prima di ogni iniziazione e distrutto alla fine della cerimonia. E’ importante capire quali sono gli aspetti fondamentali del sentiero buddista che forniscono il contesto al cui interno i mandala possono essere usati come oggetto di meditazione. Il primo è il forte desiderio di mettere fine alle esperienze di sofferenza degli esseri ordinari. Queste vanno dal piacere relativo degli dei e degli umani fino al dolore e ai tormenti degli animali, degli spiriti famelici e degli abitanti delle regioni infernali. Il praticante deve inoltre provare un forte desiderio di realizzare l’illuminazione per il bene degli altri e avere una corretta visione della realtà. All’origine, il mandala di Kalachakra era soprattutto associato al regno di Shambala, cioè a un’intera comunità. Oggi, nessuno sa dove si trovi Shambala, ma pare che esista tuttora, nonostante non si possa più vederla, né comunicare con essa in modo ordinario. Qualcuno avanza l’ipotesi che si trovi su un altro pianeta, altri sostengono che sia una terra pura. Quale che sia la risposta, secondo le scritture Shambala entrerà un giorno di nuovo in contatto con il nostro mondo, tornando a far sentire il suo influsso benefico. Mentre tutti gli altri mandala riguardano solo il singolo praticante, il mandala di Kalachakra coinvolge l’intera comunità, la società nel suo complesso. Uno dei benefici più evidenti che derivano dal ricevere l’iniziazione è che, pur non essendo completamente preparati, si stabilisce una connessione con Shambala. Di conseguenza, quando Shambala tornerà in contatto con la comunità del nostro mondo, gli effetti saranno positivi. Credo inoltre che conferire l’iniziazione a una grande moltitudine di persone crei un forte legame positivo tra tutti coloro che sono presenti e sparga quindi fertili semi di pace.

SS IL DALAI LAMA, 24 gennaio 1996

 

torna su