India,Kumbh Mela 2019

india34india33india32india31india30india29india28india27india26india24india22india23india21india20india25india19india18india16india15india14-bisindia14india17india13india12india11india10india08india07india09india06india05india04india03india02india01kumba

In Breve

Kumbh Mela, la maggior festa religiosa del mondo

Il Festival Kumbh (Kumbh Mela) si tiene nella notte di luna piena (Purnima) del mese di Paush e durante tutto il mese. Si celebra a Haridwar, Ujjain e Nasik ogni quattro anni, ma il Kumbh a Prayag ha un significato speciale. (4 città) Il Festival Kumbh si caratterizza per il fatto che si tiene sulle rive dei fiumi sacri.
A Prayag ogni 12 anni si tiene sulle rive dei fiumi Gange-Yamuna e il mitico Saraswati scorre in sotterraneo. A Haridwar sul Gange e a Nasik sul Godavari. Una grande fiera si svolge in queste occasioni sulle rive di questi fiumi con un enorme congregazione di pellegrini devoti. La festa e la mitologia risalgono all’evento del frullamento dell’Oceano di Latte (Universo) narrato nello Shiva Purana e in altri testi classici hindu da cui scaturirono gli elementi di nuovo puri fra cui la amrita (liquido di immortalità). Shiva la trasportò in una brocca (Kumbh) e perse 4 goccie. (Altre versioni parlano di gocce del suo sperma). La brocca viene celebrata descritta analizzata con molti simboli esoterici. Per questo evento si muovono gli asceti che vivono nelle parti più remote dell’India e cheper la maggior prte vivono nudi e si sottopongono a ascesi speciali. Il bagno, i bagni rituali del periodo astrologico del Khumba Mela hanno una efficacia tradizionale e ispirano gli hindu a sensazioni mistiche intense.

Partenza: 04 febbraio - 15 febbraio
Durata: 12 giorni - 11 notti
Gruppo minimo: 10
Costo per persona: Euro 2.040,00 € a persona in camera doppia - 450,00 € supplemento singola
Prenotazioni entro: Prenotazioni ,sino ad esaurimento dei posti disponibili,versando acconto di € 950,00 ,saldo entro un mese dalla partenza.

Il Programma di Viaggio

Giorno 1: Italia -Delhi

Ritrovo dei partecipanti in aeroporto e operazioni di imbarco volo per l’India,pasti e pernottamento a bordo.

Giorno 2: Arrivo a Delhi – Allahbad (con volo)

All’arrivo in aeroporto a Delhi, incontro con il personale del nostro staff per le presentazioni. Successivamente partenza per Allahbad. Arrivo e traferimento nel Campo Tendato. Nel pomeriggio visita del Kumbh Mela. Cena e pernottamento nel campo tendato.

Giorno 3: Allahbad

india01

india02
india04
india32

india03

Colazione nel campo tendato, Giornata intera dedicata alla scoperta del Kumbh Mela, il più grande di tutti i ritrovi spirituali che vede arrivare milioni di devoti che si riuniscono per purificare l’anima da tutti i peccati, prima di entrare in contatto con Dio, una delle esperienze più forti ed emozionanti per conoscere da vicino una delle più grandi religioni di questo popolo. Si tiene ogni tre anni a giro, in quattro differenti città: Allahabad, Haridwar, Nasik, Ujjain.

india07
india08
india33
Il nome Kumbh deriva dalla mitologia vedica, e si riferisce al vaso immortale di nettare per cui Demoni e Dei lottarono facendone cadere delle gocce proprio là dove oggi si riuniscono ciclicamente i fedeli. La storia che il nettare cadde in questi luoghi, è ciò che fa credere ai fedeli che proprio qui ci siano dei poteri straordinari che permettono di purificare da ogni peccato immergendosi nelle acque alla confluenza dei tre fiumi sacri e ottenendo così la salvezza dell’anima.

india34

india09
india06

In questa occasione giovani e anziani, gente appartenente a qualunque casta, credo e religione, si riuniscono creando un’esperienza magica di condivisione e di unione. Moltissimi gli asceti che partecipano all’evento durante il quale avremo modo di avvicinarci al loro modo di vivere, capire i loro costumi e conoscere meglio le loro tradizioni di rinuncia e ascesi. Cena e pernottamento in tenda.

india10

Giorno 4: Allahbad – Varanasi

india11
 

 

Dopo colazione  partenza per Varanasi. Lungo il tragitto sosta a Sarnath, 10 km a nord-est di Varanasi, uno dei maggiori centri del Buddismo in India, dove il Buddha pronunciò il suo primo sermone dopo aver raggiunto l’Illuminazione a Bodhgaya (c.528 a.C). Nel pomeriggio arrivo a Varanasi. Arrivo e trasferimento in hotel. Varanasi è una città sacra per eccellenza, per gli induisti e una delle più antiche città dell’India.  In serata visita dei Ghat per assistere alla suggestiva preghiera serale. Cena e pernottamento in Hotel.

india12

india05

india13

 

Giorno 5: Varanasi – Khajuraho (Con Volo)

india14
india14-bis

Sveglia in primissima mattinata e giro in barca per assistere ai rituali di purificazione, alle offerte e alle preghiere dei pellegrini, al sole che nasce, tra il profumo dell’incenso e l’atmosfera spirituale della città di Varanasi. Dopo colazione partenza per Khajuraho. Visita agli impressionanti templi Chandela raffinatissimi esempi di scultura indiana, luogo di culto e pellegrinaggio. Kajuraho vantava intorno al 1000 d.c. circa 85 templi di splendida fattura ed era frequentato da 50 mila pellegrini al giorno.

india15

india16

india17

Tipico esempio dell’altissimo livello artistico architettonico della rinascenza hindu, periodo che dal 300DC dura per un migliaio d’anni.

Cena e pernottamento in hotel.

Giorno 6: Khajuraho – Sagar

Dopo colazione, trasferimento e fermate nel Madhya Pradesh un grande stato dell’India Centrale, custodisce monumenti appartenenti a diverse epoche della storia indiana. I templi indù e giainisti di Khajuraho, la cui costruzione iniziò nel X secolo, sono noti per le incisioni erotiche, soprattutto nel tempio Kandariya Mahadeva, che contiene più di 800 sculture.

Cena e pernottamento in hotel.

india18
india19

 

Giorno 7: SAGAR – Bophal (Visite di Stupa di Sanci)

 

Dopo colazione partenza per Bhopal. Lungo la strada visita Sanchi, a circa 40 km da Bhopal, sorge il complesso di stupa meglio conservato dell’intera India. Dichiarato dall’Unesco Patrimonio dell’Umanità. La sua storia è lunga e affascinante. La località è sempre stata in una posizione strategica: silenzio e natura favorivano la vita monastica e la vicinanza alla città carovaniera di Vidisha, oggi Besnagar, aiutava i rapporti con la comunità dei. Pur non essendo collegata a nessun episodio della vita del Buddha, Sanchi dovette la sua importanza a una delle regine mogli di Ashoka, il grande re della dinastia Maurya che nel III secolo a.C. abbracciò il dharma buddhista: lui veniva da una famiglia di ricchi mercanti di Vidisha. Dimenticata per secoli, la località venne riscoperta per caso, nel 1818, dal generale inglese Taylor. Qualche decennio dopo ne cominciò il restauro e raggiunse il culmine tra il 1912 e il 1919, quando John Marshall numerò più di cinquanta monumenti.

india20
india21

india22

india23

india25

india24

Sanchi. Abitata dal III sec.a.C. fino al XII d.C. Sanchi non è stata teatro di nessun episodio della vita del Buddha, ma è collegata con Mahendra, figlio del grande imperatore maurya Ashoka, patrocinatore del Buddhismo. La madre di Mahendra apparteneva ad una ricca famiglia di mercanti della vicina città Vidisha.

Nonostante il crollo della dinastia alla morte di Ashoka, l’espansione buddhista non subì arresto e così Sanchi continuò la sua esistenza anche durante le dinastie seguenti.

Dopo la visita si prosegue per Ranthambore, all’arrivo sistemazione in hotel. Cena e pernottamento in hotel.

 

Giorno 8: Bophal – Bhimbetka – Bhojpur 

Subito dopo colazione partenza per la visita l’antica città di Bhojpur situata a circa 28 km a sud-est di Bhopal. La città è famosa per l’immenso  tempio di Bhojeshwar dedicato a Lord Shiva. Questo imponente tempio si affaccia su un grande lago ora prosciugato e che è ancora oggi uno dei migliori esempi dell’architettura dei secoli 11° e 13°. 

Dopo la visita nel sito Unesco di Bhimbetka si trovano le prime tracce di presenza umana in India, risalenti a circa 10.000 anni fa, il che le rende fra le più antiche del mondo (anche se alcune delle immagini sono decisamente più recenti, risalenti al periodo intorno al 1000dc) Il nome Bhimbetka deriva dall’associazione mitologica del luogo con Bhima uno dei cinque fratelli pandava protagonisti del poema epico Mahabharata, cugini di Krishna. Cena e pernottamento in hotel.

 

Giorno 9: Bhopal – Aurangabad (Volo)

Trasferimento all’aeroporto e partenza con volo di linea per Aurangabad, alla aeroporto di arrivo incontro con personale del nostro staff e trasferimento in hotel. (Le camere sono disponibile dopo alle 12:00) Nel pomeriggio escursione delle grotte di Ellora, viene scavata, scolpita, intarsiata, dipinta modellata dal 500 d.C. al 700 d.C. Se vogliamo ancora più impressionante di Ajanta. In questo luogo si trovano grotte jainiste, buddiste e la maggioranza sono hindu. Il sito testimonia la grande rinascenza dell’Induismo e soprattutto la totale convivenza e tolleranza e coesistenza nello stesso luogo sacro delle 3 religioni. Impossibile da narrare di dimensioni gigantesche e di livello di raffinatezza notevolissimo si tratta di 34 edifici fatti solo per asportazione di funzione monasteri, templi votivi e rituali. La grotta 16 è il famoso tempio Kaylasha natha dedicato a Shiva signore del Kaylash. Rappresenta la sede del carro di Shiva che si trova sull’Himalaya. E un pezzo unico di granito asportato da una unica collina alto sui 50metri e di base 70-80 metri. Ogni singola stanza o grotta o statua o rifinitura proviene da unico monolite. Visita di livello mondiale. Cena e pernottamento in hotel.

Giorno 10: Aurangabad – AJANTA – Aurangabad – Visita delle grotte di Ajanta

india27
india26

india28

Oggi la giornata dedicata per il sito archeologico di Ajanta.Dopo la nascita del buddismo (500.C.) gli usuali metodi di ascetismo hindu si materializzano nella scultura e escavazione di grotte da parte di monaci buddisti. Le grotte di Ajanta eseguite fra il 300 a.C. e il 600 d.C. sono 2 splendidi kilometri di collina di basalto escavata e intarsiata in 30 grandi grotte con funzioni di templi adorativi, monasteri, sale delle ordinazioni. Non è possibile narrare il livello di architettura sacra, colonne, sculture e pitture affreschi originali che adornano questi edifici tutti effettuati per asportazione. I temi sono del tutto buddisti con poche eccezioni. Visita di livello mondiale. Torniamo in hotel per Cena e pernottamento.

Giorno 11: Aurangabad – Delhi 

Colazione in hotel, dopo visita di Aurangabad, la capitale di Aurangazeb, il grande imperatore Moghul del XVIII secolo, si trovano il Bibi-ka-Maqbar, il “piccolo Taj Mahal” costruito per Rabia-Ud-Durrani, la sua prima moglie, e la piscina sacra di Pancakki dove, accanto alla tomba del santo sufi Baba Shah Muzaffar, ancora oggi è in funzione un mulino del XXVII secolo. Sulle colline a nord del ‘piccolo Taj’s ci possono visitare delle interessanti grotte di meditazione buddiste che risalgono al VI e VII secolo.

E nel pomeriggio partenza per Delhi. Pernottamento.

Giorno 12: Delhi – Italia

Prima colazione in hotel. Trasferimento in aeroporto, disbrigo delle formalità di imbarco partenza per i luoghi di provenienza. Fine dei servizi.

 

 

 

 

Informazioni generali

La complessa religione induista risulta essere quella con il pantheon più affollato di divinità, e quindi l’India si presenta come la nazione con il maggior numero di feste religiose in assoluto. Tra tutte però, per la sbalorditiva partecipazione, spicca il Kumbh Mela (alla lettera festa delle anfore), una manifestazione poco famosa in occidente ma capace di richiamare per un mese intero ogni tre anni decine e decine di milioni di fedeli, a rotazione in quattro diverse località nel centro-nord del paese, facendone la festa religiosa più affollata del pianeta e anche il maggior assembramento umano. Un pellegrinaggio alla Mecca all’ennesima potenza.

Non è facile smuovere tante persone in una terra così povera e vasta come l’India, ma i tradizionali bagni purificatori nei sacri fiumi in precisi momenti astrologicamente propizi (Giove in Acquario e Sole in Ariete) – essenza clou dei Kumbh Mela – sembrano riuscirci egregiamente, grazie anche al non trascurabile fatto che le sacre abluzioni sono capaci di cancellare non soltanto i peccati commessi nella propria vita, ma pure tutti quelli compiuti dalle 88 generazioni precedenti, ponendo così fine una volta per sempre al dannato ciclo delle rinascite e delle reincarnazioni perpetue. E’ quindi la garanzia del paradiso a mettere in moto non soltanto asceti e guru, santoni e mistici, ma anche fedeli di ogni casta e censo, da ogni angolo del paese, per giungere all’appuntamento con ogni mezzo possibile, piedi compresi, gli uni a fianco degli altri, sorretti dalla stessa fede.

Ogni Kumbh Mela non si limita ovviamente ai bagni purificatori, ma rappresenta anche un’occasione di conoscenza e di confronto tra le varie sette, scuole mistiche e ordini monastici, tra religiosi e laici, con momenti di preghiera, di cerimonie, di processioni, di discussioni teologiche ma anche di esibizioni da parte di sadhu (i celebri santoni ascetici che vivono nudi e immobili in meditazione) e guru, di yogin e babas.

Da non perdere le processioni delle diverse sette, armate di spade e tridenti e guidate dai capi e dalle effigie divine portate su elefanti e carri bardati, in competizione per chi si immergerà per primo nelle sacre acque. Per fortuna l’interpretazione astrale del momento più propizio per le abluzioni varia da setta a setta. Questa impressionante cerimonia affonda le radici nel tempo e si celebra da oltre un millennio: secondo gli storici risalirebbe infatti all’ VIII secolo, quando il mistico Shankarcharya – artefice del trionfo dell’induismo sul buddismo, convocò una riunione plenaria di tutti gli adepti a questa religione. Ma le più antiche scritture sanscrite narrano di un conflitto primordiale tra dei e demoni per il possesso di un vaso (kumbh) contenente il nettare dell’immortalità; nel parapiglia caddero quattro gocce sulle località oggi sede a rotazione del Kumbh Mela, capaci di garantire, se non l’immortalità del corpo, almeno quella dell’anima.

 

La quota comprende:

  • Voli di linea in classe economica franchigia bagaglio 20 kg
  • Tutti i trasferimenti in India con macchina e autista privata;
  • Sistemazione in camera doppia per 11 negli alberghi indicati o similari;
  • Trattamento di pensione completa ;
  • Giro in barca sul Gange;
  • ACQUA MINERALE a bordo mezzo
  • N°1 SMARTPHONE + scheda SIM locale con numeri di emergenza memorizzati(In India)
  • Wifi a bordo
  • Visite ed escursioni come da programma;
  • Ingressi a monumenti o musei durante le visite guidate;
  • Guida accompagnatore parlante Italiano durante il viaggio;
  • Tutte le tasse governative
  • volo interno Delhi – Lucknow e Allahbad-Delhi
  • Assicurazione medico bagaglio massimali € 10.000,00

Le quote non comprendono:

  • Le tasse aeroportuali pari a euro 150,00 soggette a riconferma
  • Le mance ed extra di carattere personale
  • Spese da pagare ai monumenti per poter fotografare/filmare
  • Tutto quanto non espressamente previsto nella quota comprende.

Facoltativa assicurazione contro annullamento al viaggio euro 140,00

torna su