fbpx
Print Friendly, PDF & Email

GRAN TOUR ISRAELE E TERRA SANTA Novembre

In Breve

        “Luoghi storici ineguagliabili nella terra dove “tutto ha avuto inizio”.

 

Un Viaggio alla scoperta delle nostre origini…

la curiosità per un passato ancora da capire,

la sorpresa di luoghi a noi vicini…

il tutto in un contesto di servizi,

confortevoli e raffinati e molto altro,

…un tour che coniuga l’archeologia, la cultura, la fede, un tour per tutti….

Un  itinerario in Israele, la Terra Santa, dove storia, cultura e religione si fondono in un mix perfetto assicurando un’esperienza di viaggio unica e completa.

Un modo diverso di visitare una Terra affascinante e piena di sfaccettature come Israele dove si incontrano culture di ogni genere. In questo piccolo ma grande paese dove convivono in un delicato equilibrio ebrei, cristiani,musulmani, drusi, bahim, ahamedim, adighi, beduini e molte altre etnie. Se volete veramente assaggiare almeno un poco i sapori, i luoghi e le particolarità che si celano un pò ovunque, siete invitati ad unirvi a noi , vi guideremo a scoprire in modo appassionante e divertente: l’Altra Israele.

                                      La condurrò nel deserto e parlerò al suo cuore…

 

  Viaggio nella storia, cultura, misticismo, natura e svago

Sulle orme dei crociati
I crociati non sono solo Akko, ma anche la fortezza di Monfort appartenente all’ordine Teutonico, o quella di Yehiam situata oggi giorno all’interno dell’omonimo kibbutz. Nello spazio di una ventina di chilometri la possibilità di visitare e di comprendere appieno uno dei periodi più affascinanti di questo paese.

Le minoranze e le loro culture
Dai giardini Baha’im di Akko, passando per i villaggi drusi della Galilea e quelli appartenenti a Circassi e beduini si potrà in una giornata lunga ma appassionante entrare a contatto con realtà sconosciute e sorprendenti.

Il mondo dei kibbutzim
Tutti ne hanno sentito parlare almeno una volta ma quasi nessuno sanno veramente cosa siano, solo una visita in loco con tutte le spiegazioni del caso potrà aiutarci a capire queste comunità uniche nel loro tentativo di costruire una società migliore.Dormiremo in alcuni Kibbutz propio per poter capire cosa sono e cosa significano.

Sulle orme di Gesù
Cana, Nazareth e tutta la sponda settentrionale del lago di Tiberiade sono lo sfondo indispensabile per capire le origini del Cristianesimo. In pochissimo spazio sono concentrati il monte delle Beatitudini, il villaggio di Cafarnao, la chiesa di Tabga e quella dei dodici apostoli.

Ebraismo e Cabalà
Zfat e dintorni sono la cornice più adatta per comprendere le origini ed i segreti della mistica ebraica, una materia così misteriosa e affascinante da aver attratto numerose star hollywoodiane come Madonna, Ashtone Kutcher, Paris Hilton, Naomi Campbell e addirittura Mick Jagger.

Viaggiare a Sud significa visitare il Mar Morto, la fortezza di Mazada, l’oasi di Ein Ghedi col suo tempio di epoca bizantina, Mitzpe Ramon ed il suo cratere, il deserto del Neghev, le città nabatee e la via dei profumi, Timna e le miniere di Re Salomon .

Un viaggio nel tempo e nello spazio a cui nessuno può rimanere indifferente

È la terra di un popolo che sta vivendo una storia d’amore che non è ancora finita, una storia scritta nella sua carne, nella sua psiche e nella sua lingua. Siamo tutti invitati ad entrare in questa avventura, per condividerne la gioia e la speranza.

La Terra Santa non è una meta come tutte le altre. Culla di civiltà millenarie, è una terra resa santa dalla vita di Gesù ma anche dalla nascita e dallo sviluppo delle prime comunità cristiane.

Il Viaggio in Israele, Palestina  ti condurrà sulle strade tracciate dai Patriarchi e dai Profeti facendoti scoprire i luoghi dove è vissuto Gesù.

Nei nostri viaggi esperienziali andremo alla scoperta di un patrimonio artistico, storico e spirituale dalle radici millenarie, immergendoci nelle tradizioni e culture della comunità locale.

Con la straordinaria forza di questo approccio scopriremo località affascinanti dal sapore Medio-Orientale, dove la natura è capace di fondersi con l’uomo dando vita al Paesaggio, che è quel luogo ideale dove risiede la Bellezza.

Le parole dell’Antico e del Nuovo Testamento ti torneranno in mente durante la visita di alcune città che custodiscono le radici della storia cristiana: Madaba, Tabga, Cafarnao, Cana e Gerusalemme.

Per un credente – e non solo – Israele è il paese dello splendore. Tutto parla e racconta della storia dell’Alleanza tra Dio e l’Umanità: dai luoghi dove sono avvenuti gli incontri che cambiano la vita, ai racconti che li spiegano e che la Bibbia ci offre, ieri come oggi.

Nonostante le differenze culturali, politiche e religiose (a seconda del diverso grado di osservanza),  maggior parte della popolazione fosse particolarmente collaborativa ed unita. Sapete che molte case non sono chiuse a chiave? I cancelli dei giardini sono spalancati così come alcune porte di casa: è buffo camminare per strada e notare qualcuno che, comodamente seduto sul divano, saluta e continua a guardare la tv. Questo fa riflettere su molti aspetti culturali, tra i quali l’apertura mentale delle persone, l’assenza di paura per lo straniero e la sicurezza interna del Paese.

Israele è un paese speciale, sacro alle tre religioni monoteiste e casa di diverse nazionalità e culture. Questo è probabilmente uno dei motivi per cui anche il suo cibo è così straordinario.

Per fare in modo che ,seppure per poco tempo, ci si possa completamente immergere nella cultura ebraica, tra le altre cose inserite nel tour, abbiamo previsto di dormire in due Kibbutz, di fare un tour guidato presso un mercato con degustazioni, e ……altro ancora che scoprirete in viaggio…

Questo itinerario racchiude quando di meglio, di bello e di interessante, un mix di interessi, possano essere visitati in Israele in 12 giorni, in un periodo ottobre eccellente per il clima.

Partenza: 13 Novembre - 24 Novembre
Durata: 12 giorni 11 notti
Gruppo minimo: Minimo 10 persone. Obbligatorio il green pass e il certificato di vaccinazione: può entrare in Israele chi ha avuto o la 3 dose, oppure la seconda dose fatta entro 6 mesi dalla data di partenza da Israele.In questo caso, la seconda dose ,deve essere stata fatta,entro il 31 maggio.
Costo per persona: Euro 2.980,00 Sup.Singola € 860,00 su richiesta, possibilità di richiedere camera condivisa Cambio 1 dollaro = 0,83 cent di euro ogni variazione significativa superiore al 3% dovrà essere adeguata
Prenotazioni entro: sino ad esaurimento dei posti disponibili,versando accondo di euro 1.500,00 Saldo entro il 1 novembre.

Il Programma di Viaggio

VOLI DA TUTTA ITALIA A TARIFFE CONFIDENZIALI

 

1°GIORNO : ITALIA – TEL AVIV

Incontro dei partecipanti in aeroporto ,sono previsti voli da tutta Italia con tariffe confidenziali di avvicinamento a Roma, e disbrigo delle operazioni d’imbarco per il volo  a Tel Aviv . Arrivo in Israele incontro con la guida in lingua italiana e trasferimento in città. Sistemazione nelle camere riservate. Visita di Jaffa la città antica di Tel Aviv.

Turismo a Jaffa nel 2021 - recensioni e consigli - Tripadvisor

 

La tappa d’obbligo è sicuramente il quartiere di Jaffa che sembra essersi fermato nel tempo se comparato ai grattacieli e al traffico di Tel Aviv. Si tratta del quartiere arabo, dove troverete moschee, un mercato in stile bazaar, il monastero di San Pietro e l’antico porto. Al tramonto perché la luce dorata del sole contro le pareti ocra degli edifici ha un effetto davvero magico, non vogliamo farvi perdere questo evento, e quindi cena in ristorante a Jaffa. Anticamente uno dei porti più importanti del Mediterraneo, oggi Giaffa (Jaffa in ebraico) rappresenta uno dei luoghi preferiti dagli abitanti di Tel Aviv. A pochi passi dalle lunghe spiagge si trova la Città Vecchia di Jaffa, la zona più interessante per i turisti. Si tratta di un posto quasi surreale dove potete ammirare un fantastico panorama in direzione di Tel Aviv, il tutto accompagnato dai bar deserti, da poche persone, dal silenzio e dalle tante bellezze naturali. Insomma, un’oasi di pace assoluta… e se credete nelle leggende, fermatevi lungo il ponte dei desideri, toccate il vostro segno zodiacale e rivolgetevi verso il mare per esprimere un desidero. Io ci ho provato.
Le strade lungo le quali camminerete sono molto strette e somigliano ad un labirinto in cui è molto piacevole perdersi…

Pernottamento in hotel a Tel Aviv,hotel Prima City,per 2 notti.

 

2°GIORNO : TEL AVIV

 

Tel Aviv, la città che guarda al futuro

Prima colazione in hotel. Visita di Tel Aviv.

Il nome Tel Aviv deriva da un passo della Bibbia ebraica e significa “collina della primavera” per indicare, secondo il profeta Ezechiele, il luogo dove gli ebrei trovano casa dopo l’esilio.
Compie 110 anni, ma il suo cuore è composto da 30enni che hanno fatto dell’innovazione la loro missione. Dalla cucina alla moda, dall’arte all’architettura fino alla green economy, ritratto del centro nevralgico e moderno di Israele dove nascono le idee.

Cosentino per la torre ToHa by Ron Arad a Tel Aviv | Area

Tel Aviv è una città che vive tra passato e futuro, tra riti e indolenze mediorientali e slanci avveniristici. Con gli sherut, i vecchi taxi collettivi, che ancora viaggiano all’ombra di grattacieli dall’architettura ardita. È questo bizzarro mix di obsolescenza e avanguardia che la rende una città del presente”. “Tel Aviv è una città stimolante, ricca di giovani talenti. E non solo nel mondo del food. Arte e design qui sono d’avanguardia, e il mix architettonico è unico”.

Visita al rinnovato Centro Peres per la Pace e l’Innovazione, museo permanente della Startup Nation, ultima eredità morale di Shimon Peres, uno dei padri della patria. Nell’edificio progettato dall’italiano Massimiliano Fuksas, al confine tra i quartieri Ajami e Giv’at Aliya alla periferia di Jaffa, il percorso espositivo è scandito dalle cento tappe tecnologiche che hanno segnato la storia di Israele, da prototipi e dalle 50 giovani aziende più innovative (la selezione sarà aggiornata ogni anno). “L’innovazione è uno strumento che può incoraggiare il processo di pace”, sostiene Chami Peres, figlio e continuatore della missione dell’ex presidente, “favorendo la transizione dal vecchio mondo dominato dalla guerra verso uno nuovo governato dalla green energy”.

Tour culinario con degustazioni al mercato di Shuk Levinsky, tempo libero per il pranzo.
Benvenuti nel paradiso dei buongustai di Tel Aviv!

DIY Tour of Levinsky Market - Tel Aviv's Culinary and Cultural Gem | Chasing Lenscapes

 

Un tour del mercato per gustare oltre 7 prelibatezze in una zona più conosciuta per il suo patrimonio di immigrati turchi, greci e iraniani, risalente agli anni ’20.

Oggi, gli chef gourmet visitano i negozi senza tempo di Levinsky per le loro spezie fresche, frutta secca, caffè tosati a mano e prelibatezze gastronomiche. Visiteremo i nonni nei loro negozi di terza e quarta generazione, nonché luoghi alla moda giovani e ispirati che portano una nuova atmosfera in questo quartiere hipster-forward.

Viaggiare è bello non solo per conoscere la storia di un popolo, ma anche per scoprirne la cultura a 360°. Un luogo eccellente per capire la cultura e il popolo israeliano è proprio il mercato centrale di Gerusalemme, chiamato Shuk Levonsky (shuk vuol dire mercato in ebraico).
Israele è uno Stato che è stato creato per accogliere l’immigrazione di ebrei provenienti da ogni parte del mondo: questa peculiarità si trasmette anche nella cucina poiché ogni popolo ha importato qualcosa di proprio.La cucina israeliana è un misto di piatti mediorientali, yemeniti, marocchini, italiani, dell’est Europa e molto altro. Al mercato di Mahane Yehuda è possibile trovare banchi alimentari ma anche dei veri e propri ristorantini o rosticcerie dove fermarsi a mangiare durante le proprie visite in città.
È un boom di profumi e colori, abbinato a un continuo via vai di gente del posto e turisti. Inoltre, la notte si trasforma…
                                                 Si prosegue per la zona Bauhaus.
Per gli appassionati di architettura e non solo ovviamente, tra le vie del centro ,potremo ammirare i palazzi in stile Bauhaus, oggi Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco e motivo per cui Tel Aviv si chiama “la città bianca”. Questo stile importato dalla Germania ha avuto una grande influenza in questa città: alcuni palazzi degni di nota sono Avraham Soskin House a Lilienblum Street e Jacobson’s Building on Levontin Street.

Il tour prosegue con la visita di altre interessanti zone di Tel Aviv.
Cena pernottamento in  hotel Prima City.

 

3°GIORNO:TEL AVIV-CESAREA – MEGIDDO –NAZARETH – KIBBUTZ LAVI

 

Prima colazione in hotel e partenza. Sosta a Cesarea, porto romano realizzato da Re Erode in un luogo sorprendente perché privo di baia naturale. Cesarea fu nell’antichità residenza dei procuratori romani, tra cui Ponzio Pilato. Le antiche rovine mostrano scavi fantastici della città romana-bizantina, mura e portale perfettamente conservati del periodo crociato.

 

Cesarea Marittima. Gli scavi di Antonio Frova nella città di Erode - Museo Archeologico di Milano - Comune di Milano

Cesarea fu fondata da Erode il Grande, tra il 25° e il 13° anno prima della nascita di Gesù Cristo, nella Provincia di Giudea, quando la Palestina era uno dei territori sotto controllo romano. A differenza delle altre Province Romane che erano vincolate da rapporti tributari stretti verso l’Impero, la terra di Palestina era considerato un Protettorato e al suo Governatore, Erode il Grande appunto, era lasciata piena autonomia nell’amministrazione interna del suo territorio. E’ comprensibile che per mantenere questo status, volesse manifestare la sua assoluta fedeltà a Roma, dedicando un intera città al suo Imperatore: Julius Caesar Octavianus Augustus. Cesarea era a quel tempo un nome molto comune, c’era Cesarea di Filippo sulle alture del Golan, Cesarea Mazaca in Cappadocia: questa era Cesarea Erodea o Cesarea di Palestina o ancora Cesarea Marittima, in riferimento al suo grande porto, che era paragonabile per importanza a quello di Alessandria d’Egitto o di Antiochia.

Proseguimento per Megiddo.

The ancient Canaanite city of Megiddo, also known as Armageddon in the Book of Revelation, the prophesied location of the final battle at the end of time, Israel : papertowns

 

Megiddo è l’antica Armageddon (deformazione dell’ebraico Har Megiddo) menzionata nel Libro delle Rivelazioni come il luogo in cui si svolse la battaglia finale tra i re del mondo nel Giorno del Signore Misericordioso. In realtà, questo luogo che domina la valle di Jezreel fu teatro di molti scontri tra Cananei, Egizi, Israeliti, Assiri, Babilonesi e Persiani, tutti popoli che si avvicendarono al governo di Megiddo. Gli scavi condotti tra il 1925 e il 1939 portarono alla luce tracce di insediamenti risalenti a venti diverse epoche storiche tra il 4000 e il 400 a.C.
Le rovine più spettacolari sono quelle della Città dei carri, voluta da re Salomone nel X secolo a.C., e quelle delle Città degli Hyksos e dei Cananei. Molto interessanti anche i resti del tempio risalente al Calcolitico (fine del IV o inizio del III millennio a.C.), di un silos dell’VIII secolo, nei pressi del centro della collina, con una scala che conduceva fino al fondo del magazzino per il grano, così come quelli delle stalle e dei tre templi dei Cananei.
Megiddo merita una visita per l’importanza del sito e per la magnificenza del panorama che si gode dall’alto della collina che spazia dalla valle di Jezreel a Nazareth, dal monte Tabor al monte Gilboa

Proseguimento in direzione di Nazareth .Visita della Basilica dell’Annunciazione.

 

Nazareth - Wikipedia

Secondo la tradizione cattolica, la Chiesa dell’Annunciazione si trova dove un tempo sorgeva la casa della Vergine Maria, e dove l’angelo Gabriele le apparve e annunciò che avrebbe concepito e partorito il Figlio di Dio, Gesù. la Chiesa dell’Annunciazione ha due livelli. Il livello inferiore contiene la Grotta dell’Annunciazione. Molti credono che questi siano i resti della casa di Maria.

Il mistero dell’Incarnazione prende avvio in questo luogo con l’annuncio dell’angelo Gabriele a Maria, una giovane donna di Nazaret in Galilea.

“L’angelo andò da lei e le disse: Saluti, tu che sei altamente favorito! Il Signore è con te”. (Luca 1: 28)

Nazaret, “da cui Cristo fu chiamato Nazareno, e anche noi… eravamo detti in antico Nazareni” (Eusebio di Cesarea, inizio IV sec.), si trova già inserita nell’itinerario dei luoghi santi proposto da san Girolamo alla matrona romana Marcella (fine del IV sec.): “Andremo a Nazaret e vedremo, secondo ciò che significa il suo nome, il fiore della Galilea”. Dal pellegrino anonimo di Piacenza (circa 570 d.C.) abbiamo notizia dell’esistenza di una chiesa costruita sul luogo stesso della casa di Maria. La modesta chiesa bizantina (V sec.) fu sostituita in epoca crociata (XII sec.) con una grande basilica, che il califfo Baybars fece demolire nel 1263. A proteggere la grotta dell’Annunciazione rimase solo una piccola cappella “in memoria dell’umiltà e della povertà”, come si esprime il frate domenicano Ricoldo di Monte Croce (1294).
La basilica inferiore custodisce i ricordi più sacri. La grotta dell’Annunciazione subì numerosi adattamenti lungo i secoli, ma in origine faceva parte di un complesso abitativo i cui resti si estendono a nord della basilica attuale. Un’altra grotticella, con pitture e graffiti lasciati dagli antichi pellegrini sulle pareti, l’affianca a ovest. Pavimenti musivi, dove più volte si vede rappresentata la croce in diverse forme, ornavano un edificio di culto che ha preceduto la basilica bizantina (chiesa-sinagoga, III-IV sec.). Di questi più antichi edifici facevano parte elementi architettonici, rinvenuti fuori posto, che mostrano segni e graffiti di carattere religioso, tra i quali è da segnalare quello del “Ch(air)e [Ave] Maria”. I graffiti sono conservati nel museo del santuario dove sono esposte anche le sculture provenienti dalla basilica crociata, in particolare i cinque magnifici capitelli ritrovati nell’area del vecchio convento francescano.
I francescani entrarono in possesso del santuario nel 1620, grazie all’opera del Custode di Terra Santa Tommaso Obicini e alla benevolenza dell’emiro druso Fakhr ed-Din, principe di Sidone. Nel 1730 poterono edificare una piccola chiesa che, con qualche modifica, rimase fino al 1954. In quell’anno si decise di procedere a una serie di scavi archeologici, condotti da p. Bellarmino Bagatti, e all’edificazione dell’attuale basilica, inaugurata nel 1969 (arch. G. Muzio).

 Pernottamento Kibbutz Lavi,( dormiremo per 3 notti).

Cena ESCLUSIVA DEI VIAGGI DI GIORGIO nei pressi del Kibbutz.

 

4°GIORNO : TZIPORI – HAIFA – AKKO – KIBBUTZ LAVI

 

Prima colazione in in Kibbutz, e successivamente visitiamo Tzipori.
Visitiamo le rovine di Tzipori o Sepphoris, capitale romana della Galilealuogo di origine della più antica codificazione della legge orale del popolo ebraico.

Il Parco Nazionale di Tzipori presenta molti resti dell’antica città di Sepphoris tra cui numerosi bellissimi mosaici e un antico sistema idrico.

 

Viaggio a Zippori, alla scoperta della
Qui potremo  ammirare preziosi mosaici, tra cui quello della Monna Lisa della Galilea

Si prosegue per HAIFA.
Visita della Città Portuale con il famoso Porto e i Giardini Bahaim.

Turismo a Haifa nel 2021 - recensioni e consigli - Tripadvisor

Bahjí fu il luogo nel quale visse Bahá’u’lláh, il profeta che fondò la religione Bahai, durante gli ultimi 12 anni della sua vita, e lì fu sepolto dopo la sua morte; da qui deriva la santità del luogo per i Bahai in tutto il mondo. Nel sito ci sono due edifici storici: il maniero e il santuario di Bahá’u’lláh.

Il santuario di Bahá’u’lláh è il luogo in cui è sepolto quest’ultimo e come suddetto il posto più sacro del mondo per i Bahai e loro centro di pellegrinaggio. I credenti in tutto il mondo rivolgono il loro cuore e il loro volto in direzione del santuario di Bahá’u’lláh ogni giorno mentre recitano determinate preghiere, e aspirano a recarsi in pellegrinaggio in questo luogo almeno una volta nel corso della loro vita. Questo luogo era conosciuto con il nome di Bahjí o Al-Bahja, il cui significato è “luogo di felicità” perfino prima che Bahá’u’lláh vi si trasferisse.

Bahá’u’lláh nacque in Iran nel 1817. Apparteneva a una rispettata famiglia nobile. Suo padre era ministro alla corte dello Sceicco dell’Iran. Fin dalla sua infanzia, Bahá’u’lláh era conosciuto per la sua saggezza e le sue conoscenze. Aveva 22 anni quando suo padre morì e gli fu proposto un incarico prestigioso. Tuttavia Bahá’u’lláh non aveva intenzione di passare la sua vita a gestire faccende terrene. Lasciò alle sue spalle la corte del re e i suoi ministri e trascorse invece il suo tempo a aiutare gli infelici e gli oppressi della società, gli ammalati e i poveri. Ben presto fu conosciuto come difensore della giustizia.”

I giardini

Lo scopo dei giardini è creare un accesso idoneo al santuario di Bahá’u’lláh, il centro di tutto il sito. In pratica, tutti i sentieri a raggiera portano in direzione del centro. I giardini consentono al visitatore di scegliere diversi percorsi, parte dei quali consentono di girare intorno al santuario di Bahá’u’lláh. L’accesso agli edifici storici passa all’inizio attraverso giardini non ufficiali, prima di entrare nei giardini ufficiali ben disegnati, che portano al santuario.
I giardini sono stati progettati e sono conservati concentrandosi sulla conservazione dell’ambiente. Per quanto riguarda l’uso dell’acqua, la maggior parte dell’erba qui è stagionale; il sistema di irrigazione è stato progettato per un uso efficiente, nella parte non ufficiale dei giardini sono state scelte piante, cespugli e alberi che resistono alla siccità.

Haifa la terza città israeliana per ampiezza, è anche una delle più belle. Ospita il porto più grande della nazione, una spiaggia particolarmente frequentata, ed è la sede del Centro Mondiale della fede Bahai. Circondata da innumerevoli luoghi naturali, la città contiene un mix di quartieri nuovi e antichi, chiese e moschee, montagne e mare.

Trasferimento ad AKKO. Patrimonio Unesco.

 

Arrivederci, Akko

Immerso nella storia medievale dei crociati, Akko è un suggestivo centro storico circondato da alte fortificazioni. Gran parte della sua pittoresca architettura in pietra è stata preservata, rendendo questa una delle città più interessanti da visitare . E’ una città molto antica ricordata anche dagli egiziani nel 2000 a.C. che si trova all’estremità nord della grande baia di Haifa, in posizione strategica tanto da farla essere in ogni tempo una sorta di ponte tra oriente ed occidente.
In Israele non c’è città più fuori dal tempo di Akko: una fortezza costruita in pietra, situata sulla riva del mare e con una storia particolarmente vivace fin dai tempi di Alessandro il Grande, degli Egizi e dei Romani, che conobbe il momento di maggior splendore durante la dominazione dei crociati, quando veniva chiamata Acri. Le mura cittadine separano la vecchia Akko, perlopiù araba, dalla moderna città ebraica che si estende a nord. Nel sottosuolo dell’attuale Acco, a 8 m di profondità, troviamo la città crociata sotterranea, una serie di sale con i soffitti a volta che un tempo erano gli alloggi dei cavalieri ospitalieri. Di fronte all’entrata della città sotterranea c’è la Moschea di Al-Jazzar, con la cupola verde e il minareto a forma di matita tipicamente turchi. A est della moschea troverete il suq, una fetta di Oriente autentico.

L’antica città crociata dove le onde del Mediterraneo si infrangono contro le antiche e maestose mura della città, inondando le imponenti pareti di arenaria sopravvissute nel corso della storia e dei secoli. Le mura, difesa e roccaforte della città, portano il segno delle nazioni che hanno lasciato dietro di esse le loro impressionanti costruzioni, tanto che l’Unesco, nel 2001, ha nominato Acco Patrimonio dell’Umanità. Visita del sito archeologico.

Rientro a al Kibbutz Lavi per la cena e il pernottamento.

 

5°GIORNO : LAGO TIBERIADE–TABGA–CAFARNAO-SAFED-ALTURE DEL GOLAN

 

Prima colazione in Kibbutz.Oggi iniziamo le nostre visita dal Lago Tiberiade.

Partenza per Cafarnaum. Visita ai resti della sinagoga (visita alla Sinagoga dell’epoca di Gesù ed al Memoriale di San Pietro costruito sulla casa dell’Apostolo)risalente al IV sec. che conserva ancora in ottimo stato due file di sette colonne ciascuna che dividono la sala in tre navate. Nei pressi della sinagoga gli scavi hanno messo in luce le fondamenta di diverse abitazioni della prima età imperiale.

Il demonio esiste e Gesù lo combatte. Ma come parlarne oggi? - Santalessandro
Partenza per visitare i luoghi di Pietro , con i resti dell’antico villaggio, della casa di S.Pietro e riascoltare, nella Sinagoga dove è stato pronunciato, il discorso sul pane di vita. In seguito, costeggiando il lago fra panorami spettacolari, arriveremo alla località di Tabgha dove è prevista la visita alla Chiesa del Primato. Tabga, è situata ai piedi del Monte delle Beatitudini,qui visiteremo la Chiesa dedicata alla Moltiplicazione dei Pani e dei Pesci. La chiesa di origine bizantina ospita dei meravigliosi mosaici pavimentati.

Tabgha: il mosaico della moltiplicazione dei pani

 

Proseguiremo la nostra visita ,salendo in bus alle Alture del Golan, per capire l’importanza strategica che hanno per Israele. Dalle Alture del Golan gli scorci e le splendide vedute diventano sempre più affascinanti salendo in cima alle vette, tanto da rendere questo posto tanto emozionante da essere visitato e rivisitato più volte: dalla vetta del monte Bental è possibile ammirare l’intera regione, dai torrenti Sa’ar, Zevitan e Meshushim che si gettano nelle spumeggianti cascate, fino agli spettacolari canyon, tra i più affascinanti d’Israele.
Dopo questa piacevole visita, non può mancare la sosta in una cantina sul Golan, con degustazione ovviamente di vini. Nessuna regione vitivinicola può essere paragonata a quella delle alture del Golan, dove i vigneti sono circondati da splendidi paesaggi.

Lord Denning, Donald Trump and the Golan Heights – thinc.

 

GOLAN prende il nome dalle Alture del Golan, formatesi da remote eruzioni vulcaniche. Il primo vigneto è stato impiantato nel 1976.Qui vengono prodotti vini per soddisfare un consumo giovane, attento alla qualità. Alcuni nomi di vini, rappresentano il territorio ,antiche città, eventi simbolici ecc.ecc..Ad esempio il vino GAMLA prende il nome da un’antica città passata alla storia per aver cercato di bloccare l’avanzata romana verso Gerusalemme. I vini HERMON devono il loro nome al massiccio montuoso al confine tra Israele, Siria, Libano, il cui picco più alto raggiunge i 2.814 m. I vini HERMON sono complessi e strutturati. Vengono prodotti anche vini kosher di grande pregio, prodotti per lo più su terreni vulcanici, fortemente legati alla tradizione: alcuni marchi Yarden, Gamla, Golan ed Hermon hanno etichette raffiguranti la lampada ad olio simbolo dell’antico stato di Israele.

Un città che vale la pena di visitare in un tour in Galilea è Safed, centro per lo studio della cabala e delizioso borgo ebraico. La kabbalah non è nata in questo paesino ma qui oggi giorno trova la sua massima espressione in questa piccola comunità .
Una città sulla cima di una montagna con oltre 2000 anni di storia, Safed (o Tzvat) è conosciuta come un centro della Kabbalah, o misticismo ebraico.La nostra guida ci accompagnerà in questo affascinante viaggio attraverso sinagoghe storiche e antiche tradizioni, colonie di artisti e gallerie vibranti e suggestive strade acciottolate.

Safed (Tsfat) – La città della Kabbalah – Viaggiare in Israele

A Safed, abitavano i clan sacerdotali studiosi della Bibbia allo scoppiare della rivolta giudaica nel 66 d.C., come riportato da Giuseppe Flavio. In seguito a questo, la città divenne centro di studi biblici che ai ampliarono a tal punto da far compenetrare alla spiritualità ebraica la mistica persiana e turca. Da qui ebbe origine la ricerca del senso allegorico di tutta la Bibbia mediante assonanze, trasposizioni di vocaboli e numeri dando origine alla Cabala. La Cabala non ha esercitato notevoli influenze sulla teologica e la pratica del giudaismo, ma ha fortemente influenzato la liturgia e gli usi popolari degli Ebrei. La via di Gerusalemme attraversa la città e porta alle vecchie sinagoghe dei cabalisti risalenti al 1500. Qui si trova anche il quartiere degli artisti, il luogo più animato di Safed.

Una visita alla città di Safed, con la sue magnifiche montagne e l’aria fresca e trasparente, è davvero una paradisiaca esperienza. L’antica città di Galilea è anche la più alta in Israele, e regala la spettacolare veduta di tutta la regione, che in inverno si colora con il verde delle montagne e la bianca vetta innevata del Monte Hermon. Safed è una città pittoresca, avvolta dal misticismo e dal mistero, soffusa da un sacra atmosfera, dimora di spiriti contemplativi e artisti. I visitatori percepiscono il caldo abbraccio della città passeggiando tra le sue mura, accanto alle case di pietra, dove hanno sede le botteghe degli artisti. E una delle città sante di Israele, fin dal 1600, quando divenne il centro della Kabbalah, la parte mistica dell’Ebraismo, dove i mistici cabalisti vivevano, studiavano, pensavano e scrivevano, e le loro tombe sono tuttora oggetto di venerazione.
Tra le antiche e pittoresche strade del quartiere ebraico si trovano nicchie nascoste, e sinagoghe dove la ricchezza del passato traspare dagli alti soffitti, dalle decorazioni, dagli antichi rotoli della Torah.
Il quartiere degli artisti si trova in quella che un tempo era la parte araba della città , dove essi vivono e lavorano in antiche e magnifiche abitazioni, e le loro opere, esposte alle finestre, possono essere ammirate passeggiando lungo le strette strade del quartiere.
Visitare Safed, con i suoi tralci di vite che abbracciano i pergolati delle case di pietra, i cancelli di ferro decorati, lo splendido panorama visibile da ogni terrazza, i serpeggianti vicoli di arenaria, è come ritrovarsi a passeggiare in un’opera d’arte: una città di artisti e di rabbini, di storia e di tradizione.
Rientro in Kibbutz per la cena e il pernottamento.

 

6° GIORNO-BEIT SHEAN -QASR EL YAHUD- JERICO-SAN GEORGE -MAR MORTO

 

Partenza in direzione sud e visita di Beit She’an: qui si trovano i resti di un antichissimo insediamento che risale addirittura al 3500 a.C. Alcuni testi egiziani documentano che nel 1480 a.C. la città era fortificata e sede di governatorato egizio per tre secoli, grazie alla particolare posizione di transito tra l’Egitto, l’Assiria, la Babilonia e la Mesopotamia. I resti oggi visibili si trovano nella valle che scende verso il Giordano, e sono un teatro di epoca romana, un tempio, un ninfeo, una via colonnata, terme bizantine.

Se vuoi rivivere i giorni di gloria dell’antica Roma, questo sito archeologico ben conservato in Israele è una delle migliori attrazioni turistiche del paese da visitare. Gran parte della città romana è riuscita a sopravvivere, con le strade colonnate e i resti del tempio che ti offrono la possibilità di dare un’occhiata allo stile di vita qui sotto il dominio romano. L’ambientazione, in una valle circondata da uno splendido scenario montuoso, è estremamente drammatica, aggiungendo all’atmosfera inebriante della grandiosità del passato.

Beit She'an National Park | Beit She'an, Israel Attractions - Lonely Planet

Il Teatro Romano. Costruito durante il regno di Settimio Severo, durante la fine del 2 ° secolo, il teatro romano di Beit Shean è il meglio conservato in Israele. Aveva posti a sedere per 6.000 spettatori, con la parte inferiore della struttura costruita nel terreno e con piani di posti a sedere semicircolari.
Il nostro viaggio lungo la valle del giordano con sosta al sito battesimale di Kassel el Yahud.

Il fiume Giordano ha un ruolo importante per l’ebraismo e il cristianesimo, in quanto si ritiene che le tribù d’Israele lo abbiano attraversato al seguito di Giosuè e che Gesù sia stato battezzato da Giovanni Battista nelle sue acque. Visitare il Giordano consente ai fedeli su entrambe le sponde del fiume – Israele e i Territori Palestinesi su quella occidentale, la Giordania su quella orientale – di soffermarsi per un momento di riflessione.

Qasr el-Yahud (in Arabo: قصر اليهود, in Ebraico:קאסר אל יהוד; conosciuto anche come Kasser/Qasser al-Yahud/Yehud; letteralmente “Il Castello degli Ebrei” ) è il nome ufficiale di un sito di battesimo nella Valle del Giordano che si trova nei territori contesi tra Israele e Palestina.
Questo sito è la parte occidentale di un’area più ampia, tradizionalmente ricondotta al Battesimo di Gesù da parte di Giovanni Battista, conosciuta in arabo come al-Maghtas, nome che è stato storicamente utilizzato per identificare un luogo di pellegrinaggio su entrambe le sponde del fiume Giordano. È tradizionalmente riconosciuto anche come il luogo in cui gli Israeliti attraversarono il Giordano e il profeta Elia ascese al Paradiso.

Si arriva per il pranzo a Jerico (la città più antica della storia, e la più bassa sotto il livello del mare).
Gerico è la città fortificata più antica al mondo; la sua fondazione risale infatti a 8000 anni prima della nascita di Cristo e superando i 10000 anni di storia si contende con Damasco il primato di città più antica del mondo. Oggi Gerico è una piccola città della Cisgiordania, situata vicino al fiume Giordano. Gerico è stata a lungo contesa tra lo Stato di Israele e l’Autorità nazionale palestinese, attualmente è sotto il controllo di quest’ultima. Gerico è certamente una meta imperdibile per chi decide di fare un pellegrinaggio in Terra Santa per l’importanza che ha avuto questo antichissimo centro nella Bibbia. Gerico è molto importante sia nell’Antico sia nel Nuovo Testamento.

Escursione a Gerico da Tel Aviv - Prenotazione a Civitatis.com

Mentre proseguiamo sulla strada che da Gerusalemme porta a Gerico,e sul Mar Morto,avremo la fortuna di intravedere, perfettamente mimetizzato nella roccia, un monastero restituito finalmente ai visitatori dopo la realizzazione di una strada di collegamento e il consolidamento del ponte di accesso. Parliamo di San Giorgio di Koziba, un monastero greco-ortodosso risalente a oltre 1500 anni fa, posizionato a strapiombo sul canyon del Wadi Qelt, un’area desertica in territorio israeliano. Il monastero viene citato nelle Scritture quale luogo di ritiro spirituale di Gioacchino (il padre di Maria): qui ricevette la visita di un angelo che gli preannunziava la gravidanza della moglie Anna.

ISRAELE - MONASTERO DI SAN GIORGIO IN KOZIBA | Israele (West… | Flickr

Qui vi è la caverna dove visse per 3 anni il profeta Elia. Pare infatti che, nonostante questo luogo fosse propizio alla meditazione e alla preghiera, lontano dagli echi peccaminosi del mondo, alcuni monaci preferissero rinchiudersi in piccole fenditure della roccia: unico contatto con gli altri confratelli, il momento del pasto, somministrato attraverso un cestino calato una volta al giorno. Sosta panoramica e fotografica dalla strada.

Cena e pernottamento al  Kibbutz Ein Bokek,sul Mar Morto.

 

7°GIORNO : MAR MORTO-MASADA – VIDOR CENTER – AVDAT – MITZPE RAMON

 

Dopo la prima colazione ,partenza di buon mattino, in direzione Sud verso il deserto del Negev.

Sosta lungo il percorso per la visita di Masada .

Masada: la drammatica storia della fortezza nel deserto.

 

Arroccato sopra le pianure del deserto della Giudea, il complesso di Masada è un’antica fortezza costruita tra il 37 e il 15 a.C. Composta da diversi palazzi e imponenti fortificazioni, la fortezza ospitava una guarnigione. Ha poi giocato un ruolo decisivo nella storia di Israele e rimane oggi un simbolo per molti ebrei di tutto il mondo. Situato a più di 400 metri sopra la pianura, offre una vista mozzafiato sul deserto circostante e sul Mar Morto! Oltre all’eccezionale paesaggio che circonda il sito, la visita di Masada offre la possibilità di immergersi nella sua storia, attraverso i resti molto ben conservati. Masada significa “fortezza” in ebraico. Questa cittadella è un punto di riferimento nella storia di Israele, costruita dal re Erode il Grande come rifugio da una possibile invasione egiziana. Ma fu cento anni dopo che la storia di Masada divenne leggenda. I reperti archeologici di Masada riportano in vita l’interessante e tragica storia delle persone che vi abitarono quasi duemila anni fa. Simbolo di resistenza e conservazione della propria identità nazionale e religiosa, Masada è cosi ricca di storia da essere stata dichiarata parco nazionale e, nel 2001, Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO. Inoltre, Masada è un altopiano che offre una vista mozzafiato sul Mar Morto e il deserto della Giudea. Tutte queste ragioni rendono Masada una destinazione popolare per turisti e non.

Proseguimento per VIDOR CENTER.
Il Vidor Center è un centro molto interessante per apprendere le avanzate tecniche di coltivazione di questa zona desertica, i patrimoni floristici e faunistici, le sfide nell’ambito dell’adattamento climatico, del terreno e dell’approvvigionamento idrico nel deserto. La visita include la proiezione di un film 3D, il giro alle serre in cui vengono coltivati i migliori prodotti regionali e la visita del museo interattivo.

E infine arrivo ad Avdat, sito archeologico di un’antica città nabatea. Patrimonio dell’Umanità dal 2005. Questo luogo domina il deserto da una collina di 650 m. E’ molto ben conservato e nacque come sosta per le carovane che viaggiavano da Petra al Mediterraneo,la via dell’incenso .

Israele, Avdat: ecco la location di Jesus Christ Superstar

 

Tra le rovine si possono ammirare le terme romane, le chiese e le catacombe, oltre a un laboratorio ,c’è anche una pressa per l’uva: strano pensare qui ai vigneti!!!
Una gola di calcare bianco, di quelle dove gli strati di roccia li potrebbe leggere anche un bambino, racchiude lo Wadi Zin che si inoltra tra acacie e pistacchi fino a una miracolosa sorgente sotto i pioppi.

Arrivo a Mitzpe Ramon nel tardo pomeriggio e cena Ramon Suite Hotel
Mitzpe Ramon (Ramon Lookout) è una piccola città nel deserto del Negev, nel sud di Israele. Il nome Ramon deriva dall’ebraico “Romaim,” che significa Romani. E ‘situato sul crinale nord, ad un’altitudine di 860 metri (2.800 piedi), si affaccia su un cratere di considerevoli dimensioni conosciuto come il cratere Ramon.

Immagini Mitzpe Ramon | Vettori Gratuiti, Foto Stock e PSD

 

Ed è situato ai margini di Makhtesh Ramon, un luogo geologico affascinante.La scelta di dormire qui,è voluta dal fatto,che chi lo desidera,potrà andare al cratere all’alba(o al tramonto se si arriva in tempo utile)in quanto pare che i colori siano assordanti.

 

8° GIORNO: MITZPE RAMON – CRATERE-VALLE DI TIMNA –MITZPE RAMON

 

Il Makhtesh Ramon è il più grande cratere di formazione erosiva del mondo. Conquisterà gli amanti dei panorami eccezionali e delle escursioni in pieno deserto. La vista del Makhtesh Ramon è impressionante dalla città di Mitzpe Ramon.

Prima colazione e partenza in direzione del parco Timna, ma prima sosta per la visita al centro visite Makhtesh ,per spiegare i fenomeni geologici locali.
Giornata dedicata al deserto. Ora, Israele è piccolo. Pensare che ci stia dentro una cosa così grande come il “Makhtesh” (Il cratere”) è difficile da capire. A scrutarlo dal belvedere di Mitzpe Ramon, la tranquilla cittadina sul suo bordo, sembra semplicemente sterminato. Pare il cratere di un vulcano estinto o il buco lasciato da un gigantesco meteorite. Invece è l’opera lenta dell’acqua di milioni di anni fa che scavò, scavò, scavò in maniera irregolare, quasi circolare fenomeno unico al mondo, esiste solo nel Negev.
Bella e potente vertigine: in ampiezza e anche in altezza. Sembra di stare in Arizona, sull’orlo di un canyon.

 

Mitzpe Ramon, Israel | Mitzpe ramon, Cool places to visit, Places to go

 

Il Maktesh Ramon, un canyon lungo 40 km, con una larghezza di 8 km e una profondità di 300 m. E’ formato da roccia vulcanica, arenaria dalle diverse sfumature di colori e resti fossili. Maktesh Ramon è chiamato anche il Cratere Ramon. Un maktesh è più propriamente un’erosione creatasi con lo spostamento delle placche terrestri, un fenomeno geologico unico. Arrivati sulle sponde del cratere si potrà godere di un panorama molto suggestivo.

Arrivo alle Valle di Timna, regione di alto valore archeologico, situata nel deserto del Negev, in Israele, a 30 km a nord di Eilat.
Funghi di pietra, archi naturali e colonne a forma di sfinge creano un paesaggio decisamente singolare. All’opera della natura si somma anche l’opera dell’ingegno umano: qui troviamo infatti alcune delle più antiche miniere di rame della storia del mondo, con cunicoli e pozzi scavati nella roccia, antichi forni per la fusione del rame, resti di villaggi e templi ad uso dei minatori.

Viaggio in Israele: dal deserto del Negev e il Mar Morto, a Gerusalemme e Tel Aviv : Dove Viaggi

Ci sono anche le rovine di un tempio, a Timna: è dedicato a Hathor, antica dea egizia….. il Nilo infatti è dietro l’angolo. E questo era un ottimo posto dove far scorta di rame.
Pranzo al sacco.
Rientro in hotel in serata, cena e pernottamento Ramon Suite Hotel.

 

9° GIORNO: MITZPE RAMON – KIBBUTZ DI SDE BOKER -GERUSALEMME

 

Prima colazione in hotel e partenza per Gerusalemme, (in ebraico Jerushalayim (città della pace), in arabo El-Khudz (la Santa).
Sosta lungo la strada per la visita al Kibbutz di Sde Boker ovvero, la colonia a sud di Ber Sheba dove Ben Gurion ha passato gli ultimi giorni della sua vita oggi è un monumento alla capacità di Israele di far fiorire il deserto. Il Kibbutz di Sde Boker rappresenta la realizzazione del sogno di David Ben Gurion, il grande statista israeliano di origini polacche, primo premier della nazione e primo ministro della difesa, che amava la distesa desertica del Negev e volle vederla trasformata in un’esplosione di fioriture. Il kibbutz, costruito tra le montagne del Negev settentrionale, venne fondato nel 1952 da un gruppo di soldati congedati, e attiro l’attenzione popolare quando David Ben Gurion e la moglie Paula lo scelsero come luogo dove vivere.

Infatti, la visione di Ben Gurion è divenuta realtà , ed il Negev oggi è una regione rigogliosa, disseminata da comunità e fiorenti aziende agricole, e Sde Boker ha raccolto l’eredita di colui che proclamo la Costituzione dello Stato di Israele nel 1948, e ne assunse la guida durante l’immediata guerra. La capanna in cui David e Paula vissero dal giorno del loro trasferimento fino alla morte, è rimasta esattamente come era all’epoca, l’area circostante si è estesa, a vantaggio dei visitatori, accogliendo un’esposizione delle famose dichiarazioni di Ben Gurion e delle immagini dei suoi primi giorni al kibbutz. La capanna ospita anche l’archivio di Ben Gurion, la sua biblioteca privata di oltre 5.000 volumi su tutto quanto egli amava. La capanna adiacente, appartenuta alla sua guarda del corpo, è stata trasformata in museo dedicato a quella speciale sintonia che David Ben Gurion aveva verso il deserto. A sud del kibbutz si trova un campus dove hanno sede l’Istituto di Ricerche del Deserto, l’Istituto dell’Eredita di Ben Gurion, un campo scuola ed una locanda, una scuola superiore dove i giovani di tutta la nazione giungono a studiare la natura dalla natura stessa, un allevamento di rettili ed un museo di sculture del deserto. Nei pressi, il Memoriale di Ben Gurion, dove David e Paula sono sepolti, offre una grandiosa vista verso il crepaccio di Nakhal Tsin.

Arrivo a Gerusalemme e visita al Monte degli Ulivi e Getsemani.

Cena e pernottamento in hotel Prima Royale per notti.

 

10°GIORNO : GERUSALEMME-HERODIUM-BETLEMME -GERUSALEMME

 

Prima colazione in hotel e partenza per Betlemme in Palestina (in ebraico Bet Leehem – casa del pane, in arabo Bayt Lahm – casa della carne). Città di grandissima importanza per tutti gli aderenti alla religione Cattolica. Posto che, secondo la tradizione, diede vita a quello che è considerato il Figlio di Dio.

Sosta per la visita del sito di Herodium, palazzo grandioso fatto costruire da Erode quale sua dimora e tomba, solo ultimamente si è scoperta la Tomba, ma rimane impressionante l’architettura di questa fortezza, arroccato e seminascosto su una collina di Betlemme, segno del carattere dominante e sospettoso del sovrano (come ci è ben noto dal triste episodio della strage degli innocenti.

Lo storico Giuseppe Flavio scrisse che, per commemorare la vittoria militare di Parti, Re Erode il Grande fece costruire un magnifico palazzo in un punto situato a circa dodici chilometri a sud da Gerusalemme.

New Inscriptions from Herodium, in Jerusalem on 11 Apr 2019 – Michael Langlois

“In quel punto Erode fece costruire una città ricca di palazzi per commemorare la sua vittoria, e per questo la chiamò Herodion”, scrisse lo storico ebreo-romano Giuseppe Flavio nella sua opera ‘Guerre giudaiche’.

Lo storico notò la robustezza della fortezza, costruita a forma conica su una collina e in seguito ampliata da Erode, che la abbellì con giardini, appartamenti riccamente decorati, mura e torri di difesa.

In effetti, ancora oggi, dopo 2000 anni dal periodo di Erode, l’Herodion è una meraviglia per gli occhi. Benché il sito sia stato conquistato e distrutto dalle truppe romane nel 70 d.C., le rovine sono ancora ben conservate, e includono una serie di stanze, fortezze, bagni rituali, cisterne d’acqua e i resti di una sinagoga del I secolo costruita con lo stile architettonico della Galilea.

L’Herodion si trova a est di Betlemme, vicino allele colonie ebraiche di Tekoa e Nokdim. Esso è il più grande punto di riferimento per chilometri.

Visita alla Basilica della Natività una delle Basiliche più antiche della Cristianità al momento divisa – secondo lo Status Quo – fra Francescani – Ortodossi ed Armeni, si potranno ammirare, gli ultimi restauri ai mosaici che la ricoprivano, realizzati da una ditta italiana, che li hanno riportati alla bellezza originaria con colori splendidi.
La Grotta della Natività, Basilica di Santa Caterina e Chiostro di San Girolamo.

MOSAICI DELLA CHIESA DELLA NATIVITA' DI BETLEMME RESTAURATI PER NATALE - Daniele Mancini Archeologia

 

Accenno ai graffiti di Banksy impressi sul muro di separazione. Servirà a farci capire più a fondo cosa significa una barriera del genere, i limiti imposti da una struttura di questo tipo, i problemi che cela una roba cosi mastodontica .

La storia, vogliamo darvi consapevolezza maggiore sulla storia contemporanea. Betlemme si sviluppa in altezza e la barriera di separazione è, ahimè, visibile da ogni bel vedere della città. Stiamo parlando di un muro che occupa un territorio di oltre 700 chilometri, fatto di cemento armato, filo spinato e torrette di controllo. Sentirne parlare, vedere video e foto non è come osservare questa gigantesca parete dal vivo. Rendersi conto di quanto divida e circoscriva è impressionante. E ci sono i graffiti nel muro di Betlemme, murales che inneggiano alla pace, utilizzati, quindi, come strumento di protesta. Opere artistiche che lanciano messaggi chiari e precisi, delle provocazioni necessarie.

                                                         Make Hummus not Walls

Make Hummus Not Walls” – UNITED WORDS

È una sorta di slogan “Make Hummus not Walls” incisa tra i pilastri di cemento della barriera di separazione. Tradotto vuol dire: “Fate l’hummus” (bontà culinaria palestinese), non fate la guerra”. Il riferimento a “Make Love not War” credo che sia piuttosto chiaro a tutti. Mi riferisco al motto utilizzato da un movimento pacifista durante la guerra del Vietnam, vale a dire

                                          “Fate l’amore, non fate la guerra“.

Tra i vari graffiti sul muro di Betlemme troviamo anche un’opera di un artista italiano. Il suo nome è Jorit Agoch e su quella parete ha davvero creato uno dei suoi capolavori.

Da Napoli a Betlemme: il murale di Jorit per Ahed Tamimi, la Rosa Parks della Palestina - la Repubblica

Un ritratto alto 4 metri di Ahed Tamimi, palestinese di 17 anni rimasta in carcere per 8 mesi per aver contestato dei militari israeliani che si erano infiltrati nel giardino di casa sua.

È altamente sconvolgente questo muro e a tratti doloroso. Ma sostengo che una visita sia d’obbligo e per tutti. Un contatto effettivo con la storia attuale! Eventi che parlano di barbarie e illegalità. Persone rinchiuse in una gabbia costruita in cemento armato e che subiscono continue violenze e oppressioni.

Una pagina dei giorni nostri davvero terribile e che gli artisti di strada cercano di denunciare e contestare con delle innocue bombolette spray.

Spettacolo serale  Suoni e Luci alla Torre di Davide e cena in ristorante tipico armeno.

Rientro in hotel pernottamento hotel Prima Royale

 

11°GIORNO: GERUSALEMME

 

Prima colazione in hotel. Inizio visite della Città Vecchia di Gerusalemme ,intera giornata. Pranzo libero.

“Non percepire spiritualità e non avvertire sensazioni forti è praticamente impossibile in questo posto che viene considerato l’ombelico del mondo.”

 

Gerusalemme, la grande bellezza

“Non basterebbe un’esistenza intera per comprendere a fondo i diversi universi di Gerusalemme! Esatto, avete letto benissimo! I vari e differenti universi della città Santa che esistono, si diramano, convivono parallelamente .E’ proprio qui che coabitano 4 diverse realtà, e lo fanno in uno spazio davvero minuscolo, ma di una bellezza inquantificabile. Stiamo parlando di circa 1 chilometro quadrato circondato da mura in cui camminano fianco a fianco le tre religioni . Uno spazio vitale che quasi toglie il fiato anche alle persone che condividono la stessa identica cultura e i medesimi valori. E tu di primo impatto pensi sia sorprendente tutto ciò, considerando che all’interno delle 3 grandi religioni monoteiste ci sono altrettante minoranze.”

Visita della Città Vecchia: passeggiate attraverso i 4 quartieri, ebraico, arabo, cristiano e armeno.
Sosta presso il Muro del Pianto e il chiassoso bazar arabo, chiamato shuk. Si percorre la Via Dolorosa con sosta presso alcune delle Stazioni fino ad arrivare al Santo Sepolcro, visita all’insieme di cappelle e chiese che sono racchiuse nel luogo più santo per la Cristianità.

GERUSALEMME: Spianata delle moschee, diplomatici UE avvertono pericolo conflitto regionale | NenaNews

La Spianata delle Moschee, conosciuta anche come Nobile Santuario in arabo o il Monte del Tempio in ebraico, è il sito religioso più importante di Gerusalemme. Secondo le credenze ebraiche si tratta del punto dove fu costruito il Tempio di Gerusalemme, la cui unica vestigia rimane il Muro Occidentale o Muro del Pianto. Per i musulmani, invece, è considerato il punto dell’ascensione (mi’raj) ai sette cieli del profeta Maometto. Sulla Spianata sacra si trovano oggi la Cupola della Roccia e la Moschea al-Aqsa.
Gli spazi tra la moschea Al-Aqsa e la Cupola della Roccia sono particolarmente animati. Scolaresche in visita, scuole coraniche improvvisate all’ombra degli alberi, gruppi di uomini o donne raccolti in preghiera, lo spiazzo è un luogo di ritrovo per i cittadini arabi di Gerusalemme.

La salita alla Spianata delle Moschee sarà decisa in loco dalla guida a seconda degli orari di visita che cambiano molto spesso. Inoltre, può succedere che le autorità locali blocchino l’entrata alla
Spianata, in quel caso la visita non si potrà effettuare.

Chi non fosse interessato al pomeriggio a proseguire le visite in gruppo, consigliamo la visita alla città di Davide, con percorso sotterraneo(asciutto o bagnato),da prenotare per tempo al momento dell’adesione al tour, in modo che possiamo acquistare i tkt d’ingresso che sono limitati.

Cena di saluti in ristorante di lusso ESCLUSIVA DEI VIAGGI DI GIORGIO .

Pernottamento in hotel Prima Royale

 

12° GIORNO: GERUSALEMME – MUSEI-TEL AVIV – ROMA

 

Visitare il Memoriale di Yad Vashem a Gerusalemme è un’esperienza fondamentale e formativa.

Prima colazione in hotel e rilascio delle camere.
Visita al Museo dell’Olocausto Yad Vashem. Ancora oggi, generazioni intere di giovani, e non solo, ignorano o conoscono davvero superficialmente l’orrore della Shoah. Parlarne, attraverso testimonianze o visite nei luoghi simbolo, è un dovere di ognuno di noi. Proprio per questo motivo, noi dei Viaggi di Giorgio, lo abbiamo fortemente voluto inserire, il memoriale di Yad Vashem, realizzato per ricordare tutte le vittime dell’Olocausto. Una visita che non lascia indifferenti, e come potrebbe? Camminare all’interno delle gallerie di questo enorme museo a forma di prisma perfettamente inserito sulla cima del Monte Herzl, è davvero un pugno al cuore. La decisione di istituire un memoriale per ricordare tutte le vittime della Shoah risale al 1953, quindi circa 9 anni dopo la nascita dello Stato di Israele. Il suo nome, che significa “un memoriale e un nome”, viene dal libro di Isaia 56:5, dove Dio dice, “concederò nella mia casa e dentro le mie mura un memoriale e un nome … darò loro un nome eterno che non sarà mai cancellato”. Nelle nove gallerie interne vengono ripercorsi con l’ausilio di video, fotografie e documenti originali come ad esempio la lista di Schindler, resa celebre dal film di Spielberg, gli eventi storici che ebbero origine dal momento in cui i Nazisti presero il potere, documentando le varie fasi dalla ricerca degli Ebrei, al loro allontanamento dai ghetti fino alla “soluzione finale” e al genocidio di massa. Le esperienze personali e i sentimenti delle vittime dell’Olocausto costituiscono il fondamentale criterio espositivo del museo.

Fuori dall’esposizione museale, si trova, poi, la Sala della Memoria dove brucia la Fiamma Eterna, simbolo del ricordo costante, mentre sul pavimento nero sono incisi i nomi di alcuni tra i principali campi di sterminio come Dachau, Auschwitz, Birkenau e Bergen Belsen. Sicuramente il luogo più straziante, in cui molti visitatori scelgono di non entrare, è il Memoriale che ricorda il milione e mezzo di bambini Ebrei morti durante l’olocausto. Un piccolo sentiero realizzato con pietre dal colore chiaro conduce all’interno di una “grande sala buia illuminata solo dalla luce delle candele che grazie ad un gioco di specchi si riflettono all’infinito dando la sensazione di guardare un cielo stellato.”

Yad Vashem: il Memoriale dell'Olocausto a Gerusalemme | World Trips

Una menzione speciale è riservata al Giardino dei Giusti tra le Nazioni, un lungo viale alberato con più di 2mila alberi, dedicato ai Giusti tra le Nazioni, persone non ebree, che in 44 paesi salvarono le vite di tanti ebrei, rischiando o perdendo la propria. Fino alla fine del 2007 erano stati riconosciuti più di 22.000 Giusti, di questi più di 200 sono italiani.

Dopo questa visita sicuramente intensa ed emotivamente straziante, andremo a visitare il Museo di Israele con il Museo del Libro.

Museo di Israele con il museo del libro. Uno dei gioielli del museo è il Santuario del Libro (The Shrine of the Book),cui è dedicata la nostra attenzione,dove sono custoditi alcuni dei Rotoli del Mar Morto, rinvenuti nella località di Qumran, rappresentano alcuni tra i ritrovamenti più importanti in tutta la storia di Israele.

ARCHEOLOGIA: SONO FALSI I ROTOLI DEL MAR MORTO DEL MUSEO DELLA BIBBIA DI WASHINGTON

L’esposizione di tali documenti è ben curata e illustrata. La cupola dell’edificio ricorda il coperchio di un vaso, ed è stata progettata in questo modo volutamente, come rimando ai contenitori all’interno dei quali vennero rinvenuti i preziosi rotoli. Qualcuno ha addirittura detto che i Rotoli del Mar Morto costituiscono la più grande scoperta archeologica del XX secolo!È un’emozione unica quella di potersi trovare davanti a manoscritti che risalgono a prima della caduta del II tempio, al tempo di Rav Hillel e Gesù di Nazareth.

Fra gli oggetti più interessanti vi sono, oltre i rotoli scoperti a Qumran fra i quali il testo completo del profeta Isaia, le lettere di Bar Kokheba, il capo della seconda rivolta giudaica (132-135 d.C.), rotoli scoperti a Masada e altre pergamene antiche di altissimo interesse storico. Poiché alcuni di questi rotoli hanno come titolo e parlano della Guerra dei Figli della Luce contro i Figli delle Tenebre, si volle di fronte al tetto-coperchio dipinto in bianco erigere un alto muro tutto nero.

Al termine delle visite ,trasferimento in direzione dell’aeroporto di Tel Aviv, e inizio operazioni di imbarco del volo di rientro.Arrivo a Roma e fine dei servizi, per coloro che proseguono per altre città, imbarco volo diretto alla propria città di origine.

 

 

 

Itinerario di Viaggio

Informazioni generali

La quota di partecipazione comprende:

  • Volo , franchigia bagaglio 20 kg,Roma-Tel Aviv -Roma in classe economica 
  • 11  notti in hotel 4**** e Kibbutz ,trattamento mezza pensione,dalla cena primo giorno alla prima colazione dell’ultimo.Comprese 2 cene speciali esclusive.
  • Un pranzo al sacco.
  • Bus per tutta la durata del tour
  • Guida in lingua italiana  per tutta la durata del tour;
  • Biglietti di ingresso ai siti come da programma
  • Spese di facchinaggio in tutti gli alberghi(1 bagaglio a persona)
  • Auricolari  per tutta la durata del viaggio
  • Accompagnatore dei Viaggi di Giorgio
  • Assicurazione medica massimale 4.000.000,00  (incluse spese sanitarie anche per Covid),fermo sanitario(quarantenain loco e volo di rientro alternativo) bagaglio massimale 1.500,00 
  • Assicurazione annullamento per positività al Covid19(prima durante e al rientro del viaggio)
  • Assicurazione ANNULLAMENTO AL VIAGGIO intero importo costo viaggio
  • Kit da viaggio

La quota di partecipazione non comprende:

  • Tasse aeroportuali euro  158,00 soggette a riconferma  sino emissione dei biglietti
  • Le bevande ai pasti
  • Mance guida ed autista e facchini e camerieri pari a euro 6,00 al giorno a persona
  • Spese personali e quanto non menzionato nella quota comprende.

N.b importo tasse si riferisce alla partenza e rientro aereoporto di Roma.

 

 

Sono disponibili voli in partenza dagli Aeroporti di Bari e Catania,Milano e altri aereoporti a tariffe confidenziali.

 

Importante

E’ necessario il passaporto individuale con validità di almeno 6 mesi dalla data di inizio del Viaggio

Il visto verrà rilasciato in arrivo.

OBBLIGATORIO ESSERE VACCINATI CONTRO IL COVID2019

Eventuali altri protocolli contro il Covid19,saranno comunicati tempestivamente(vedi tamponi).

 

Kibbutz  .Sono Comunità agricole a gestione collettiva sorte in Palestina a opera del movimento sionista a partire dal 1909-10 e affermatesi poi nello Stato di Israele. In senso più concreto, il terreno su cui ciascuna comunità è stanziata e l’insieme di beni e strutture che ne fanno parte e che sono proprietà collettiva dei suoi membri.

Il kibbutz (villaggio collettivistico) è una forma di vita sociale unica al mondo, in cui ogni bene è posseduto dalla collettività dai membri del villaggio.
Circa 90 anni fa è stato fondato il primo kibbutz, il nome kibbutz proviene dalla parola ebraica “kvutza” che vuol dire gruppo. Era un’idea rivoluzionaria nella quale una gruppo di persone che volontariamente vivono rispettando un’idea di contratto sociale, basato sull’eguaglianza.
La vita nello kibbutz ritiene che tutte le entrate debbano entrare in un budget che poi verrà diviso tra tutti i membri, questo fatto vuol dire che si può lavorare anche come direttore di una grande azienda privata ma si ricevono gli stessi diritti di un agricoltore e anche lo stesso stipendio, e la somma che viene guadagnata viene suddivisa tra I diversi membri che guadagnano di meno.
Si mangia insieme nella stessa mensa si va a vedere uno spettacolo nello stesso posto e si fanno i raduni per le feste nazionali e per quelle agricole, una festa molto bella e a shavuoth in cui si fanno vedere tutti i prodotti agricoli in particolare formaggio ed è una festa molto adatta per bambini
Negli ultimi anni molti kibbutzim sono stati privatizzati dai kibutnikim stessi per problemi di soldi o perche’ I loro terreni che sono situati nei posti più importanti valgono tanti soldi. in tutto ci sono 250 kibbutzim e ci vivono circa125 mila persone.
Nei kibbutzim si lavora in agricoltura ma anche si produce in industrie tra le più tecnologiche al mondo dalla plastica alle fibre ottiche (kibbutz shamir) alle irrigazione goccia goccia(netafim)
Ci sono moltissimi agriturismi dotati di tutto il ben di Dio nei posti più belli della Galilea, con le jacuzzi e con le colazioni prelibate con i migliori formaggi del posto.Molti hanno creato degli hotel,cosi da poter avere una fonte di reddito importante.

 

Storia del mercato di Gerusalemme

L’origine del mercato risale all’epoca ottomana, quando i primi commercianti venivano qui a vendere i loro prodotti. Inizialmente era un semplice spazio vuoto, senza una struttura precisa, canali di scolo o bancarelle e con condizioni igieniche estremamente precarie. Solo in tempi successivi, grazie ai contadini e agli arabi del posto si iniziarono a costruire botteghe vere e proprie.

Alla fine del XIX secolo  iniziò a strutturarsi sopra il terreno comprato da un ebreo sefardita.

Durante il mandato inglese dal 1917 al 1948 intervennero urbanisti ed architetti per creare un progetto di un mercato coperto con mura, cancelli ed archi in stile orientale, ma purtroppo rimase solo sulla carta e ancora per anni si rimase in uno stato di disorganizzazione totale.

Negli anni ’20 iniziano le prime strutture stabili all’interno del mercato che, da quel momento, si chiamerà Mahane Yehuda. Un decennio dopo, si allarga e si aggiungono venti mercanti ebrei in modo stabile provenienti dall’Iraq, infatti una zona mantiene il carattere del paese d’origine.

Solo negli anni 2000 avviene una ristrutturazione massiccia che comporta anche un ammodernamento del posto. Se prima si andava al mercato solo per comprare generi alimentari, ora si va anche per divertirsi, bere, mangiare e fare acquisti.

 

Gerusalemme

La Città Santa per eccellenza ed unica nel suo genere per essere sacra alle tre religioni monoteiste. Dopo Tel Aviv ,di stampo fortemente occidentale, arrivare a Gerusalemme ha avuto un impatto decisamente diverso: finalmente ho percepito di essere in un paese mediorientale. Se a Tel Aviv non si vedono molti religiosi vestiti in modo tradizionale, a Gerusalemme sono quasi la maggioranza, esibendo diversi stili di cappelli e indumenti. La città trasmette un’energia molto particolare sia tra le vie del centro che all’interno della città vecchia, nella quale convivono arabi, ebrei, cristiani, greco ortodossi e armeni. Il turismo religioso è predominante e sono moltissimi i gruppi organizzati provenienti da ogni Paese che vengono a scoprire i luoghi più antichi e sacri della città.

 

I primi abitanti di Tel Aviv

Davanti al porto, ci sono mappe incastonate nell’asfalto che mostrano le distanze e le città d’origine delle comunità che sono arrivate e si sono stabilite a Jaffa.L’esportazione di arance shamuti diventò il principale commercio grazie alla buona qualità degli agrumi coltivati con metodi agricoli tradizionalmente impiegati dagli arabi fino al XIX secolo; anche limoni e mandarini sono stati coltivati ed esportati, sebbene in quanità inferiore.

Il ritrovamento dei rotoli del Mar Morto nel sito di Qumran rappresenta una delle scoperte archeologiche più importanti del XX° secolo!

Ma da chi sarebbero stati scritti? La tradizione attribuisce la scrittura dei rotoli del Mar Morto agli Esseni, una delle principali sette del giudaismo di epoca neotestamentaria, i quali abitarono il luogo per circa due secoli tra la fine del II secolo a.C. e il I secolo d.C., altri, invece, attribuiscono la scrittura di questi rotoli a famiglie sacerdotali che avevano avviato un’opera di copiatura dei testi della biblioteca del Tempio di Gerusalemme prima della sua distruzione nel 70 d.C..

Proprio in alcune di queste cave, tra il 1947 e il 1956, un beduino, alla ricerca di una pecora smarrita, trovò dei vasi di terracotta contenenti dei rotoli, si trattava di antichi manoscritti in ebraico, aramaico e greco. Molti di questi rotoli e frammenti avevano più di 2.000 anni e risalivano a prima della nascita di Gesù.

Successivamente si scoprì che i rotoli, circa 900 documenti, conservatisi per duemila anni grazie al clima arido della zona, contenevano brani del Vecchio Testamento, gli Apocrifi e altri scritti degli Esseni. È possibile anche ammirare alcuni frammenti originali dei rotoli nel Museo d’Israele a Gerusalemme.

 

Hummus, amore mio

Una volta che la comunità di Jaffa crebbe, la popolazione si trasferì in diverse zone, come Neve Tzedek e, infine, il Mercato del Carmel.
Il piatto più famoso di Israele: hummus. Questa crema di ceci è così popolare da diventare uno degli stereotipi del paese ed è ampiamente apprezzata anche dai turisti. Considerando il suo status, il hummus è l’unico alimento in cui viene usato un verbo specifico: לנגב (lenagev) che significa “pulire” (noi possiamo intederlo pure come “spazzolare”. Non si mangia hummus, si spazzola l’hummus!

Neve Tzedek, il primo quartiere ebraico di Tel Aviv costruito al di fuori del vecchio porto di Jaffa dove ebrei Mizrahi e Yemeniti si stabilirono. Ora Neve Tzedek è una delle zone più affascinanti e modaiole della città con un’evidente influenza europea negli stili e nell’architettura.

 

Tel Aviv è una città relativamente nuova, nata solo un secolo fa (fondata l’11 aprile 1909) da una sessantina di famiglie sioniste che si stabilirono inizialmente a nord dell’attuale quartiere di Jaffa quando questo era ancora una distesa di sabbia. La fondazione è molto particolare, poiché le famiglie si incontrarono sulla spiaggia per spartirsi le terre e scrivere i propri nomi su delle conchiglie.

Queste famiglie si dedicavano principalmente all’agricoltura e il loro obiettivo era creare una forte comunità e una nuova idea di “ebreo” in contrasto con gli studenti religiosi provenienti dall’est europeo. Il commercio principale era la coltivazione delle arance che ben presto divenne prodotto di esportazione. La popolazione aumentò con le migrazioni dopo la Prima Guerra Mondiale e, soprattutto, dopo la Seconda Guerra Mondiale e le persecuzioni naziste, espandendosi man mano negli altri quartieri tra cui Neve Tzedek e il quartiere yemenita che si trova vicino all’attuale Carmel Market.

Dopo i conflitti mondiali, nel 1948 si fusero le circoscrizioni di Tel Aviv e Jaffa in un unico agglomerato e fino al 1951 la città era sede del governo e del parlamento israeliano, motivo per cui la maggior parte delle rappresentanze diplomatiche si trova lì.

A seguito delle varie ondate migratorie secondo la Legge del Ritorno dopo la creazione dello Stato di Israele, si mise in atto un preciso piano urbanistico e, ad oggi, Tel Aviv accentra gran parte dell’attività industriale e terziaria del paese, soprattutto nel campo dell’alta tecnologia.

 

Ai tempi di Gesù, era usanza costruire case lungo i pendii delle colline e scavare e sfruttare caverne e grotte, come parti di abitazioni o per impianti produttivi.

È in una di queste realtà che avvenne l’Annunciazione:

Nel sesto mese, l’angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nazareth, a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide, chiamato Giuseppe.
La vergine si chiamava Maria.
Entrando da lei, disse: «Ti saluto, o piena di grazia, il Signore è con te».
A queste parole ella rimase turbata e si domandava che senso avesse un tale saluto.
L’angelo le disse: «Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio. Ecco concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù. Sarà grande e chiamato Figlio dell’Altissimo; il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe e il suo regno non avrà fine».
Allora Maria disse all’angelo: «Come è possibile? Non conosco uomo».
Le rispose l’angelo: «Lo Spirito Santo scenderà su di te, su te stenderà la sua ombra la potenza dell’Altissimo. Colui che nascerà sarà dunque santo e chiamato Figlio di Dio. Vedi: anche Elisabetta, tua parente, nella sua vecchiaia, ha concepito un figlio e questo è il sesto mese per lei, che tutti dicevano sterile: nulla è impossibile a Dio».
Allora Maria disse: «Eccomi, sono la serva del Signore, avvenga di me quello che hai detto».
E l’angelo partì da lei.
Lc  1. 26-38

 

torna su