FRIULI ,I Ponti della Delizia

CavalleriaTrieste-14-16-Laura-Tenebrosi-035310Arch Turismo FVG_Udine - Loggia del LionelloA(22)

In Breve

Viaggio in Friuli nei luoghi della memoria della Grande Guerra

Le Armonie, i Colori & Sapori del Friuli

Terra di romani, longobardi, veneziani, asburgo:

il Friuli Venezia Giulia è uno scrigno di tesori d’arte.

 

“Apprendo con piacere di questa vostra idea di un tour che ripercorra i luoghi del mio romanzo su Caporetto e saluto con calore i miei lettori, che in questo viaggio potranno sicuramente abbinare importanti spunti di arricchimento culturale alla scoperta di splendidi paesaggi. Mi è grato annunciare loro che potranno presto ritrovare alcuni dei personaggi che hanno amato ne “I Ponti della Delizia” nel suo seguito, una sorta di “Vent’anni dopo”, in via di ultimazione.

Cordialmente,

Guido Cervo

Tour ispirato dal libro I Ponti della Delizia..quindi un tour alla ricerca dei luoghi indicati nel libro.Un tour che dovrebbero fare tutti gli italiani…..visto che sono luoghi che hanno segnato la storia d’Italia.

Il Friuli Venezia Giulia è un intreccio fittissimo di arte, che racconta storie particolarissime, da assaporare lentamente, da svelare poco a poco per coglierne i riflessi più magici. In una terra dove si sono incrociati popoli e culture tanti e originali musei da scoprire. Il Friuli Venezia Giulia è ricchissimo di torri e fortezze, castelli e palazzi fortificati. Sulla strada sia in andata che al ritorno passando dal Veneto,non potevamo non visitare 2 capolavori delle Ville del Palladio, Sandi e Manin.

Tutto il Friuli Venezia Giulia però è accomunato da una vicenda storica che ha cambiato le sorti dell’intero mondo: la Grande Guerra. Sull’altopiano carsico italiani ed austro-ungarici dettero vita a dodici battaglie tra il 1915 ed il 1917 in cui centinaia di migliaia di uomini persero la vita o la libertà tra le trincee scavate nella nuda roccia carsica o tra i pendii delle Prealpi Giulie. Meno noti ma comunque drammatici furono anche i diversi combattimenti ad alta quota tra le cime delle Alpi Giulie ed Alpi Carniche e durante la ritirata in seguito alla disfatta di Caporetto. Luoghi come i monti Ermada, San Michele, Calvario e Sabotino furono presto noti  per queste tristi vicende. Gorizia, austro-ungarica prima della guerra, divenne un simbolo per l’opinione pubblica, specialmente quando divenne italiana nell’agosto del 1916. Udine invece venne definita “la capitale della guerra” essendo la città più vicina al fronte. Tutte queste vicende si possono oggi riscoprire grazie ai musei all’aperto e agli itinerari della Grande Guerra, emozionanti passeggiate in mezzo a paesaggi naturali mozzafiato dove si possono rivivere le esperienze e la vita dei soldati. Come quasi un secolo fa, si può camminare lungo le trincee, ammirare le costruzioni militari e visitare i luoghi delle battaglie. Un viaggio affascinante nel passato che non si ferma qui, ma che continua con la visita agli innumerevoli monumenti, sacrari, ossari e cimiteri di guerra dedicati alle vittime di questo gigantesco conflitto. Diverse città e paesi ospitano inoltre interessanti musei, spesso dedicati alla Grande Guerra ed il loro territorio, e forti militari nati per la difesa dei confini all’inizio del XX secolo.

Partenza: 15 giugno - 18 giugno
Durata: 4 giorni 3 notti
Gruppo minimo: 20 persone
Costo per persona: Quota a persona 585 € in camera doppia, Suppl.to Singola 60,00eur
Prenotazioni entro: sino ad esaurimento dei posti disponibili, versando acconto di euro 176,00 euro entro il 10 maggio, saldo entro 1 giugno 2017

Il Programma di Viaggio

1° giorno:  Roma – Udine

Ritrovo dei partecipanti in aereoporto e imbarco volo diretto a Trieste da dove si prosegue in bus privato ad Udine.   Partenza per Cividale con visita guidata, patrimonio UNESCO: qua giunsero nel 568 d. C. i Longobardi e lasciarono un segno indelebile nelle arti, tradizioni e lingua locale. Visita dei principali monumenti, come il Ponte del Diavolo e il Tempietto Longobardo, autentico capolavoro di arte Bizantino – Longobarda.  al termine rientro a Udine e visita guidata della città che fu il quartier generale dell’esercito durante la Prima Guerra Mondiale.  Visita dei principali monumenti: Piazza Libertà, elegante “salotto” delle città, con gli edifici in stile veneziano, Via Mercato Vecchio, con i suoi eleganti negozi, Piazza San Giacomo, luogo di ritrovo preferito degli udinesi, il Duomo, con i capolavori di Gianbattista Tiepolo. Rientro in Hotel, cena e pernottamento.

Arch Turismo FVG_Udine - Loggia del Lionello

giorno: CAPORETTO E IL FIUME ISONZO

Dopo la prima colazione, partenza verso Gorizia, dove si visiterà un altro interessante museo dedicato alla Grande Guerra. Non può mancare una tappa alla Piazza della Transalpina, dove si potrà vedere ciò che rimane del piccolo “muro di Berlino, che divideva la città fra Italia e Slovenia (un tempo Yugoslavia).  Dopo pranzo partenza per Caporetto facendo la strada lungo la valle d’Isonzo. Visita Museo e ossario.

10

giorno: il Fiume tagliamento

Dopo la prima colazione, partenza per Villa Manin che era diventato quartiere generale delle truppe austroungariche dopo la disfatta di Caporetto e lì si incontrarono i generali austroungarici per festeggiare la disfatta. Essa fu fatta costruire da Ludovico I Manin nel Seicento, il quale non badò a spese per celebrare, con questo incredibile capolavoro architettonico, la gloria e il prestigio sociale della sua casata. La villa fu teatro di numerosi eventi storici, il più importante sicuramente vide la firma del Trattato di Campoformido da parte di Napoleone Bonaparte nel 1797. Bellissima la Cappella Manin, con i capolavori scultorei del Torretti. Da visitare le Scuderie con la collezione di carrozze e dell’Armeria. Aperitivo in cantina. Al termine proseguimento per Pordenone, attraversando il Ponte Della Deliza, sul Tagliamento. All’arrivo a Pordenone, pranzo libero e visita guidata della città, l’antica Portus Naonis romana, graziosa cittadina sul fiume Noncello, e passeggiata lungo il Corso, sul quale si affacciano splendidi palazzi affrescati e decorati, una vera e propria pinacoteca all’aperto! Visita del Duomo, dove si potranno ammirare le opere del maggiore pittore friulano, Antonio de Sacchis detto il Pordenone. Visita alla cantina e al museo del vino con relativa degustazione finale di più tipologie di vino con l’accompagnamento di pane, salame nostrano, prosciutto crudo S. Daniele, formaggio Montasio e dolcetti vari.

4° giorno: Trieste

Prima colazione e partenza per Trieste per la visita guidata. Trieste, governata per secoli dagli Asburgo, ha la tipica atmosfera “mitteleuropea”, con i suoi caffè all’aperto, i suoi palazzi in stile neoclassico e la sua cucina. Dalla cima della collina di San Giusto, si potranno ammirare i resti della Basilica civile e la Cattedrale. Pausa caffè (libero) presso un caffè storico letterario, meta di scrittori e intellettuali. Pranzo libero. Nel pomeriggio, visita del Castello di Miramare, residenza di Massimiliano d’Asburgo e Carlotta del Belgio, che qua trascorsero i pochi anni felici della loro vita. Al termine proseguimento per l’aeroporto di Ronchi dei Legionari. Imbarco per volo diretto a Roma  e fine dei servizi.

Itinerario di Viaggio

Informazioni generali

Senti il palpito dell’incrocio di culture e popoli
Qui nel corso dei secoli, si sono avvicendati culture e popoli: questi incroci hanno dato vita a perle d’arte e tradizioni tutte da scoprire.
Trieste è un compendio incredibile di eleganti architetture asburgiche e di caffè storici, con un mare che sembra quasi entrare nella città. Un mare che l’ha resa cosmopolita: sono visibili i segni del culto cattolico, evangelico, valdese, serbo-ortodosso, greco-ortodosso ed ebraico, con un ex ghetto popolato di rigattieri e antiquari.
Udine, invece, incanta con calde osterie e i capolavori pittorici di Giambattista Tiepolo, piazze accoglienti ed eleganti strade su cui si affacciano palazzi in stile veneziano e liberty,
E poi… una miriade di perle d’arte che ti sorprenderà
Lasciati affascinare dalle mille suggestioni delle piccole perle d’arte e borghi tipici del Friuli Venezia Giulia:
Aquileia, la Seconda Roma, con il più vasto ciclo paleocristiano a mosaico d’Occidente
Palmanova, la città-fortezza a nove punte
San Daniele, la piccola Siena del Friuli
Spilimbergo, con la Scuola Mosaicisti del Friuli conosciuta in tutto il mondo
Cividale, sede del primo ducato longobardo d’Italia
Valvasone, con il castello e il borgo medievali
Codroipo, con la Villa Manin, ultima residenza dei dogi di Venezia
Sesto al Reghena, con la sua abbazia gioiello d’architettura medievale     

 

 

E in più : Friuli, paese del vino. Non si può pensare al Friuli senza che la fantasia non girovaghi per le colline del Collio per questo per  per gli amanti del vino  la  proposta  di Sapori e Colori del Friuli, alla scoperta dei favolosi vini Friulani, tra i vigneti e le cantine del Collio e delle altre colline circostanti.,farà gustare tutto il sapore che questa  terra vi può offrire. Ristoranti e trattorie, cantine e sagre tipiche: i mille sapori del Friuli Venezia Giulia ti stupiranno. Piatti tipici e riti culinari coloratissimi: una tale varietà di sapori e aromi la trovi solo in Friuli Venezia Giulia. Qui si sono incrociati popoli, lingue e tradizioni che hanno arricchito anche l’enogastronomia: puoi assaporare influenze mitteleuropee, mediterranee e slave, senza dimenticare la saporita cucina popolare dai piatti semplici e genuini, arricchiti dalle erbe spontanee, preparata in campagna e sui monti.

Quota di partecipazione :

  • 3 notti in hotel 3*** nella zona di Udine.
  • Bus per la durata del tour.
  • Trattamento di mezza pensione con bevande incluse.
  • Guida come da programma.Entrata al Museo di Caporetto e al Castello di Miramare.
  • Assicurazione medico bagaglio.
  • Voli di linea andata e ritorno in classe economica franchigia bagaglio 20 kg Alitalia tasse escluse.

La quota non comprende:

  • Pranzi;
  • ingressi a musei e monumenti;
  • tutto quanto non espressamente indicato in “la quota comprende”
  • Tasse aeroportuali  95,00 €  soggette a riconferma sino ad emissione biglietti aerei
torna su