fbpx
Print Friendly, PDF & Email

COPENAGHEN, LA MAGIA DELL’AVVENTO

In Breve

Copenaghen, città del Natale più autentico

Quattro giorni  nella capitale danese sotto la neve, tra i mercati di delicatessen e design.

Si viene subito a patti con l’atmosfera natalizia di Copenaghen all’arrivo in aeroporto che sembra un centro commerciale a tutti gli effetti, pieno di vetrine luccicanti, decorazioni e addobbi curatissimi in ogni dettaglio. La neve di fuori poi, completa il quadro. Il freddo si fa sentire ma parimenti l’accoglienza dei danesi. Fin troppo abituati alla rigidità del loro clima, i capricci del tempo nella stagione più fredda dell’anno non sono certo un problema. Te ne accorgi dai biondi baldi giovani che camminano per le strade innevate in felpa e con le scarpe da ginnastica, mentre i turisti (me compresa) sfoggiano piumini, cappelli, sciarpe, guanti e scarponi fino ai polpacci. Sotto i fiocchi di neve che si adagiano lievi su ogni superficie che incontrano restituendo spessore perfino all’aria, quasi quasi si finisce per credere nuovamente a Babbo Natale con la sua slitta e le renne, un po’ forse si torna bambini, perché si avverte un senso forte di autenticità persino dietro ogni “gadget” di Natale che spopola, a volte ridondante, in ogni vetrina.

Fortemente vissuto dai danesi il periodo dell’Avvento apre il sipario su tutta una serie di tradizioni che non si limitano al giorno di Natale. Il nome, innanzitutto. Si preferisce mantenere i termini pagani propri delle popolazioni nordiche pre-cristianizzate e, dunque, gli auguri si scambiano così: God Jul, Jule o Gèol. Poi c’è la ghirlanda dell’Avvento, composta da quattro candele che vengono accese una dopo l’altra rispettivamente le quattro domeniche di dicembre fino ad arrivare alla vigilia di Natale che è il giorno vero della grande festa natalizia danese. L’addobbo più tipico è senz’altro l’albero, l’abete da decorare con candele vere che vanno accese con fuoco vero. Insomma, niente elettricità attorno ai focolari del Natale danese, e niente alberi finti. La solidarietà è un tratto marcato di questo periodo e si esplica con un rito che si protrae da ben 107 anni, quello dei francobolli natalizi. Si tratta di veri e propri francobolli a tema da utilizzare per lettere, cartoline, biglietti d’auguri da scambiarsi di persona; vengono emessi da edicole, uffici postali e alcuni negozi e il ricavato viene impiegato per gestire le cosiddette “Case dei francobolli natalizi” dove trovano riparo e sostegno persone in difficoltà. Nell’aria, insomma, c’è odore di buono e non solo grazie alle fragranze dei dolciumi tipici del periodo.

E’ stata eletta la città più vivibile al mondo. Un capitale eco-compatibile, efficiente e ricca di attrazioni. Stiamo parlando della più grande città scandinava: Copenaghen. Il primo messaggio della sensibilità verso l’ambiente di questa città ci arriva ancora prima di atterrare, allorquando intravediamo le decine di turbine eoliche marine che testimoniano la volontà della Danimarca di liberarsi delle fonti fossili.

Copenaghen è la capitale della Danimarca da 600 anni; è una città invitante, quasi priva di grattacieli e composta in gran parte da edifici d’epoca di sei piani. Le guglie delle chiese caratterizzano il profilo della città, reso meno bello solo da un paio di grandi alberghi moderni.

Copenaghen offre attrazioni turistiche e divertimenti per tutti i gusti: amanti dell’antico o del moderno, negozi eleganti e accoglienti caffè: si trova di tutto nel cuore di questa città compatta, caratterizzata dal tipico fascino scandinavo.

Si arriva in centro città in appena 13 minuti grazie al veloce collegamento in treno, per scoprire i “Giardini Tivoli” il parco di divertimenti più vecchio del mondo che sorprende i turisti con uno spettacolo molto suggestivo sull’acqua fatto di luci e suoni.

Brindiamo e beviamo

Alla magnifica, magnifica Copenaghen

Vecchia regina dei mari

Hans Christian Andersen

 

Partenza: 05 Dicembre - 09 Dicembre
Durata: 4 giorni 3 notti
Gruppo minimo: 10
Costo per persona: Quota base in doppia € 495,00 Suppl. Singola € 190,00 Voli a partire da € 175,00 da riconfermare al momento della prenotazione
Prenotazioni entro: versando acconto di € 200,00 e saldo intera quota volo;saldo un mese prima della partenza. Nb.essendo inclusa la polizza contro annullamento al viaggio,che vi garantisce sino al giorno di partenza non avrete NESSUNA PENALE in caso dovreste annullare,consigliamo di non attendere data scadenza adesioni,anche perché tariffa voli potrebbe aumentare.Anzi se prenotate subito,il volo potrebbe costare molto meno.

Il Programma di Viaggio

1° giorno: Italia- Copenaghen(tutti aereoporti italiani)

Copenaghen, città del Natale più autentico - La Stampa

Ritrovo dei partecipanti in aeroporto di Roma e operazioni imbarco.

Arrivo a Copenaghen e trasferimento in hotel con bus riservato e assistente in italiano.
Sistemazione nelle camere.Tempo libero per visitare i mercatini natalizi.

Tra le più piccole capitali europee con i suoi scorci romantici, i caratteristici canali, i grandiosi palazzi reali e le coloratissime case seicentesche, Copenaghen è una città a misura d’uomo davvero incantevole. La Capitale danese è senza dubbio una delle “Capitali del Natale”, una delle città dove la tradizione e l’attesa del Natale è maggiormente sentita. Luminarie, decorazioni e addobbi esaltano ancora di più il suo profilo da cartolina.

Natale a Copenaghen, i luoghi da non mancare per l'alta stagione della hygge [VIDEO] - Turismo Italia News

Si cammina per le strade, specie le più centrali come lo Strøget o l’area dei canali di Nyhavn, letteralmente avvolti dall’olezzo di caramello e cannella. Le mandorle calde croccanti zuccherate vengono vendute dai banchetti per le strade o nei caratteristici mercatini che abbondano in città. Qualche indirizzo: a Nyhavn (fino al 22 dicembre) tra le barche e i caratteristici canali, nell’ex quartiere dei macelli Kødbyen che dal 2009 ha ospitato il suo primo mercatino di Natale a base di delicatessen e design, nel quartiere hippie di Christiania dove si trova il più alternativo mercatino con prodotti unici realizzati a mano, nel parco tematico di Tivoli dove l’immaginario più vivido legato al Natale prende consistenza in maniera molto convincente anche per gli adulti, tra giostre, carillon, bancarelle, personaggi fiabeschi, fate e folletti, Babbo Natale in persona e tante luci a coronare la favola.A proposito di delicatessen, il sapore natalizio danese è decisamente dolce con i biscotti alla vaniglia di Claus Meyer. i Brunkager, biscotti alle spezie e l’ottimo dessert ris à l’amande, un dolce a base di latte, panna montata, vaniglia e  mandorle tritate servito con sciroppo di ciliegie caldo. Ovviamente, come ogni città nordica che si rispetti, il freddo viene contrastato anche con il gusto alcolico di birre a volontà e anche il Natale ha la sua birra. Un ottimo indirizzo dove assaggiarla è il micro birrificio e brasserie Nørrebro Bryghus a Ryesgade 3, all’interno di una ex fabbrica riadattata risalente al 1857. L’unico problema qui è smettere di bere! Ai tavoli ciascun commensale viene servito con almeno 3 bicchieri diversi, e quello per l’acqua non è nemmeno preso in considerazione. Se il buongiorno si vede dal mattino …

 

Cena e pernottamento in hotel

2° giorno: Copenaghen – giardini Tivoli

Prima colazione in hotel
Al mattino visita panoramica di Copenaghen con bus riservato e guida in italiano

Durante la visita panoramica potremo ammirare la famosissima Sirenetta, una piccola statua in bronzo raffigurante la protagonista di una delle più belle fiabe di Andersen; la fontana di Gefion; il Palazzo di Amalienborg, residenza reale e dimora dell’attuale Regina circondato da guardie che indossano i tradizionali cappelli in pelle di orso; il distretto di Indre By con il Castello di Rosenborg, la famosa via pedonale Strøget, il Municipio ed i celebri Giardini di Tivoli; il famoso Nyhavn, suggestivo canale di Copenaghen su cui si affacciano le tipiche case colorate.

Danimarca per tutti: Come superare l'inverno danese senza deprimersi

Pomeriggio visita libera ai giardini di Tivoli.

La magia del periodo natalizio a Copenaghen - TgTourism

 

Il parco divertimenti di Tivoli, una delle attrazioni più popolari della capitale danese durante l’Avvento viene
splendidamente addobbato e decorato con i tipici temi invernali e natalizi e si trasforma in uno dei mercatini più affascinanti.

Cena e pernottamento in hotel

3° giorno: Copenaghen

Prima colazione in hotel
Giornata libera per visitare gli altri mercatini di Copenaghen

copenaghen1
A parte il Parco Tivoli, Copenaghen ospita altri 5 mercatini di Natale per passeggiare all’aperto e curiosare tra le bancarelle alla ricerca di regalini, frittelle di mele, gløgg e altre delizie: Højbro Plads, il mercato più internazionale in stile tedesco. Hans Christian Andersen che si tiene nella centralissima Piazza Nytorv, appena fuori dalla via pedonale Strøget. Julemarked Kongens Nytorv si tiene nell’omonima piazza di fronte allo storico Hotel D’Angleterre. Nyvavn si tiene lungo le banchine con lo sfondo da fiaba dei suoi edifici colorati. Christiania, il più eccentrico, si trova nella famosa freetown hippie.

Cena e pernottamento in hotel

4° giorno: Copenaghen – Italia(tutti aereoporti)

Colazione in hotel.Tempo libero per attività individuali.
Trasferimento per l’aeroporto con bus riservato e assistente in italiano. Fine dei servizi

Itinerario di Viaggio

Informazioni generali

LA QUOTA INCLUDE :

  • 3 pernottamenti in BB presso l’hotel Scandic Copenhagen 4*
  • Trattamento di mezza pensione (3 cene) con menù a tre portate bevande escluse, come da programma
  • Visita panoramica di Copenaghen con bus riservato e guida in italiano
  • Ingresso ai giardini Tivoli
  • Trasferimenti in bus riservato dall’aeroporto all’hotel e viceversa come da programma
  • Assicurazione medico-bagaglio e ANNULLAMENTO AL VIAGGIO

 

LA QUOTA NON INCLUDE :

  • Volo Roma/Copenaghen/Roma  a partire da € 175,00 da riconfermare al momento della prenotazione
  • Bevande durante i pasti,
  • Facchinaggio, Mance, Tutto quanto non espressamente specificato nel riepilogo servizi inclusi
  • Spese personali e tutto quanto non menzionato ne “La quota include”

 

 

torna su