CANDELE A CANDELARA

candelara-logoUrbino-palazzo_e_borgocandele-a-candelara-201123-4500G

In Breve

candelara-logoLa luce che emoziona..
Ogni giorno, durante tre momenti diversi del pomeriggio,
il paesino resterà illuminato solo dalle candele (un’ emozione da vivere).
[Alle ore 17.30, alle 18.30 e alle 19.30 per almeno 15 minuti]
Nell’antico borgo medievale torna la festa dedicata alle fiammelle di cera grazie a tre spegnimenti programmati, il paese s’illumina della sola luce delle candele.
Candelara, l’unico mercatino in Italia dove le candele “spengono” la luce elettrica.
La via dei Presepi, le sculture in ghiaccio, l’officina di Babbo Natale e tante altre novità .

 

Partenza: 03 dicembre - 04 dicembre
Durata: 2 GIORNI 1 NOTTE
Gruppo minimo: 45 Persone
Costo per persona: Euro 170,00 singola 25,00 su disponibilità limitate
Prenotazioni entro: sino ad esaurimento dei posti disponibili,versando acconto di euro 70,00 saldo entro 5 novembre

Il Programma di Viaggio

Sabato Roma Pesaro- Candelara-Pesaro
Ritrovo dei partecipanti in zona da stabilire e partenza per Pesaro. Arrivo del gruppo in hotel e pranzo e sistemazione in hotel. Visita guidata a Candelara, piccolo borgo delle colline pesaresi.Visita durante il percoroso allla pieve di S. Stefano La Pieve (dal latino “Plebes” cioè plebe, popolo) è il centro della vita religiosa di Candelara, ed è dedicata a Santo Stefano protomartire. Ha origini medioevali, tuttavia presenta i caratteri dell’architettura tardo gotica e una particolarissima pianta a croce greca. Come molte chiese antiche gli interni erano quasi completamente affrescati: oggi ne sono visibili alcuni esempi come il Santo Vescovo e San Giovanni Battista e il Matrimonio mistico di Santa Caterina D’Alessandria.Villa Almerici (ora Berloni) Nel 1300-1400 la provincia di Pesaro fu teatro di diverse battaglie tra importanti famiglie locali, i Montefeltro e i Malatesti, per il dominio sul territorio: per questo sorsero molte costruzioni a scopo militare e di difesa, tra cui una torre di avvistamento a Candelara. Con la fine degli scontri la torre fu venduta all’importante famiglia degli Abati Olivieri che ne fece una residenza vacanziera. La villa conobbe il periodo di massimo splendore nel 1700, quando, su commissione dei nuovi proprietari, la famiglia Americi, venne restaurata dal famoso architetto Luigi Vanvitelli al quale si deve l’aggiunta delle strutture laterali che ricordano i bastioni delle rocche quattrocentesche. Nel 1980 venne acquistata dalla famiglia Berloni e completamente risistemata, riarredata e restaurata, così da riportarla ai fasti di metà settecento. Partecipazione a “Candele a Candelara”, manifestazione che ha per protagoniste le candele artigianali ma anche un ricco mercato natalizio. L’evento regala magiche atmosfere grazie alle musiche di fondo e all’animazione di strada, ma soprattutto quando per mezz’ora l’intero paese sarà illuminato unicamente da candele. Rientro in hotel, cena e pernottamento.

Urbino-palazzo_e_borgoDomenica Pesaro-Urbino-Roma
Dopo colazione,partenza per la  visita guidata di Urbino città Rinascimentale, patrimonio dell’Unesco.
Visita degli esterni e interni del Palazzo Ducale, il borgo medievale, con possibilità di visita all’Oratorio di San Giovanni e all’Oratorio di San Giuseppe. Pranzo in ristorante con specialità tipiche marchigiane.
Tempo libero a disposizione per visitare “Le vie dei presepi”. Al termine partenza per il rientro e Roma , previsto a fine serata. Fine ns servizi.

Informazioni generali

Perché Candele a Candelara? Alcuni cenni storici
Secondo lo storico Luigi Michelini Tocci il toponimo di Candelara – dal latino Candelaria – è da ricercarsi ad una fonte di luce, ad un fuoco, ad un faro. Mentre gli studiosi locali, raccogliendo comunicazioni orali tramandatesi nei secoli, indicano la leggenda secondo cui un signore di Pesaro, volendo costruire un castello in questa zona, fece accendere tre candele in tre posti diversi del borgo. Nel luogo in cui non si fosse spenta, egli avrebbe poi costruito il suo castello. La candela che non si spense fu quella posta ad ovest della Pieve. Questo luogo infatti è il più riparato dai venti. Qui sorse il castello, ed attorno la borgata. Il nome di Candelara, dunque deriva dalle sunnominate candele che sono diventate dagli inizi di due secoli fa lo stemma del paese.

Candele a Candelara, l’unico mercatino natalizio italiano dedicato alle candele, si apre all’Europa.
Da quest’anno nelle vie del suggestivo borgo medievale sulle colline di Pesaro saranno in esposizione candele prodotte in Norvegia, Cecoslovacchia e in Croazia.
Si tratta di prodotti artigianali che andranno ad arricchire la ricca e suggestiva vetrina di candele e oggettistica da regalo prodotta in Italia. La rassegna, proporrà anche quest’anno una sterminata varietà di candele. A Candelara – che deve il suo nome proprio a questo suggestivo e prezioso strumento di illuminazione, troveranno posto candele ornamentali, da arredamento, artistiche, sacre che ci ricollegano comunque alla spiritualità del Natale.
Sarà un’esposizione rischiarata della suggestiva bellezza di candele di ogni foggia, colore e dimensione e riscaldata dal calore di mille fiammelle accese. Non basta. Le vie del borgo di Candelara saranno inondate da essenze profumate che nell’occasione proporranno le protagoniste di una due giorni all’insegna del gusto, della festa e della semplicità. Ci saranno ad esempio le candele botaniche oppure quelle essenze profumate: alla cannella, al cedro, alla vaniglia, al muschio, al pino, alla violetta di Parma. Artigiani e hobbysti della cera proporranno dal vivo il loro prezioso e antico lavoro. Ma il momento clou della tre giorni di Candelara, sarà lo spengimento dell’illuminazione pubblica: per più di mezz’ora l’antico borgo sarà rischiarato solo dalla luce naturale delle candele, cosicchè sulla collina tra Rondello e il Trebbio della Sconfitta tutto brillerà grazie a mille fiammelle accese.
Il mercatino natalizio di Candelara, proporrà inoltre anche oggettistica di alto livello artigianale e artistica legata al Natale (addobbi per la casa, creazioni in vetro, ceramica, legno, statuine per il presepe, composizioni di fiori secchi). Cinquanta graziose casette tipiche natalizie costruite in legno d’abete saranno poste lungo le vie del paese con all’interno tante idee regalo. Durante la festa si esibiranno artisti di strada (giullari, pifferai e suonatori di cornamusa) e musicisti provenienti da ogni parte d’Italia.
Per le vie del paese sfilerà la banda di Babbo Natale preceduta da una slitta carica di doni. Nella giornata d’apertura e in quella di chiusura saranno liberati migliaia di palloncini contenenti richieste di doni e messaggi di pace dei bambini che parteciperanno ala festa per i quali è stata allestita un’apposita area. Anche quest’anno sarà replicato il presepe vivente.
Ma Candelara sarà per tre giorni anche la capitale dei sapori. Degustazioni e assaggi con specialità di stagione renderanno la visita ancor più caratteristica. Vino novello, vin brulè e caldarroste, frittelle di mele, polenta con il vin cotto, piadina, stoccafisso, olive fritte e tanti altri invitanti piatti della tradizione.

Per capire di che si tratta,anche il TG1 ha dedicato un programma clikkare qui sotto

www.youtube.com/watch?v=4HDZr4TCDb0

LA QUOTA INCLUDE:

Viaggio A/R in bus privato – sistemazione in buon hotel 3* a Pesaro in camera doppia con servizi privati;
Trattamento di  pensione completa  in hotel (pranzo e cena e  colazione a buffet)
n. 1 pranzo tipico in ristorante a Urbino o dintorni;
Bevande sempre incluse ai pasti nella misura di ½ minerale e ¼ di vino a persona;
Servizio di visita guidata a Urbino
Polizza assistenza medica.IVA

LA QUOTA NON INCLUDE:

Mance, extra in genere e tutto quanto non espressamente indicato alla voce “La quota include”.Eventuali tasse di soggiorno da corrispondere in loco.Ingressi ove previsti.Biglietto ingresso a Candelara euro 2.50 da pagare in loco.tassa di soggiorno: € 1,30 a persona al giorno da pagare in loco giorno di partenza

 

torna su