BULGARIA FESTIVAL DELLE ROSE

OLYMPUS DIGITAL CAMERAOLYMPUS DIGITAL CAMERAOLYMPUS DIGITAL CAMERAOLYMPUS DIGITAL CAMERAOLYMPUS DIGITAL CAMERAVeliko_Tarnovo_above_the_Yantra_River_Bulgaria56_1300sofia2IMG_5780festa-delle-roseroseil-castello-bianco-di-stalagmitiValle-delle-RoseOLYMPUS DIGITAL CAMERAOLYMPUS DIGITAL CAMERAOLYMPUS DIGITAL CAMERAOLYMPUS DIGITAL CAMERAOLYMPUS DIGITAL CAMERAOLYMPUS DIGITAL CAMERAOLYMPUS DIGITAL CAMERAOLYMPUS DIGITAL CAMERAOLYMPUS DIGITAL CAMERAOLYMPUS DIGITAL CAMERA1 Santa SofiaMaliovitsa_54072Shipka_Memorial_Church_Bulgaria_19Fortress_at_Veliko_TarnovoOLYMPUS DIGITAL CAMERARila-monastery-imagesfrombulgariaSofia_Collage_TB

In Breve

Alla scoperta di una terra dalle mille sorprese….

Viaggiare vuol dire conoscere ed arricchire il proprio spirito… Vi  proponiamo diversi itinerari per poter dare giusto risalto alle bellezze e caratteristiche di questa magnifica terra… Sono tour esclusivi, creati con  il cuore e la passione di chi  conosce perfettamente il territorio…

Viaggerete attraverso paesaggi e scenari unici che fanno da cornice ad un insolito e ricco  patrimonio culturale (9partimonio unesco) che ci porteranno da verdissime montagne a spiagge bianchissime…

Ripercorrere la storia di questa parte d’Europa fin da tempi molto antichi, ed allo stesso tempo ammirare panorami capaci di mostrare una natura ancora in molta sua parte incontaminata.

Sofia capitale della Bulgaria, deve il suo nome alla chiesa di Santa Sofia  dove si tenne il concilio nel 343 d.C. Un aspetto importante da sottolineare, perché fonte di molti equivoci, è il fatto che la chiesa di Santa Sofia nella capitale bulgara, come l’omonima ad Istanbul (anche conosciute come Hagia Sophia) NON sono dedicate alla santa cristiana S.Sofia martire romana del II sec, ma alla “divina saggezza” di Dio. Quindi la martire cristiana non ha nulla a che vedere con la capitale bulgara.
Cosa che però non preoccupò gli attenti amministratori della città il decennio scorso, quando hanno deciso di costruire sul luogo dove sorgeva la vecchia statua di Lenin una nuova magnificente statua dedicata alla Santa Sofia martire cristiana nell’intento di celebrare le nobili origini della città. Furono prontamente avvisati da tutta la comunità intellettuale locale dell’imbarazzante errore, ma inspiegabilmente non vollero assolutamente sentire ragioni e andarono avanti col loro progetto, fino a realizzare questo “capolavoro” La statua abbonda di simboli … quasi tutti sbagliati!!! La corona turrita fa parte dell’iconografia classica, ma il gufo e la corona di alloro sulle braccia sono invece simboli pagani, cioè esattamente ciò che la santa martire e le figlie si rifiutarono di adottare non rinunciando alla loro fede cristiana, atto che pagarono con la vita. Io aggiungerei anche che ricorda molto più una ballerina dei locali night club piuttosto che una santa cristiana, ma a questo punto è un dettaglio minore se comparato con l’incredibile errore di aver dedicato il simbolo della città alla persona sbagliata!

Secondo stime del 2011, la Bulgaria presenta sette siti dichiarati Patrimonio dell’umanità UNESCO, il che significa che si tratta di un’eccellente destinazione se hai intenzione di praticare del turismo culturale.

I primi luoghi ad essere inseriti nella lista dell’UNESCO (nel 1979) sono stati la Chiesa di Boyana – i cui affreschi sono fra i meglio conservati per quanto riguarda l’arte medievale dell’Europa dell’Est -, il “Cavaliere di Madara” – un enorme rilievo medievale intagliato su una roccia a 23 metri da terra -, le chiese scavate nella roccia di Ivanovo e la Tomba Tracia di Kazanlâk – una sepoltura ricca di affreschi ottimamente preservati rinvenuti in un’antica necropoli tracia.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Nel 1983, si aggiunsero l’Antica Città di Nesebar e il monastero più grande e più famoso della Chiesa Ortodossa dell’Est in Bulgaria, cioè il Monastero di Rila.

Nel 1985, venne introdotta nella lista anche la Tomba Tracia di Sveshtari che è caratterizzata da cariatidi – colonne dalla forma umana – uniche dal momento che vennero realizzate con fattezze per metà umane e per metà piante.

 

 

Felicità 

Nel fondo di questa notte
la tenebra mi potrebbe soffocare
se accanto a me non ci fosse lui
finestra aperta, illuminata
da cui prendere il respiro.

Blaga Dimitrova (poeta Bulgara)

Partenza: 30 maggio - 05 giugno
Durata: 7 giorni 6 notti
Gruppo minimo: 10 persone
Costo per persona: € 1090,00 - sup. singola € 100,00(su richiesta limitate alla disponibilità)
Prenotazioni entro: sino ad esaurimento dei posti disponibili versando acconto euro 150.00 saldo un mese prima della partenza.

Il Programma di Viaggio

1°giorno: Roma  Sofia

Imbarco sul volo dall’Italia con destinazione Sofia.
Arrivo aeroporto Sofia e trasferimento in Hotel Ramada 4* o similare; cena di benvenuto e pernottamento

2°giorno: Sofia-Monastero di Rila

IMG_5780

Dopo colazione visita si Sofia , una città con una storia di 8500 anni chiamata ” La mia Roma” dall’Imperatore Costantino il Grande partendo da siti storici a partire da Piazza San Nedelya dove si trovano La Chiesa ortodossa di S. Nedelya, la Moschea e la Sinagoga che formano il “Triangolo della Tolleranza “ a simboleggiare la pace tra le diverse religioni in Bulgaria , la piazza Alessandro I in cui si trovano il Palazzo Reale e il Teatro Nazionale, “Tzar Osvoboditel” boulevard, il Parlamento, la Chiesa di “San Sofia “(il nome significa saggezza), da cui deriva il nome della città, l’Università di Sofia e la” Alexander “cattedrale
Nevski (il più grande tempio ortodosso della penisola balcanica). Partenza per Rila. Questo monastero, fondato nel X secolo da San Giovanni di Rila, è decisamente il luogo spirituale di maggiore importanza per il popolo bulgaro, simbolo e rifugio durante i periodi più bui della storia di questo popolo oggi meta di pellegrinaggio da tutta la nazione; ogni uomo o donna di Bulgaria deve recarsi qui almeno una volta nella vita ed è realmente palpabile la loro emozione nell’entrare in questo luogo. Il monastero è un vero gioiello, perfettamente conservato ed incastonato in una cornice di montagne che lo rendono ancora
più affascinante e suggestivo; la visita include la chiesa interna al monastero ed il museo, dove meglio comprendere la sua lunga storia. Il monastero di Rila è molto probabilmente la più alta espressione architettonica ed artistica di questo tipo di edifici in tutta la Bulgaria, inserito inoltre in un paesaggio veramente affascinante. In questa escursione si può vedere la splendida e ritenuta miracolosa Icona della Vergine Maria, la cucina del monastero, il suo museo che ne racconta la lunghissima ed eroica storia, la Torre di Hrelyu, la sua particolare architettura ed i suoi unici quanto bellissimi affreschi; inoltre si ha la possibilità di far spaziare lo sguardo da alcuni punti di vista privilegiati sul panorama circostante. Nel museo del Monastero potrete ammirare una ricca collezione di icone, dipinti su muri e libri antichi. Rientro a Sofia , cena e pernottamento

3° giorno Arbanassi – Scuola di cucina – Veliko Turnovo

sofia2

Dopo colazione partenza per il villaggio di Arbanassi. Il paese è famoso per le sue antiche, chiese riccamente decorate e la magnifica architettura. E’ stata la residenza estiva dei re bulgari. Qui assisterete alla preparazione dei due pasti più importanti della cucina bulgara - banitsa e yogurt. Il primo (banitsa) è un tipo di pasta filo, un alimento tradizionale, che è un simbolo della cucina bulgara e delle sue tradizioni. Il secondo – lo yogurt, è ampiamente utilizzato dai locali nella cucina quotidiana, ed il bacillo si produce in Bulgaria. Alcune persone, anche nelle città più grandi, ancora fare a casa da soli. Seguirà pranzo
con prodotti tipici . Dopo pranzo visita a Veliko Turnovo capitale del secondo regno bulgaro con la storica collina di Tsarevets e la sua fortezza, la chiesa Patriarcale, il Palazzo Reale e la torre dell’imperatore Bolduin. E’ una delle più antiche città della Bulgaria , considerato che i primi segni lasciati dall’uomo in queste terre risalgono a 3000 anni a.C. Giro panoramico della città, passeggiate lungo la antica via dei commerci – “Samovodska charshia”. Sistemazione Hotel Yantra 4* o similare e pernottamento

4°giorno  Etara – Kazanlak – Valle delle Rose – Plovdiv

festa-delle-rose

Dopo colazione partenza per Etara originale museo all’aria aperta che ricrea il modo di vivere del popolo bulgaro nel IXX secolo. Si tratta di una delle più visitate attrazioni turistiche del paese. Si trovano ovunque artigiani mentre lavorano oro,
argento, rame, cuoio e articoli di legno tra le strade contornate da case dall‘architettura unica .Il complesso è stato inaugurato il 7 settembre 1964 e proclamato un parco nazionale nel 1967, così come un monumento della cultura nel 1971.Trasferimento a Kazanlak , capitale della Valle delle Rose , dove si visiterà il Museo Storico , che ospita la collezione di bronzo e tesori in oro, come pure la replica di Tracia Kazanlak Tomba, risalente al 4 ° dc. E ‘elencato nel mondo patrimonio naturale e storico dell’UNESCO . Visita ad una distilleria di lio di rosa dove si scoprirà il processo di estrazione per prezioso e pregiatissimo
olio . Ci si immergerà nei profumi e colori andando a raccogliere con le persone locali il prezioso petalo nei campi privati della distilleria rigorosamente amano….come tradizione impone . Seguirà intrattenimento folkloristico privato e degustazione prodotti a base di olio come le gustosissime marmellate e grappe . Arrivo in serata a Plovdiv , capitale cultura 2019 ,sistemazione Hotel Trimontium 4* o similare Degustazione vini in casa tipica , cena e pernottamento

Valle-delle-Rose

5° giorno  Plovdiv – Bachkovo – Plovdiv

Dopo colazione visita della città Luciano il greco definì Plovdiv “la più grande e bella città” in Tracia, attualmente si potrebbe dire in Bulgaria, quanto meno per la bellezza. In realtà è oggi la seconda in ordine di grandezza e conserva un patrimonio storico e culturale di primaria importanza; qui vissero e si combatterono Traci, Macedoni, Greci, Romani, Bizantini e Ottomani, per arrivare all’epoca del rinascimento bulgaro, la quale anch’essa ha lasciato molti ed evidenti segni Plovdiv, che un tempo si chiamava Philipopolis, è una delle città più antiche d’Europa; i popoli che la abitarono sono molti: i Traci, i Romani, i Goti, gli Slavi e gli Ottomani. Le tracce lasciate da ognuno di questi popoli ha reso Plovidv un vero e proprio museo a cielo aperto! Si trovano quindi esempi di edifici che ripercorrono quasi l’intera storia d’Europa e passeggiare tra le rovine ed i monumenti è un vero e proprio viaggio nel tempo .Nel pomeriggio trasferimento al Monastero di Bachkovo. Fondato nel 11-esimo secolo da due fratelli georgiani, questo è il secondo più grande monastero bulgaro dopo il monastero di Rila. Ci sono preziosi affreschi di soggetto biblici dal 16-esimo secolo nel monastero. L’Icona della Vergine Maria, patrona del monastero, è considerata miracolosa .Il piano inferiore della chiesa dei Santi Arcangeli Michele e Gabriele e la chiesa di San Nicola sono dipinti dal noto pittore bulgaro dei XIX sec. Zahari Zograph. Gli affreschi di soggetti biblici sono eccellenti campioni dell’arte risorgimentale bulgara. Di particolare interesse è la composizione “Il giudizio universale”. Rientro a Plovdiv , cena e pernottamento

6° giorno  Plovdiv – Starosel – Koprivitsha – Sofia

Dopo colazione Partenza di Starosel. La regione era abitata da tribù trace, guidati da potenti sovrani. Visita del più grande complesso reale e cultotracio con mausoleo (tomba-heroon), scoperto finora in Bulgaria risalente al V sec. A.C.
Trasferimento a Panagyurishte una vecchia città del periodo del Rinascimento bulgaro. Visita del complesso etnografico e il suo Museo storico, dove si potrà ammirare il suo Tesoro : è uno dei massimi esempi di oreficeria tracia e probabilmente venne sepolto all’arrivo dei Celti, nei primi decenni del III secolo a.C. La lavorazione è una combinazione di stile greco e tracio, e fu molto probabilmente una commissione, in quanto i Greci non facevano uso di rhyta con simili caratteristiche, bensì i Trac
Tutti gli oggetti sono riccamente e sapientemente decorati con scene mitologiche degli antichi traci, i costumi e la vita. È datata dal 4-3 ° secolo aC, e si pensa che si utilizzassero come set per cerimoniale reale da parte del re della Tracia Seute III. Come uno dei più noti manufatti superstiti della cultura tracia, il tesoro è stato visualizzato in vari musei di tutto il mondo , recentemente e’ stato esposto al Louvre. Trasferimento a Koprivshtitsa , un piccolo paese situato in una pittoresca valle
tra le montagne nella parte centrale della Bulgaria. Città con un spirito particolare , ora trasformato in un museo dove si può sentire l’atmosfera unica del periodo di rinascenza in Bulgaria. Stupende e originali case del 19 ° secolo, dimore di alcuni dei bulgari più eminenti scrittori – il Dimcho Debelyanov e Luben Karavelov, i ribelli contro i turchi – Georgi Benkovski e Todor Kableshkov. Valori etnografici in circolazione possono essere visti insieme a significativi monumenti storici: architettura specifica, mobili originali, armi antiche, costumi nazionali, artigianato tradizionale, gioielli preziosi19 ° c. Il piccolo paese di montagna ha giocato un ruolo significativo nella crescita nazionale del popolo bulgaro sotto il dominio ottomano e qui nel 1876 la rivolta di aprile contro i Turchi scoppiò. I cittadini ricchi in quel momento sono stati coinvolti nell’ artigianato nel commercio e per costruire belle case dalle facciate colorate, nascoste dietro alte mura di pietra e le porte in legno pesanti.
Arrivo a Sofia ,cena e pernottamento

il-castello-bianco-di-stalagmiti

7° giorno Sofia – Museo di storia nazionale – Chiesa di Boiana – Roma

Dopo colazione tempo libero . Nel primo pomeriggio visita al Museo di Storia Nazionale che raccoglie 650,000 oggetti che aiutano a ripercorrere la lunghissima storia di questa terra, dalla Preistoria fino al periodo del Rinascimento Bulgaro; il museo è stato recentemente spostato nella bellissima residenza dei presidenti di Bulgaria ai piedi del monte Vitosha.
Successivamente visiteremo la vicinissima e famosissima Chiesa di Boiana, simbolo del medioevo bulgaro, costruita nel 1259 e perfettamente conservata, oggi patrimonio mondiale UNESCO grazie ai suoi affreschi ritenuti i più importanti di questa epoca in tutta la penisola balcanica. La chiesa è nota per conservare al suo interno affreschi antichi di quasi otto secoli. Le immagini sono particolarmente belle ed espresse, giunte ai giorni nostri ben conservate e protette. Si nota la particolare espressività delle figure rappresentate, santi e martiri, re e regine. In totale, nelle pareti della chiesa sono rappresentate 240 immagini, opera di un artista il cui nome è stato scoperto solo di recente: Zograph Vassilii, del villaggio di Subonosha. Si ammirino in particolare la rappresentazione nota come ‘il miracolo del mare’, che richiama alla flotta veneziana, così come l’affresco raffigurante Costantino I di Bulgaria e Irene di Nicea
Trasferimento in aeroporto e partenza

Itinerario di Viaggio


Visualizzazione ingrandita della mappa

Informazioni generali

Come un quadro pieno di colori ed odori si presenta la Valle dei Re Traci durante la fioritura delle rose ed  è proprio qui che per secoli e tutt’oggi si produce il famoso olio di rosa, molto utilizzato nella produzione di profumi e di molti altri prodotti tipici della Bulgaria.Un sensazionale tour che vi fara’ conoscere questo magnifico paese sia attraverso i suoi patrimoni mondiali dell’unesco ,  attraverso incredibili paesaggi e tradizioni

La qualità della ROSA BULGARA è una fra le migliori al mondo. Grazie alla sua fama, il paese è soprannominato “Il paese delle rose”. La Valle delle Rose è situata nel centro della Bulgaria ed ha una storia di coltivazione di più di 350 anni. I terreni sono ancora incontaminati e c’è un particolare microclima che rinforza le piante di anno in anno. Essendo una varietà antica, ogni rosa ha 30 petali e pesa 5 grammi. Secondo la tradizione, la raccolta dei petali avviene il mattino presto, ancora oggi, esclusivamente a mano. Si può descrivere il profumo inebriante delle rose nei mesi di maggio-giugno, durante la fioritura, come un vero risveglio dei sensi. La rosa è simbolo di amore, passione e bellezza. Il profumo di rosa dona euforia, felicità all’olfatto e influisce positivamente sugli stati ormonali come afrodisiaco naturale. Inoltre, le sostanze contenute nei petali aprono e rafforzano il cuore, rilassano l`anima, attivano la disposizione per tenerezza e amore, danno gioia e favoriscono l’autostima. La leggenda racconta che nei secoli scorsi le donne bulgare ogni venerdì (il giorno di Venere, la dea della bellezza) consumavano solo prodotti a base di rosa per dedicarsi consapevolmente alla propria bellezza in modo naturale!

La quota comprende:
-Volo dall’Italia a/r per Sofia.
-Sistemazione in hotels 4*
-Trattamento di pensione completa: dalla cena del primo giorno alla colazione dell’ultimo giorno.
-Ingressi
-Pacchetto festival delle rose.
-Guida parlante italiano
-Trasferimenti da e per l’aeroporto.

La quota non comprende:
-Tasse aeroportuali € 140,00  soggette  a modifica al momento della prenotazione.
-Bevande
-Mance ed extra di carattere personale
-Tutto quanto non espressamente indicato sotto la voce “la quota comprende”.

torna su