BIRMANIA

pindaya11photo-811bago-kyat-khat-wine-800x600l_birmania-la-roccia-doro-che-non-cade-per-un-pelo???????????????????????????????birmania-07-800x600lago-inle-20131130-7901lago-inle-20131201-8110myanmar-package-tour_highlights-of-myanmar-d-3-mahagandayon-monasteryshwenandaw-monastery_7761317_mhorse-cart-baganballoons-baganyangon_mingaladon

In Breve

01 ottobre 2017  –  30 aprile 2018

QUESTO TOUR OFFRE: PRE-TOUR ESTENSIONE  A “LA ROCCIA D’ORO” e post-TOUR estensione a PINDAYA

Partenza: 01 ottobre - 30 aprile
Durata: 10 giorni 9 notti
Gruppo minimo: in aggiornamento
Costo per persona: su richiesta
Prenotazioni entro: su richiesta

Il Programma di Viaggio

1° giorno: YANGON 

yangon_mingaladon

La grande pagoda Shwedagon e’ chiamata anche “la montagna d’oro”, di quasi 100 m d’altezza, coperta da 2 tonnellate d’oro, si erge su un colle di 60 m. visibile da tutta la città, e l’ombrello alla sua sommita’ e’ ricoperto da migliaia di pietre preziose. Nel 1920 Somerset Maugham la descriveva così: “La Shwedagon si erge superba, luccicante nel suo oro, come una improvvisa speranza nella notte scura dell’ anima”.

Arrivo all’aeroporto internazionale di Yangon – trasferimento  in hotel (pranzo libero) – tour di Yangon: venne fondata nel 1755 ed è una delle piu’ affascinanti citta’ asiatiche. Fino al 2006 Yangon era anche la capitale del Paese, prima che questa venisse spostata ufficialmente in una città costruita dal nulla centinaia di chilometri più a nord e in mezzo alla giungla tropicale, Naypyidaw. Rimane comunque uno dei centri commerciali più importanti. Gran parte delle esportazioni e delle importazioni passano attraverso il porto di Thilawa, il più grande e trafficato della Birmania. La citta’ ha 6 milioni di abitanti di etnie birmane diverse che convivono pacificamente insieme a indiani e cinesi, ed e’ un affascinante misto di costruzioni di diversi stili: inglese del periodo vittoriano, cinese, birmano, indiano… bagnata da fiumi e con 2 laghi, parchi ombrosi e viali alberati dai quali svettano i pinnacoli delle numerose pagode  disseminate ovunque. La popolazione birmana veste il tradizionale “Longji” (sarong) e le donne usano abbellirsi il viso con una crema biancastra, la “tanaka”, di origine vegetale. La Strand Road, la via principale, costeggia il fiume Irrawaddy, che attraversa la città e la frenetica zona portuale fulcro del commercio e comunicazione. Il tour che vi portera’in giro per questa affascinante citta’,  include: il gigantesco Buddha sdraiato e la pagoda Shwedagon. Una  miriade di piccole pagode, templi, reliquari, padiglioni e statue, fanno da cornice al possente stupa centrale che si innalza per quasi cento metri, interamente ricoperto da lamine d’oro, ed impreziosito di gemme e diamanti nell’ombrello sulla cima. Cocktail in cima a terrazza panoramic da cui godere un fantastico panorama. La giornata si conclude con una cena in ristorante tipico per assaggiare le specialita’ locali. Pernottamento a Yangon.

2° giorno: BAGO (CAMPO ELEFANTI) – KYAIKTHYIO – la Roccia d oro

l_birmania-la-roccia-doro-che-non-cade-per-un-pelo

Prima colazione. Di primo mattino partenza con mezzo privato  per la visita di Kyaikthyio, la “Roccia d’oro”, a circa 180 km da Yangon (4 ore di strada), un monte ritenuto sacro che ha un grosso masso coperto di sfoglie d’oro situato prodigiosamente in equilibrio sul bordo di una roccia.  Sulla cima del masso e’ adagiata una piccola pagoda dorata che contiene una reliquia del Buddha. Prima tappa a Bago, al campo degli elefanti di Winga Baw. Quindi pranzo in ristorante locale.  Arrivo a Kyaktyio. Per salire si prendono dei camion alla base del monte Kyaikhtyio, adibiti al trasporto dei pellegrini, che arrancano sulla tortuosa ascesa, per un avventurosa salita lungo i tornanti per circa 20 minuti. Visita della Roccia d’oro. Si vedono i pellegrini ed i monaci accampati intorno al luogo sacro e tanti turisti locali.La magia ed il misticismo pervadono l’ aria insieme al fumo delle candele votive. Un esperienza davvero unica!! Cena e pernottamento in hotel sul monte.

3° giorno: KYAIKTHYIO – BAGO – YANGON

photo-811

Prima colazione. Discesa del monte. Partenza con mezzo privato verso Yangon e visita dell’antica capitale Bago (l’antica Pegu).  Pranzo in ristorante locale a Bago. Visita del Buddha sdraiato gigante, “Shwethalyaung” lungo 55 m e alto 16. Sulla via del ritorno si sostera’ per una foto alla pagoda Kyaik Pun, con 4 Buddha giganti alti 30 m seduti schiena a schiena, e al tempio “nat” per la protezione dei guidatori. Trasferimento in hotel, cena e pernottamento.

Se in tempo si prende il treno da Bago per tornare a Yangon (da decidere con la guida), in questo caso rientro poi in taxi locale in hotel

4° giorno: BAGAN - MANDALAY (overland)  

(OPTIONAL: VOLO IN MONGOLFIERA SU BAGAN USD 300 P.P.)

balloons-bagan

Capitale dal 1857 al 1885, è oggi un importante centro culturale, religioso e commerciale del Myanmar centrale. Qui si alternarono le capitali birmane dopo la caduta di Bagan, fino alla sua caduta durante la dominazione inglese e la fuga avventurosa dell’ultimo Re birmano in India. Varie costruzioni nella citta’ e nei dintorni, testimoniano gli antichi splendori dell’ultimo regno birmano.Dopo la prima colazione, partenza per Mandalay attraversando i paesaggi del Centro Birmania: si vedono le coltivazioni, i villaggi, e la vita rurale. Arrivo a Mandalay dopo circa 4 ore.  L’ultima capitale del regno birmano, prima che l’occupazione britannica ne decretasse la fine, mandando in esilio lo sfortunato re Thibaw, è oggi la seconda città del Paese con una popolazione che si aggira intorno al milione. Seconda colazione in ristorante locale e nel pomeriggio inizia la visita a questa citta’ ricca di storia, che prevede una sosta ai laboratori artigiani delle marionette e degli arazzi, la visita al monastero Shwenandaw, con splendidi intarsi di legno, meraviglioso esempio di arte tradizionale birmana, unico superstite degli edifici del Palazzo Reale andati completamente distrutti durante la seconda guerra mondiale. Quindi la Kuthodaw Paya, che fu il risultato di un grande sinodo di 2400 monaci, chiamati da re Mindon nel 1857 per stabilire il canone definitivo del testo originale più antico dei 15 libri sacri che tramandavano gli insegnamenti del Buddha. Il testo fu scolpito in lingua pali su 729 lastre di marmo. Si è calcolato che per leggere tutto il “libro” una persona impiegherebbe almeno otto ore al giorno per 450 giorni. Si prosegue per la vista panoramica su tutta la citta’ dalla collina di Mandalay. Dopo una giornata di scoperte e di panorami interessanti , rientro per  cena e pernottamento in hotel a Mandalay.

5° giorno: MANDALAY – MINGUN – MANDALAY, LA PROCESSIONE DI MILLE MONACI

shwenandaw-monastery_7761317_m

myanmar-package-tour_highlights-of-myanmar-d-3-mahagandayon-monastery

Dopo la prima colazione inizia subito la visita dell’affascinante Amarapura, antica capitale, il monastero Mahagandayon dove si assiste alla processione e al silenzioso pasto comunitario di circa mille monaci, un attivita’ quotidiana  della vita buddhista birmana, che vi lascera’ emozionati, quindi una passeggiata sul  ponte U Bein, il piu’ lungo ponte tutto in tek del mondo. Si ammira, da punto panoramico, il magnifico panorama delle colline di Sagaing, costellate di templi e pagode. Si prosegue per il quartiere dove lavorano il marmo, dove si visita l’ importante pagoda Mahamuni con la grande statua del Buddha seduto proveniente dall’Arakhan, ricoperta di sfoglie d’oro votive. Passeggiata nel mercatino variopinto. Pranzo in ristorante locale.Trasferimento al molo. Escursione in barca locale a Mingun, antica citta’ reale. Lungo le rive del fiume si osservano panorami e scene della vita fluviale. Visita alla zona archeologica di Mingun che include l’immensa pagoda incompiuta, la campana piu’ grande del mondo, dal peso di 90 tonnellate, e la pagoda Myatheindan, costruita con particolari spire bianche, simboleggianti monti mitologici. Se possibile si useranno i tuk tuk locali . Rientro a Mandalay. Cena in ristorante locale. Pernottamento a Mandalay.

6° giorno: LAGO INLE – NELLO STATO SHAN   

lago-inle-20131201-8110

lago-inle-20131130-7901

Il lago Inle e’ uno specchio d’acqua poco profondo, di una ventina di chilometri di lunghezza e una decina nel suo punto piu largo. E’ limpido, e di particolare suggestione a causa di diversi fattori ambientali, la serenità della gente e la soavità dei panorami. In questo luogo eccezionale gli 80.000 abitanti dell’etnia degli Intha che vuol dire “Figli dell’Acqua”, vivono, lavorano, studiano, pregano: tutto sull’acqua!

Trasferimento in aeroporto e breve volo da Mandalay per Heho, nello stato Shan, ai confini con la Thailandia, detto la “Svizzera birmana” per i bei paesaggi montani. Arrivo e proseguimento per il lago Inle attraverso percorso panoramico, arrivo in circa 1 ora. Ci si imbarca su motolance e inizia subito il Tour del lago Inle, con seconda colazione in ristorante : il lago e’ molto bello ed estremamente pittoresco! Qui a bordo della vostra motolancia incontrerete un mondo a se’, di una popolazione unica, quella degli Intha, che abita  sulle acque del lago,  e dal lago trae vita. Si vedono  i pescatori che remano con la gamba e pescano con una speciale nassa conica,  i giardini galleggianti costruiti con fango e giacinti d’acqua e ancorati al fondo con pali di bambu’. Si visita il monastero Nga Pha Kyaung famoso un tempo per i gatti addestrati dai monaci, i villaggi degli Intha, costruiti sull’acqua, e la grande pagoda Phaung Daw U Kyaung, la piu’ importante dello Stato degli Shan. Cena e pernottamento.

7° giorno: IL MISTERIOSO SITO DI INTHEIN – PRANZO in una CASA degli  INTHA

birmania-07-800x600

Prima colazione. Mattina partenza in motolance per la visita delle splendide colline di Inthein, in braccio secondaria del lago. Qui si trovano più di mille pagode risalenti al XIII secolo che circondano un antico monastero. Si ritorna al pontile attraversando una foresta di alti bambu’. Seconda colazione in esclusiva in una casa degli Intha. Si prosegue per i villaggi della parte centrale del lago, il villaggio di Impawkho dove decine di donne lavorano ai telai, quindi si ammirano altri villaggi costruiti sull’acqua, quello di Nampan e le famose coltivazioni di frutta e verdura galleggianti sulle acque. Rientro per la cena e pernottamento in hotel.

8° giorno: INLE – SAGAR – PEKON – LOIKAW

???????????????????????????????

Partenza dall’hotel e si attraversa il lago nella sua parte estrema e poco visitata. Si visitano templi poco frequentati ma spettacolari. Prima tra tutti la zona di Sagar. La valle intorno e’ interamente coltivata e vi si trova anche una piccola fabbrica per ricavare alcool dal riso. Inoltre si visiteranno le pagode nel villaggio di di Tar-khaung. La popolazione qui sono principalmente Shan, Pao, Inthas e Danus. Si passa attraverso una strettoia panoramica, il “canale dell’orco” con i resti di una antica citta’. Arrivo a Pekon, in terra Padaung, se in tempo sosta presso la NGO italiana locale che si occupa dei bambini (scuola e clinica) quindi in circa 2 ore arrivo a Loikaw, sistemazione in hotel cena e pernottamento

9° giorno: GROTTE DI PINDAYA

pindaya11

Trasferimento alla stazione di Shwe Nyaung (30 MINUTI) per prendere il treno locale per Aungban in partenza tra le 08:00 e le 09.00. Partenza per il viaggio in treno che attraverso le verdeggianti colline porta attraverso un percorso panoramico, alla stazione di Aungban. Arrivo previsto intorno alle 12.00. Seconda colazione in ristorante locale, quindi partenza per Pindaya, per visitare le famose grotte sacre ai buddhisti, in cui sono stati messi nel corso dei secoli, più di 9000 statue di Buddha di tutte le foggie e dimensioni che occhieggiano in un labirinto di stalattiti e stalagmiti illuminate dalle candele. Cena e pernottamento in hotel a Pindaya o Kalaw.

10° giorno: RIENTRO A YANGON E PARTENZA (POMERIDIANA/SERALE )

Trasferimento in aeroporto per volo per Yangon. Si conclude compatibilmente con l’orario di partenza internazionale la visita della città di Yangon.

Seconda colazione in ristorante locale, trasferimento in aeroporto e partenza.

Itinerario di Viaggio

Informazioni generali

La quota comprende:

  • Tour in seat in coach con guida locale parlante italiano
  • soggiorno negli hotels menzionati o similari, voli interni di linea aerea privata locale:  Air Bagan,Yangon Airways, Air Kambawza, Man Yadanarbon, facchinaggi negli aeroporti (1 valigia a testa)
  • pensione completa con pasti in albergo ed in ristoranti locali selezionati, a partire dalla cena del primo giorno, fino al pranzo dell’ultimo giorno (escluso per programmi dove è indicato solo transfer out l’ultimo giorno), trasferimenti, visite, ingressi ai luoghi indicati, con mezzi privati, giro in calesse a Bagan , pranzo in casa Intha, cocktail panoramico a Yangon

La quota NON comprende:

  • early o late check-in negli hotels
  • bevande ai pasti, mance
  • extra personali
  • assicurazione
  • visto d’ingresso
  • spese di trf per bonifico bancario e quanto non espressamente menzionato nella quota comprende.
torna su