Armenia e Iran

tehran-iran-2010-1857jewel3handi_1kashans_sialk_hillponte-khajoo-a-zayandeh-800x600naqsh-i_rustam_ritebook-in-001naqsh-i_rustam_ritebook-in-003moschea-1000-specchi-shiraz-iran-01tabrizpetstchernyy-gorod-khndzoresknovarankhaghartsin-3_800_600cattedrale-di-echmiadzinkashan-2

In Breve

Armenia: il processo per la costituzione del nome di questo paese è stato lunghissimo e complesso. Il territorio che oggi coincide con quello dell’Armenia si chiamava, originariamente, Hayq, e quindi Hayastan, che potrebbe essere tradotto come “terra di Haik” (mentre “stan” è un suffisso persiano che indica un territorio). La leggenda narra che Haik altro non fosse che un discendente di terzo grado di Noè, il personaggio biblico, e quindi in qualche modo sarebbe stato l’antenato di tutta la popolazione armena.

Haik avrebbe vissuto ai piedi dell’Ararat e avrebbe anche assistito alla costruzione della Torre di Babele. Il nome Armenia deriva a Armenak, o Aram, discendente di Haik e valoroso combattente. Il termine sarebbe stato scelto proprio dalla popolazione del paese, per ricordare il valore di questo guerriero. Le fonti che risalgono all’età protocristiana citano però un altro nome, quello di Nairi, ovvero Terra dei Fiumi, che sarebbe poi il territorio oggi compreso dall’Armenia nonché antico nome delle montagne. L’iscrizione Nairi venne ritrovata in una roccia di Behistun, in Iran, ed è datata 521 a.C.Queste sono le origini del nome della Repubblica di Armenia.

L’antica Persia: un paese che occupa una posizione strategica tra Oriente e Occidente, e che ha segnato la storia dell’umanità. Qui si potranno scoprire dei monumenti zoroastriani antichissimi, le moschee, bazar e cittadelle fortificate medievali, in un bacino inesauribile di arte e di grande bellezza. Il viaggio inizia con un volo diretto a Shiraz, la capitale letteraria della Persia; per poi proseguire per la città santa di Persepoli, simbolo grandioso dell’impero achemenide; le tombe reali di Naqsh-e Rostam scavate nella roccia e la tomba di Ciro il Grande a Pasargade; Isfahan, perla dell’architettura persiana, culla delle arti e delle scienze. Il viaggio si conclude con l’arrivo nella capitale Teheran, con i colori e la vitalità dei bazar, la raffinatezza dell’artigianato che si esprime nella secolare tradizione del tappeto, ci si sposta poi a sud. La dolce Persia dei poeti raffinati, dei giardini profumati, della maestosità delle montagne finirà per sedurci anche per la gentilezza, dolcezza e ospitalità degli abitanti.

Partenza: 12 agosto - 25 agosto
Durata: 14 giorni 13 notti
Gruppo minimo: 10
Costo per persona: Euro 2750,00 Sup.singola € 420,00
Prenotazioni entro: fino ad esaurimento posti, versando acconto di euro 900,00 saldo entro un mese dalla partenza.

Il Programma di Viaggio

1° giorno: Italia – Armenia

Ritrovo dei partecipanti in aereoporto e operazioni di imbarco volo a Yerevan con scalo.Incontro con la guida in lingua italiana  all’aeroporto Zvartnoc e trasferimento in hotel.

2° giorno: Yerevan – Ejmiatsin – Zvartnoc – Yerevan

cattedrale-di-echmiadzin

Colazione. Inizio della visita della capitale armena definita la “città rosa” per il colore delle pietre ma anche dal riflesso della luce proveniente dai picchi innevati del Monte Ararat al sorgere del sole. Visita al museo di Matenadaran. Sosta al Memoriale del Genocidio sulla collina di Tsitsernakaberd. Pranzo al ristorante locale. Partenza per Echmiadzin. Visita alla Cattedrale di Echmiadzin, un posto davvero spirituale che mostra la particolarità della Chiesa Armena. Oggi Echmiadzin è la Santa Sede del Catholicos, il cuore spirituale della Chiesa Apostolica Armena. Visita alle rovine della Cattedrale di Zvartnots (sorse nel VII secolo). Cena in un bel ristorante. Pernottamento a Yerevan.

3° giorno: Yerevan – Garni – Geghard – Sevan – Yerevan

haghartsin-3_800_600
Colazione. Partenza per Garni (a circa 30 km. da Yerevan) e visita di questo centro di cultura ellenistica e romana ed antica residenza dei reali armeni della Dinastia Arshakuni; si visiteranno il Tempio dedicato al Dio Sole, i resti della muraglia del terzo secolo a.C. e le Terme Romane. Proseguimento per il Monastero di Geghard chiamato con il nome della lancia che trafisse il corpo di Cristo, ubicato in un profondo canyon molto spettacolare: per metà costruito dentro la roccia, risale, secondo la tradizione, al quarto secolo. Pranzo nella casa locale, dove potete partecipare alla preparazione del pane armeno ‘‘Lavash’’. Visita al lago Sevan. Rientro a Yerevan. Cena in un bel ristorante. Pernottamento in albergo di Yerevan.

4° giorno: Yerevan – Khor Virap – Noravank – Karahunj – Goris

novarank

Colazione. Partenza per la regione di Ararat per visitare il Monastero di Khor Virap. Dal Monastero si gode una splendida vista del biblico Monte Ararat. Si prosegue per Areni, famosa per il suo vino, per un assaggio presso una delle cantine della zona. Pranzo in una casa locale. Partenza per la regione di Vayots Dzor e si va a visitare il meraviglioso complesso monastico di Novarank (12esimo/ 13esimo secolo) posto in una spettacolare posizione sull’orlo di un precipizio. Visita all’oservatorio Karahunj. Cena e pernottamento a Goris.

5° giorno: Goris – Tatev – Kndzoresk – Kapan

petstchernyy-gorod-khndzoresk

Colazione. Visita al monastero più bello in tutta l’Armenia, quello di Tatev (IX-XIIIsecoli). Un ex centro per le scienze e l’arte, dove secoli fa hanno vissuto e lavorato molti tra i più grandi armeni famosi. Il complesso Tatev si compone di tre chiese,un refettorio,una biblioteca, una volta residenza diversi. Pranzo in un ristorante locale. Partenza verso la città di Kapan. Durante il tragitto sosta per visitare il villaggio Khndzoresk (città trogloditico). Voi avete sentito su un villaggio dove ci sono più di 100 case ,ma non ci sono abitanti città morta? Un villaggio di questo tipo è il Khndzoresk. Cena e pernottamento a Kapan.

6° giorno: Kapan – Meghri – Tabriz

Colazione. Transferimento alla frontiera Armenia-Iran. Incontro con la guida ed autista d’Iran. Partenza verso la città di Tabriz. Durante del tragitto sosta per visitare la cattedrale St. Stepanous. La sera visita la giardino di Elgoli. Pernottamento a Tabriz.

7° giorno: Tabriz – Shiraz

tabriz

Colazione. Passaggio per la città di Tabriz. Visita al museo di Azerbaijian, Moschea Blu, Casa-museo di Mashrouteh e mercato vecchio di Tabriz.
Transferimento all’aeroporto di Tabriz per il volo verso a Shiraz. Arrivo e transferimento all’albergo.

8° giorno: Shiraz

moschea-1000-specchi-shiraz-iran-01

Colazione in hotel. Giornata dedicata all’incontro con la leggiadra Shiraz, culla della poesia e della cultura persiane. Moltissimi i monumenti immersi nell’ incanto di una indefinibile atmosfera: i mausolei dei poeti Hafiz e Saadi, moschea di Nasir ol Molk. Capitale del Fars costruita a 1525 metri di altitudine. Shiraz è stata cantata dai poeti come oasi delle rose e del vino e degli usignoli, e non a caso ha dato i natali a due dei sommi poeti persiani, Hafez il sufi ermetico e Saadi, il grande viaggiatore. Shiraz è dunque meta di pellegrinaggi perché in oriente gli uomini di grande cultura sono venerati. Visita ai loro mausolei, al mistico santuario dello ChahCheragh, alla moschea Jame-e-Atig e a quella del Venerdì, al piccolo museo del Fars ospitato nel padiglione ottagonale fatto costruire da Karim Khan-e-Zand, all’Orangerie e al vivace bazar-e-Vakil. Shiraz, nota anche per i suoi giardini e per la mitezza del suo clima. Capitale del Fars costruita a 1525 metri di altitudine. Rentro in albergo cena e pernottamento.

9° giorno: Shiraz – Esfahan

naqsh-i_rustam_ritebook-in-003

naqsh-i_rustam_ritebook-in-001

Colazione. Partenza per Esfahan. Durante il percorso visita a PersepoliNaqsh-e Rostam, luogo delle tombe dei primi Imperatori, cioè Dario il grande – Serse – Artaserse I e Dario II. Lo schema di costruzione prevede facciate cruciformi nelle quali si aprono porte che culminano con un fregio a bassorilievo; le due coppie di pilastri che incorniciano le porte sono sormontate da capitelli a forma di testa di toro. Al di sotto di questa necropoli achemenide si vedono otto rilievi rupestri che celebrano la gloria dell’impero sasanide. Proseguimento del viaggio in direzione di Esfahan e inizio della vista ai ponti antichi del 1600. Pernottamento.

10°-11° giorno: Esfahan

ponte-khajoo-a-zayandeh-800x600

Prima colazione in hotel e giornata dedicata a questa splendida città, capitale della provincia omonima. Esfahan, nel 600 fu una delle più brillanti capitali dell’Oriente e veniva chiamata con l’appellativo “l’altra metà del mondo”. Visita alla grande piazza centrale della città (ora piazza dell’Imam) è veramente suggestiva col suo sfondo di cupole e minareti, colonne ed arcate che ormai da più di quattro secoli si compongono in un quadro unitario. Sulla piazza si affaccia la moschea dell’Imam. Su un altro lato della piazza si affaccia invece l’elegante e slanciata moschea Loftollah. Di fronte a questa moschea si trova il palazzo Ali Qapu (porta alta) che una volta rappresentava il monumentale accesso ai palazzi reali. La grande terrazza serviva un tempo da loggia reale e da questo eccelso punto di osservazione lo Scià seguiva insieme ai suoi ospiti gli spettacoli che avevano luogo nella piazza. La sala della musica, all’interno del palazzo, colpisce per la straordinaria decorazione delle pareti e della volta, con intarsi raffiguranti bottiglie, flaconi e strumenti musicali che non solo avevano valore ornamentale ma dovevano sicuramente servire a migliorarne l’acustica. Poco distante dalla ristorante e proseguimento delle visite. Di grande interesse il quartiere di Jolfa, dove nel 1603 venne deportata una intera comunità armena allo scopo di rivitalizzare l’economia di Esfahan: punti salienti della visita, la cattedrale del Salvatore e l’annesso museo. Pernottamento a Esfahan.

12° giorno: Esfahan – Tehran

kashans_sialk_hill

Colazione. Al mattino presto partenza per Tehran. Durante il percorso visita della città di Kashan. Le origini della città sono probabilmente antiche; secondo una tradizione locale proprio da qui sarebbero partiti i tre Re Magi per la loro lunga ricerca della culla di Betlemme. Oggi Kashan è famosa soprattutto per le sue ceramiche e piastrelle invetriate, per i suoi tappeti e per i velluti. Nella città si trovano le Colline di Sialk (V° millenio a.C.) si visita il Giardino di Fin le ville dell’ottocento come la casa bioclimatica. Pernottamento a Tehran.

13° giorno: Tehran

tehran-iran-2010-1857

Prima colazione e giornata dedicata alla visita alla città di Tehran (altitudine 1150 m.), l’attuale capitale politico – amministrativa. Teheran è una città relativamente giovane in contrapposizione ad un impero dalle tradizioni così antiche. La città, situata lungo il percorso della via carovaniera che attraversava il paese da nord a sud, cominciò ad acquistare man mano importanza come luogo di sosta e ristoro per i mercanti ed i loro seguiti fino ad essere prescelta quale capitale dello stato della dinastia dei Cagiari che l’arricchirono di viali, giardini e palazzi. A partire dalla seconda guerra mondiale Teheran ha conosciuto una rapida crescita.

jewel3

Visita del bazar degli straordinari gioielli appartenuti alla dinastia safavide e successive, al Museo Archeologico ricco di reperti che tracciano la storia del paese, straordinaria la collezione di manufatti fittili, al Palazzo reale di Golestan e tesori della banca centrale famoso come museo dei gioielli. Pernottamento.

14° giorno: Theran – Italia

Trasferimento nella notte in aereoporto e operazioni di imbarco volo di rientro in Italia,arrivo e fine dei servizi.

Itinerario di Viaggio

Informazioni generali

Le quote includono:

  • Sistemazione in camera  doppia  in hotel
  • Guida parlante italiano per la durata del tour
  • Tutti i trasferimenti in programma
  • Pensione completa dalla cena del primo giorno alla prima colazione dell’ultimo
  • Tutte le escursioni ed ingressi ai monumenti come indicato nel programma;
  • Una bottiglia di acqua al giorno per persona.
  • Volo interno: Tabriz-Shiraz franchigia bagaglio 20 kg
  • Degustazione del vino
  • Kit da Viaggio
  • Assicurazione medica (massimale 10.000,00)  e bagaglio (massimale 1.500,00)
  • Assicurazione contro annullamento al viaggio copre intero importo del tour.

Le quote non includono

  • Bevande alcoliche;
  • Mance per le guide e gli autisti;
  • Visite fuori programma;
  • Visto per l’Iran euro 90,00
  • Voli internazionali da euro 450,00 tasse incluse  soggetti a riconferma
torna su